Lugana Brolettino Grand’Annata 2002, Ca’ dei Frati , 13 gradi.

Un bianco sontuoso.

17 anni non sono pochi per nessun vino; per un bianco, una sfida, perduta anche da parecchi Riesling, che pure hanno fama di longevità.

Questo Lugana l’apro con poche aspettative, perché lo comprai in un’enoteca di Sirmione, già vecchio di qualche anno (sarà stato il 2008 o il 2009) e più ancora ne ha trascorso nella cantina domestica – non la migliore.

Vero è che da un Lugana una certa longevità è possibile aspettarsela, stante la parentela della sua uva (Trubiana o Trebbiano di Lugana) col Verdicchio; vero è che questo “Brolettino Grand’Annata” era una selezione affinata in legno delle migliori uve; ma l’etichetta sul retro perentoria afferma che il vino raggiunge il suo meglio in 5 anni.

Però, chi l’avrebbe detto? Perché il colore intensamente dorato, viscoso alla rotazione del calice, ma che lascia solo un velo sul vetro, lesto a sparire, suggerisce un vino passato.

Avvolge tuttavia in un profumo molto intenso, indubbiamente in là con l’evoluzione, di una ricchezza intossicante e decadente, come certe pagine dannunziane o certe musiche di Richard Strauss, ma ancora, fresco equilibrato, vitale.

Accordi sgrumati, addolciti dal miele, accenni di frutta a polpa gialla, si fondono a ricordi di alloro e calde note di nocciole tritate finemente, ed olio d’oliva verde, novello, finocchio e sedano, ed un debole richiamo di crema pasticciera, forse caramello, vaniglia, forse cocco, forse ananas, forse persino cenni ematici.

Il sorso è di ampiezza estrema, persino più ricco delle attese, di una consistenza tattile che rammenta i quadri di Vittore Grubicy de Dragon, coi suoi colori caldi, autunnali, materici, o i tessuti lussuosi, caldi, fin-de-siecle, di Mariano Fortuny.

Comunque è svelto, articolato, quasi rarefatto in dettagli preziosi, rilucente come il Garda al tramonto, che sfuma e si perde nelle nebbie verso settentrione. È la salinità a tenerlo vivo, con l’acidità ancor sufficientemente vivida in accurato contrappunto, per un insieme armonioso, molto lungo, cui il minimo residuo zuccherino dona un’armonia sferica, di spigoli smussati ad arte, che ne perpetra il fascino.

Ecco: ricordo d’improvviso un’immagine di tanti anni addietro, la prima visita stupefatta al Vittoriale di D’Annunzio, la sua residenza un po’ folle, tutta ricordi d’arma e di arte. Rammento la sala da pranzo, ampia, cupa, dal soffitto basso, coperta di tappeti quasi a celare ogni voce nell’intimo mistero, a trattenere ogni suono in una meditazione sensuale e poetica. Questo vino, così delibato dal tempo, ridotto a un’essenza giovanilmente pura ed insieme enormemente antica, mi pare eletto per una simile mensa.

Abbinarlo? Ho provato con un caciocavallo stagionato in grotta, piuttosto bene; discretamente su un primo al tonno, capperi e pomodoro fresco; ma la rivelazione sono state le nozze d’amore e poesia con una mormora d’altura pescata in Sardegna e cucinata in forno, al cartoccio, con aglio, salvia e rosmarino.

Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Macrina 2010, Garofoli, 13 gradi.

Delle Marche io ricordo soprattutto la luce. Al mattino prima del lavoro mi alzavo presto per passeggiare sulla spiaggia e godere quelle albe cristalline, che definivano nettissimi i contorni e portavano nell’aria fresca il profumo del mare. Ricordo guidando verso l’interno e traversando i campi le tonalità  chiarissime di verde, mai nemmeno immaginate, se non riguardando i dipinti di Piero della Francesca: era quella luce lì.
Ricordo come si inondava di luce il piazzale della sede di Garofoli, un edificio basso dalle linee architettoniche un po’ neoclassiche, un po’ sudamericane, che in quell’ora mi abbagliava di candore.
Garofoli è un nome importante nella storia del Verdicchio e quello di Macrina segna un tempo di riscossa e rinascenza dai vini industriali, slavati, a basso costo. Col Macrina si tornava a credere nel Verdicchio e a ricercare una certa struttura, una grassezza che era degli originari vini contadini: erano i primissimi Anni Ottanta. Persino la bottiglia, un bordolese semplicissima e di vetro chiaro per lasciar vedere il colore del vino, a suo modo fece epoca, slegando il Verdicchio dalla abituale anfora di vetro creata nel 1954 da Antonio Maiocchi  e che purtroppo col tempi era diventata simbolo di vini pallidi e corrivi, spopolando nei supermercati.
Perciò sono particolarmente legato a questo Macrina: racconta una storia tenace ed è l’ultimo rimastomi da quel lontano viaggio (ero tanto più giovane, e quante speranze!). Perciò  ho esitato a lungo prima di aprirlo. Nè, purtroppo, l’ho potuto conservare nel migliore di modi: mi ha seguito per un lustro, come in tutti i miei  traslochi oltremanica. E – a sentire proprio la voce di certi soloni anglosassoni- i bianchi italiani non sono adatti  a superare felicemente la soglia dei due o tre anni. Io però – amico, amica che mi leggi- del mio Macrina mi fido, ed  infatti aprendolo e versandolo nel calice svela tutta la bellezza di un Verdicchio invecchiato, ancorché non sia una selezione ambiziosa, ma un vino inteso per un mercato che lo consuma immediatamente. Lo vedi fin dal colore giallo dorato, con riflessi ancora lontanamente verdolini, di media profondità. Muove  gocciole veloci molto fitte, però sfumate più che delineate. Ha un aroma intenso, inizialmente un po’ contratto e stanco, poi via via più aperto e dinamico. Sulle prime, esprime cenni floreali, dove distinguo la camomilla. Poi la frutta ( i limoni di Amalfi, il pompelmo, il cedro, albicocca pesca e pera), tutta molto matura però ancora fresca, che si staglia su un fondale più dolce di note candite, come mela golden e pera coscia, accenni di meringa ed un ricordo vaghissimo di cannella, quasi dubitativo. Non manca una nota minerale di iodio, pietre bagnate, ma è poca cosa. Col tempo fa capolino lo smalto, intrigante, con erba tagliata, paglia e fieno, origano. Al sorso è secco ma non troppo, ricco , carnoso ma sodo, sapido, indubbiamente di buon corpo.  Anche il sapore è ben concentrato e l’acidità ancora spiccata: quasi sorprende all’assaggio attento, perché è affondata nella carne viva del vino ed avvolta nella sua materia, così da risultare delicata. Ha una giusta persistenza, giocata sulle note più saline e perciò piace stuzzicando, in un gioco di gioventù e maturità dove l’alcol scalda un poco, ma piacevolmente. In questa fase matura, credo possa trovare un abbinamento felice col pesce, anche sulle crudità e sul sushi, ma rigorosamente a temperature più alte di quelle in genere riservate ai bianchi. Insomma: con gli anni sulle spalle ha guadagnato in complessità e profondità quello che ha perso in giovanile freschezza. Pazienza se io lo preferivo com’era appena preso in cantina, così composto e guizzante, naturale e facile alla beva: resta sempre una compagnia affidabile. Mi rimane la curiosità inespressa di sapere come sarebbe evoluto nel fresco della mia cantina; per fortuna, c’è ancora qualche bottiglia del Podium e del Serra Fiorese – che sono le selezioni di Garofoli- lì ad aspettarmi.