Lugana Brolettino Grand’Annata 2002, Ca’ dei Frati , 13 gradi.

Un bianco sontuoso.

17 anni non sono pochi per nessun vino; per un bianco, una sfida, perduta anche da parecchi Riesling, che pure hanno fama di longevità.

Questo Lugana l’apro con poche aspettative, perché lo comprai in un’enoteca di Sirmione, già vecchio di qualche anno (sarà stato il 2008 o il 2009) e più ancora ne ha trascorso nella cantina domestica – non la migliore.

Vero è che da un Lugana una certa longevità è possibile aspettarsela, stante la parentela della sua uva (Trubiana o Trebbiano di Lugana) col Verdicchio; vero è che questo “Brolettino Grand’Annata” era una selezione affinata in legno delle migliori uve; ma l’etichetta sul retro perentoria afferma che il vino raggiunge il suo meglio in 5 anni.

Però, chi l’avrebbe detto? Perché il colore intensamente dorato, viscoso alla rotazione del calice, ma che lascia solo un velo sul vetro, lesto a sparire, suggerisce un vino passato.

Avvolge tuttavia in un profumo molto intenso, indubbiamente in là con l’evoluzione, di una ricchezza intossicante e decadente, come certe pagine dannunziane o certe musiche di Richard Strauss, ma ancora, fresco equilibrato, vitale.

Accordi sgrumati, addolciti dal miele, accenni di frutta a polpa gialla, si fondono a ricordi di alloro e calde note di nocciole tritate finemente, ed olio d’oliva verde, novello, finocchio e sedano, ed un debole richiamo di crema pasticciera, forse caramello, vaniglia, forse cocco, forse ananas, forse persino cenni ematici.

Il sorso è di ampiezza estrema, persino più ricco delle attese, di una consistenza tattile che rammenta i quadri di Vittore Grubicy de Dragon, coi suoi colori caldi, autunnali, materici, o i tessuti lussuosi, caldi, fin-de-siecle, di Mariano Fortuny.

Comunque è svelto, articolato, quasi rarefatto in dettagli preziosi, rilucente come il Garda al tramonto, che sfuma e si perde nelle nebbie verso settentrione. È la salinità a tenerlo vivo, con l’acidità ancor sufficientemente vivida in accurato contrappunto, per un insieme armonioso, molto lungo, cui il minimo residuo zuccherino dona un’armonia sferica, di spigoli smussati ad arte, che ne perpetra il fascino.

Ecco: ricordo d’improvviso un’immagine di tanti anni addietro, la prima visita stupefatta al Vittoriale di D’Annunzio, la sua residenza un po’ folle, tutta ricordi d’arma e di arte. Rammento la sala da pranzo, ampia, cupa, dal soffitto basso, coperta di tappeti quasi a celare ogni voce nell’intimo mistero, a trattenere ogni suono in una meditazione sensuale e poetica. Questo vino, così delibato dal tempo, ridotto a un’essenza giovanilmente pura ed insieme enormemente antica, mi pare eletto per una simile mensa.

Abbinarlo? Ho provato con un caciocavallo stagionato in grotta, piuttosto bene; discretamente su un primo al tonno, capperi e pomodoro fresco; ma la rivelazione sono state le nozze d’amore e poesia con una mormora d’altura pescata in Sardegna e cucinata in forno, al cartoccio, con aglio, salvia e rosmarino.

Lugana I Frati 2010, Ca’ dei Frati, 13 gradi.

Portai questo Lugana con me in Inghilterra quattro anni fa, in quel che è stato per me scoperta, nuova vita, ma soprattuto esilio. Mi piacque allora che mi seguisse tra le nebbie del nord come ricordo di quel Lago di Garda così azzurro e solare e della bella Sirmione, che è così dolce sulle coste maestose del suo promontorio. Quante gite negli anni laggiù, con mamma e babbo, e poi amici ed amori. Recita la retroetichetta della pesantissima bottiglia di vetro nero: “raggiunge il suo ottimo gustativo tra il terzo ed il quinto anno dalla vendemmia”: sono stato quindi fedele all’indicazione del produttore, se ne ho ritardato fino ad ora l’apertura. Forse: in verità l’ho conservato in luogo sicuramente non adeguato e ne sono consapevole. Forza sù: lo apro, estraggo il lungo tappo di sughero intero, molto serio. Vedi? Eccolo dorato pieno, ossia di profondità mediana tra trasparenza e concentrazione, ma più vivido che pallido. Dispiega subito una grande pienezza aromatica da vino evoluto, con le note candite evidenti di frutta caramellata, e quelle di frutta secca. Similmente alla bocca: ricco di sapore concentrato e di residuo zuccherino, al punto che sospetto rasenti il massimo di 12 grammi per litro consentiti da questa DOCG che in materia  è particolarmente generosa. Ricorda quasi un bianco Pinot Gris alsaziano. Vino flessibile e passante sul palato, l’acidità  non basta però a bilanciarlo e mi resta dolce e pesante, al punto quasi di stuccare. Rimango insomma interdetto: ha tante caratteristiche che sulla carta amo (quelle note aromatiche complesse che solo la patina del tempo dona, la pienezza del corpo, l’intensità del gusto, la tessitura fitta ed elastica, la più che discreta persistenza, la tinta calda che tenta lo sguardo, la stessa abboccatura che di solito risulta così gastronomica e benvenuta negli abbinamenti), però nel complesso non mi convince.  Versa e riversa, sorso dopo sorso, il dubbio mi rimane. Diamine: è sconfortante, come uscire a cena con una bella donna dagli occhi splenditi, i capelli lucenti, il fisico sensuale e trovarsi e dire: “non scatta nulla, non so se mi interessa”.  Però ho imparato che col vino è come con l’amore: a volte ci vuol tempo, non bisogna giudicare d’acchito. Allora ne lascio un po’ da parte, una quantità bastevole l’indomani per goderne e non solo per un assaggio degustativo. Ecco che il tempo compie la sua opera ed il vino recupera il suo respiro, il passo lento e affaticato trova uno slancio nuovo all’aria che invade la bottiglia aperta. Gli aromi conquistano definizione: i fiori sono di nuovo sbocciati ed hanno petali di giglio bianco freschi e carnosi; sugli strati di frutta caramellata si sono ora posati limoni maturi e cedri aperti in due, odorosi; la frutta secca si ritira discreta  e si ammanta di una polvere di spezie dolci, dove la cannella si allea allo zafferano, per un profilo al mio naso più dinamico e vivace. Persino il residuo zuccherino cede il passo ad un’energia ritrovata: una corrente acida che sa spingere i motori ad un regime allegro è lì quasi per magia, come se un circuito elettrico a massa fosse stato d’un tratto ristabilito. Ora sì che ci siamo ed onore si rende al Turbiana o Trebbiano di Lugana – e su un antipasto all’Italiana o sui sapori complessi  di un pesce di lago o di acqua dolce, anche tu amico o amica che mi leggi potresti goderne trovandone una bottiglia gemella, prestando cura che la temperatura di servizio ne esalti gli equilibri: sia fresco infatti e per nulla freddo. lo lo so che non è vero, ho imparato che a quel tempo i vini eran diversi: ma mi piace tuttavia pensare che il poeta Catullo, tornando finalmente a casa nella sua Sirmione dopo un lunghissimo viaggio dalla lontana Bitinia, brindasse con un Lugana come questo al suo ritrovato tetto e che il vino gli stimolasse le risa, a lui e ai famigli: risa su risa, fino a inondare l’enorme casa dalle infinite arcate. Un Lugana come questo: vecchio del tempo dovuto al viaggio, degli anni rubati alla vita.