Rosato IGT Toscana 2019, Sanlorenzo, 14 gradi.

Superato il fitto bosco, quando si arriva sulla sella ariosa dove sorge la cantina di Sanlorenzo, viene fatto di fermarsi in limine: oltre ci sono le vigne digradanti, e ancora boschi, e acque, chissà; ed un orizzonte infinito che si spinge oltre i monti fino al mare, sorvegliato dall’Amiata massiccio, a sinistra, limitato dalla Val d’Arbia misteriosa, a destra. Bisognerebbe essere uccelli e spiccare il volo per superare quella soglia fatata; invece lì si resta, figurandosi spazi distesi, concavità discrete, luci e ombre, animali nascosti, fiori sperduti come gioielli lascati cadere negletti da un sovrabbondante scrigno. Intorno, i grappoli turgidi danzano al sole.

A 500 metri d’altezza, questa terra è vocata per Brunello eleganti e robusti.

Dal 2014 però, Luciano Ciolfi, anima di Sanlorenzo, ottiene dalle sue uve anche un rosato, col salasso di piccole quantità di mosto.

Ho avuto la fortuna di poterne assaggiare tutte le annate, fino alla 2019, ultima imbottigliata.

Sei vendemmie sono una traiettoria sufficientemente lunga per delinearne i caratteri fondamentali: è un rosato estremamente elegante, potente, ricamato e preciso, di una naturalezza disarmante.

Pur restando se stesso, legge in trasparenza ogni annata, sempre diverso: ad esempio, il 2019 spicca per mineralità e gentilezza, felicemente abbinandosi al pesce; certi millesimi, più ampi e sul frutto, si accostano gioiosi a piatti di terra.

Sarebbe interessante affrontarne una verticale: non teme certo qualche anno di invecchiamento.

Mi risuona sempre l’idea che sia un’essenza di Brunello: intendo un Brunello spogliato della sua massa, dei suoi tannini, ridotto a un’idea primigenia e rarefatta di profumi e sapori, lieve ed etereo come un aquilone di carta, alto nel cielo per un soffio di vento. Ecco la magia: ha nel suo colore certi attimi sospesi tra tramonto e crepuscolo, come li ho visti in inverno dai pendii di Sanlorenzo, che durano un nulla come le cose belle, come il piacere abbagliante di questo Rosato.

Questo 2019, che accanto all’abituale affinamento in tonneaux, ha visto il passaggio di una piccola quantità in clavier, è di tinta bellissima, trasparente e luminosa, dai riflessi vagamente ramati da cipolla di Certaldo, con gocciole fitte, veloci, persistenti.

Il profumo è molto intenso e molto complesso, elegantemente sfumato e musicalmente fuso: in lui trovo fiori secchi di campo gialli e viola, tanta camomilla. Poi frutta mediterranea e antica: arancia, corbezzolo, giuggiola; la suggestione esotica del lichi contrapposta a una nordica mela verde; e la paglia, il fieno che asciuga al sole, struggente evocazione campestre da quadro macchiaiolo; lo iodio, il ferro: sentimenti marini e guerrieri addolciti da una spaziatura molto tenue, molto dolce, di cacao bianco; infine, note di alloro e di resina, tra lo splendore ordinato di un giardino e l’ombra gentile di un bosco.

Corpo ampio, gran stoffa, attacco energico e dolce, corrente salina continua, acidità franca e decisa, tengono e ritmano l’incanto trasognato dei profumi, con un alcol presente, in ottimo equilibrio, che carezza il palato. Il sorso è avvolgente, secco, slanciato, notevolmente persistente, ma ben calibrato per esaltare la tavola, con una scia minerale e salina che pulisce e rinfresca; quasi fosse un’acqua profumata, sapida, saporita, insieme fresca e calda.

Eccezionale e beverino, sulla mia tavola, con un gran fritto di mare: perfetto per morbidezza, profumo, pulizia del palato.

Visioni di Montecucco

Anzitutto: chi non conosce o non ha bevuto i vini del Montecucco, si perde qualcosa di grande.

A spanne, parliamo di vini che vengono dalle pendici occidentali del Monte Amiata, in provincia di Grosseto, a sud della DOCG del Brunello di Montalcino, guadato l’Orcia (che si può oltrepassare, più prosaicamente, con comodi ponti).

Tre annate, tre cantine, tre vini, tre prospettive.

Montecucco Sangiovese 2015 Montenero, 14 gradi. Un vino affascinante, di rude potenza, ma che riesce naturalmente elegante per l’estrema compattezza del sorso: l’eleganza di un buttero dalla schiena dritta. Ha fiato potente, affumicato e boschivo, con polvere da sparo, lampone, ciliegia, amarena, arancia, viola, pepe, alloro, cannella. Corpo importante, con tannino potente, grintosissimo, forse appena un po’ verde. L’acidita è media, è salino, ma la@tensione è tutta nella maglia tannica. Fu calda e potente l’annata.

Basile Montecucco Sangiovese Cartacanta 2016, 14 gradi. Vino fresco, sul fiore, sul frutto, sulla cipria; di buona tensione, dal tannino educato, col finale molto ben bilanciato. Un vino rifinito e godibilssimo, che si giova dell’eccezionale annata 2016, potente e fresca, ma permane una sensazione di tecnicismo smaliziato, che filtra il territorio. L’arrotonda un 10% di Merlot.

Montecucco Rosso 2018 Campinuovi, 13,5 gradi. È il rosso “della casa”, il meno ambizioso, di questo produttore di Cinigiano, che confina con Basile. Sangiovese all’80%, 15% Cabernet Sauvignon, 5% Merlot. Nell’annata la Riserva di Sangiovese in purezza non fu prodotta. Il profumo è un’iride colorata di straordinaria ampiezza: forse non per tutti, con le aldeidi in evidenza, ma profuma di vecchia cantina, di lieviti, di ciliegia, fragola, susina, menta, alloro, sangue, caffè, uva sultanina, polvere pirica. Di corpo e di stoffa vellutata, ha sorso puro, sciolto, coerente, con tannino maturo e abbondante, carnoso; giusto di sale, caldo di alcol, acidità notevole. E ci sono il bosco e la resina, netti: la firma del Montecucco.

L’ultima immagine è uno squarcio di panorama da Cinigiano: un territorio di bellezza abbagliante.

Ser Piero, Chardonnay Toscana IGT 2011, Cantine Leonardo Da Vinci, 13,5 gradi

Talvolta bisognerebbe davvero assaggiarli alla cieca i vini, tanto forte è il pregiudizio; e, nei casi virtuosi, bisognerebbe tenere in più seria considerazione il lavoro delle cantine sociali.

Visitai anni addietro le Cantine Leonardo Da Vinci: una realtà cooperativa solidissima, senz’altro di grandi numeri e con un occhio al mercato internazionale; sicuramente ambiziosa e condotta da persone preparate. I vini: curati, gradevoli, lineari, misurati, molto affidabili; manca l’emozione dei vini artigianali.

In quella occasione occasione comperai tra gli altri questo Chardonnay in purezza. Ne avevo già assaggiato anni prima un esemplare di altra annata, trovandolo più che discreto ed il prezzo era appetibile.

Veramente: non sono amante dello Chardonnay in terra italica, specie al centro e al sud: con i dovuti distinguo so che esistono alcuni vini di valore, ma preferisco bere altro. Neppure intendevo invecchiarlo così tanto questo Ser Piero 2011: semplicemente, non lo trovavo più nella mia cantina e mi ero ormai convinto di averlo già bevuto senza spuntarlo per errore dall’elenco.

Mi sono perciò accostato a questa bottiglia di nove anni con la sola aspettativa di trovare un vino corretto in condizioni passabili.

Ed invece sono rimasto stupefatto: uno tra gli assaggi più belli di questa mia estate.

Ha color limone carico, trasparente, luminoso. Rotando, lascia in velo sul calice.

Il profumo è intenso, concentrato. C’è un agrume caldo e sensuale, in evidenza: bergamotto, chinotto, cedro; un bouquet floreale bianco e giallo: come un campo di camomilla, col fieno appena tagliato e ridotto in balle che asciugano al sole; la frutta a polpa gialla: pesche e albicocche, mature, un’idea di banana; screziature di menta, di ruta, di olio d’oliva; una spaziatura tra il dolce e il saporito, con la cannella, la vaniglia, lo zafferano molto netto; c’è burro di cacao, e persino un ricordo nitido di botrite ed un tocco fumé. Si direbbe affinato in carati e con maestria, non fosse che la scheda del vino menziona solo l’acciaio.

Bella stoffa: di buon corpo, è polposo, ma agile, con un’acidità notevole; è salatissimo, minerale, dinamico, lungo, con finale di spalla larga su note di confettura, di frutta disidratata e fumé. Un bianco sferico, appena un po’ marcato dalla confezione.

In sostanza, questo Ser Piero è l’affresco deciso di uno Chardonnay mediterraneo, maturo, di rara misura, che ben figura accanto vini più celebrati: penso ai non tanti Chardonnay toscani, ma soprattutto ad esempi del Nuovo Mondo, Californiani, Sudafricani, Australiani.

Allora, per capire, bisogna scavare un po’ più a fondo; non solo oltre l’etichetta, ma proprio nel terreno: il Montalbano, formazione che separa l’areale valdinievolino e fucecchiese dalla piana di Pistoia e Prato, ha numerosi suoli di matrice calcarea, più che le altre zone toscane. È noto: dalla Champagne allo Chablis, citando classiche zone d’elezione del vitigno, lo Chardonnay ama il calcare. E poi, alle pendici del Montalbano, metti le mani nude nella terra, vi trovi quantità di conchiglie fossili, come già aveva notato Leonardo Da Vinci, che le aveva ritratte nei suoi taccuini: c’era il mare qui, lui lo aveva inteso. Conchiglie: ancora calcare.

Poi, ovviamente, sul Montalbano ci sono quote, esposizioni, venti: microclimi felici in un territorio ancora naturale, affascinante, che meriterebbe più alta considerazione dal turista e da chi, a vario titolo, si occupa di vini.

Tornando al Ser Piero, ci sono senz’altro vini più fini e identitari, ma questo, pur con i suoi esotismi, si è lasciato scolpire virtuosamente dal tempo nei suoi nove anni di vetro e si beve con molto piacere; ad esempio, sulla nostra tavola, con spaghetti col sugo d’orata.

Brunello di Montalcino “Poggio Cerrino” 2015, Tiezzi, 15 gradi.

Sarò senz’altro fuori moda, ma a me il Brunello piace berlo con parecchi anni sulle spalle. A dieci, quindici, vent’anni, nella maggior parte delle annate regala emozioni uniche, per profumo e senso tattile.

Tuttavia riconosco che un Brunello giovane offre altre soddisfazioni, non meno appaganti: frutto, tensione, energia, l’irruenza della giovinezza secondo uno spirito prepotentemente, elegantemente italiano e più ancora toscano.

Oggi ho desiderato fuggire la mia regola ed aprire questo Brunello di Montalcino “Poggio Cerrino” dell’azienda Tiezzi: annata 2015, l’ultima in commercio – climaticamente calda, secca, potenzialmente ricca.

Le uve vengono dal quadrante nord di Montalcino, da una zona piuttosto fresca, di media altitudine e sono lavorate secondo crismi tradizionali ed artiglianali: fermentazioni spontanee in tini di legno, affinamenti in botti grandi, nessuna filtrazione. Naturalezza che non abbisogna certificazioni, in vigna e cantina.

Alle spalle c’è il lavoro di una famiglia e del suo patriarca, Enzo Tiezzi, che oggi è, a ragione, memoria storica lucidissima della denominazione intera.

Ebbene, eccolo in tutto il suo vitale splendore: trasparente, rubino, lascia sul vetro lacrime irregolari, lente, fittissime.

Ha profumo ancora in divenire, molto etereo, oggi marcato dalla ciliegia matura, dal lampone, dai cereali, dalle erbe aromatiche; dopo qualche ora, col salire della sua temperatura, dal marzapane, dal burro di cacao, dalla noce moscata, dalla cannella, dal chiodo di garofano.

Il corpo è molto ampio, ma teso; dal tannino ruggente, però sostanzialmente fine; di salinità vivida, tuttavia avvolta di estratti; ed un alcol perfettamente bilanciato, malgrado i suoi 15 gradi; un’acidità solleticante, del tutto discreta; e una lunghezza adeguata.

Persino: si potrebbe definire fresco e boschivo, a dispetto della calura dell’annata.

Maestosità solenne, complessità pittorica, lo sappiamo, gli verranno col tempo.

Anche questa è la grandezza del Brunello di Montalcino di tradizione: giovane o vecchio, è sempre squisito, sta sempre bene a tavola, un sorso chiama l’altro.

Vino eroico nei parametri organolettici, ma che non richiede alcun sforzo per essere bevuto, brindando e festeggiando la vita.

Oggi, per noi, ottimo con un lesso squisito di vitellone di 24 mesi dell’azienda Romagnoli di Montaione, fornita dalla macelleria Falaschi di San Miniato – come dimostra la bottiglia: decisamente bevuta, non delibata.

Montevertine 2001, Az. Agr. Monteverine, 12,5 gradi.

Nell’estate del 2001 ero in servizio civile – mi ero trovato costretto ad interrompere momentaneamente gli studi, che portavo avanti con fatica.

Ero innamorato di una bella fanciulla – non ricambiato, o non ci capimmo.

Morì in quei giorni la mia amata nonna Gina.

Eppure, malgrado questi brutti ricordi, di quell’estate rammento il sole, come se la pioggia non fosse esistita. Sole, calore, luce: una vibrazione luminosa che investiva anche le notti.

Sarà che avevo solo 24 anni.

Quell’estate maturavano le uve di questo Montevertine – ed allora le colline di Radda non mi erano affatto familiari come oggi: mi orientavo appena nella vasta zona del Chianti Classico.

Nel 2001 c’erano a Montevertine Martino Manetti (e c’è tuttora), Bruno Bini e Giulio Gambelli (che ci hanno lasciato), i quali imperterriti portavano avanti un’idea di vino classico, proporzionato, riflessivo, trasparente nel colore e nell’anima, in un’epoca di vini scuri, pomposi, costruiti con la voglia di stupire ed ottundere.

Questi concetti mi erano allora ignoti: li avrei intesi solo molti anni dopo.

Nemmeno li conoscevo diversi anni dopo quando acquistai questa bottiglia, che stava impolverata e verticale sullo scaffale più alto di una piccola enoteca milanese, dalle parti di corso Buenos Aires: certamente avevo letto e ascoltato riscontri ottimo su questo vino, ma generici, cioè senza chiave interpretativa.

Qualcosa, nel tempo da allora trascorso, penso di averlo imparato: un po’ di nozioni e un po’ di esperienza.

Conosco oggi la strada per Radda, so dove si svolta per Montevertine; conosco quel cielo, quell’aria, ho odorato un pugno di quella terra; negli occhi ho disegnate quelle colline.

Quei nomi, che l’etichetta raccontava con trasparente umiltà e orgoglio, oggi so che posto occupano nella storia del vino mondiale.

Questo vino oggi ha 19 anni. L’avessi comprato in cantina, o comunque poco dopo L imbottigliamento, avrei avuto il polso fermo di attenderlo più a lungo; vista la cattiva conservazione subita durante i primi anni, mi son deciso ad aprirla, con adeguato anticipo.

Difatti il tappo è molto secco, tende a sfaldarsi: evito il peggio con cura e fortuna.

Non saprò mai come poteva essere questo Montevertine 2001, se ben conservato – altre bottiglie non ne ho.

Quel che leggo nel calice è un vino granato, con sfumature arancio e quasi dorate, di buona trasparenza, luminoso.

Il profumo è intenso e ritroso insieme, un continuo cangiare, con la stessa naturalezza delle nuvole mosse dal vento.

Si potrebbe analizzarlo freddamente, coi descrittori insegnanti dalle varie scuole, oppure applicando griglie tecniche standardizzate, ma se ne perderebbe l’essenza trasognata: c’è in lui un quid sfuggente, che la parola stenta a evocare.

Il motivo sta scritto in etichetta: un luogo e le persone. Nessuna griglia può racchiudere la vita.

Pertanto, anche se amo essere preciso ed metodologie condivise, mi arrendo. Sospinto dall’emozione, i freddi descrittori acquistano un significato nuovo e pulsante.

I fiori, le viole, sono proprio quelle viole, colte in un angolo e momento precisio: convivono nell’evocazione fresche e appassite.

La ciliegia è materica, ma ecco: un momento essa è acerba e fresca, poi matura, poi diviene conserva sotto spirito: il tempo relativizza in questo vino, la successione degli eventi oniricamente si confonde e parallelizza, come nel sinfonismo di Debussy.

C’è l’aria, c’è la pietra, c’è l’acqua dei torrenti; il bosco con le cortecce, i muschi, le castagne, i funghi, la terra; un quadro di prospettiva aerea, nel quale smagarsi.

Ci sono le erbe aromatiche, colte nelle diverse ore del giorno; così pure le spezie.

Perché questo è un vino che si muove, un vino che cammina; molti altri, pur grandi, stanno.

C’è il ferro e c’è il sangue: persino la violenza della vita qui è ricomposta in superiore armonia.

L’aldeide è un grido di rondine a sera.

Al sorso, seta: la tessitura di qualità impalpabile che ho trovato in tutti i vini di Giulio Gambelli: l’attaccare energico e delicatissimo insieme, come musica che nasca dal silenzio, ma decisa; l’apertura al centro bocca, come un rapace maestoso dispiega le ali, come la ninfea sboccia in una fonte.

Il corpo agile, il tannino autorevole, l’acidità vibrante, il sale della terra vivido.

Il gusto centrato, sferico, che armoniosamente degrada e svanisce, in un riverbero lunghissimo, indimenticabile, di inattingibile equilibrio, perfetto compagno di ogni tavola: col pollo alla cacciatora è stato oggi un dialogo d’amore.

Fosse scultura: il David di Donatello. Architettura: un chiostro brunelleschiano.

E poi, soprattutto, in lui si sente l’uva viva, schiacciata tra i denti quando pulsa ancora di vita, di sole, tutta succo, appena colta dalla pianta: mi ricordo quando mio nonno mi portava bimbetto sulle prode, coglieva un chicco maturo di sangiovese o di canaiolo – buccia tesa, polpa turgida – e me lo faceva assaggiare.

Con questo Montevertine ci si potrebbe perdere nel vago e nella poesia.

Forse, meglio tornare alle descrizioni asciutte che usavano un tempo.

Avrebbero scritto, magari: “Gran vino di stoffa e razza superiori, da uva sangiovese con quote minoritarie di canaiolo nero e colorino; profumato, armonico, secco e di corpo, da arrosti e umidi; guadagna con l’invecchiamento”.

E sarebbe stato migliore omaggio alla sua signorile misura.

Cercatoja Rosso 2004, Toscana IGT, Fattoria del Buonamico, 14 gradi.

Quasi nulla mi rattrista più che leggere certe vecchie pubblicazioni sul vino.

Non le grandi pagine di letteratura, ovviamente: Monelli, Soldati, molto Veronelli, a distanza di decenni ci restituiscono vividamente mondi scomparsi, come se li avessimo davanti: ne ravvivano colori, rumori e umori, li soffiano verso di noi come faville del maglio mosse dal vento: tale è la forza dell’arte.

Quando però l’impostazione è enciclopedica, catalogante, innanzi a tutti quei nomi caduti nell’oblio la malinconia si fa strada. Che ne è di quelle aziende, dei luoghi, dei vini? Certi Cru, più o meno celebri un tempo, oggi dimenticati, ridotti a bosco o, peggio, pompa di benzina? Mi pare di trovarmi innanzi alle lapidi dei vecchi al cimitero, perché intorno a quei nomi c’era tutto un mondo vivo, oggi scomparso.

Similmente mi è presa la malinconia ier l’altro, ascoltando un vecchio vinile con le canzoni di Odoardo Spadaro: in quell’accento risentivo la voce dei miei nonni e di tutti i parenti che lo circondavano quand’ero piccino; in quelle storie di povera gente, di contadini, di ortolani, di emigranti, di aie e di cappelli di paglia, rivedevo il loro mondo, quello che immaginavo attraverso i loro vividi racconti: era per me un passato remoto e affascinante.

Ora sono in quel “mezzo del cammino” che consente di giudicare il passato alla distanza, di percepirne le cesure col presente, di consegnare ad esso la memoria di un mondo che non è più.

Io so che quando vado a Chiesina rivedo la mia Valdinievole filtrata con gli occhi di quand’ero bambino; e che già allora vedevo, presumibilmente, filtrata con le lenti immaginifiche dei miei nonni. Non così è per mia moglie e meno ancora sarà, con mia pena, per mio figlio: loro la vedono com’è.

Quel mondo è passato: esiste solo nei miei ricordi.

Marcello il macellaio, il suo mallegato profumato e le salsicce buone come dolci; la focaccia cotta a legna, sapida e oleosa, della bottega quando era in piazza alla Chiesanuova; l’officina morchiosa di Leino a San Salvatore, che riparava biciclette e motorini; l’odore dei garofani colti da poco nel capannone, quando li ammazzettavano i miei zii e i miei cugini: tutte realtà dissolte, consegnate ai quei ricordi che sono tesoro e fardello di ogni essere umano.

Ahimè, la lista sarebbe assai lunga ed è sempre sgradevole paragonare lo ieri con l’oggi.

In essa, tuttavia, c’è anche la vecchia Fattoria del Buonamico di Montecarlo. Oggi si chiama Tenuta del Buonamico, ma è davvero altra cosa: non dico meglio o peggio, ma altra.

La Fattoria del Buonamico che ricordo io era un luogo di sapiente artigianalità. Un edificio essenziale, dall’intonaco rossiccio, dove l’accoglienza non esisteva come la intendiamo oggi, nel senso della ricezione turistica, ma era la semplice gentilezza delle persone che vi lavoravano.

Stava – e sta ancora, malgrado i mutamenti occorsi – su un poggio appena sotto Montecarlo, in Lucchesia, sul lato che digrada verso Capànnori, dal quale si godeva una bella vista sul borgo, sulla piana di Altopascio e Bientina, sul Monte Serra.

Intorno, colline morbide, particolarmente dolci di forme e vegetazione: quasi che la natura lì si conceda un momento di riposo dopo le balze appenniniche, prima di slanciarsi verso le tormentate coste, ridendo al sole viti, ulivi e fiori, che crescono spontanei in incredibile varietà e coloritura. Lì, sullo spiazzo prima del Buonamico salivo con la Vespa per vedere le stelle e di giugno, di luglio, c’erano sempre le lucciole. A due passi, il cru Cercatoia.

Credo l’azienda fosse nata nel dopoguerra, nel 1964, per rifornire di vino un ristorante a Torino, Al Gatto Nero: era abitudine dei ristoratori toscani approvvigionarsi nelle loro zone d’origine e chi di loro poteva acquistava terra con vigna e ulivi, in un’epoca di spopolamento delle campagne. Normalmente i ristoratori affidavano la fattoria a un uomo di fiducia, perché producesse vini onesti ma senza particolari pretese, adatti alla mescita come vino della casa. Quello, immagino, l’intendimento originario della Fattoria del Buonamico.

Poi qualcosa doveva essere intervenuto, perché i vini della Fattoria che conobbi io raccontavano piuttosto una spericolata fuga in avanti, un avanguardismo sperimentale affascinante e senza rete.

Vini da singolo vigneto, in purezza o con uvaggi arditi, eppure attentamente bilanciati, che parlavano una lingua tutta loro: erano, è vero, gli anni nei quali in Italia si scopriva la barrique e si diffondevano i vitigni internazionali; trovavano pure una solida base nella tradizione montecarlese, che i vitigni bordolesi, e più ancora rodaniani, li aveva già accolti in pieno ‘800; eppure esprimevano una individualità fortissima, dovuta, credo, all’estro e all’impegno di chi dirigeva la cantina: Vasco Grassi, che ebbi il piacere di conoscere al Buonamico quando ero poco più che un ragazzino ai suoi primi acquisti direttamente in cantina, con con i risparmi da studente universitario.

Fu in una di quelle occasioni che acquistai questo Cercatoja, credo una delle ultime bottiglie prima della nuova proprietà.

Rimase nella mia cantina toscana per anni, fino allo scorso gennaio, quando decisi di aprirla insieme a mia moglie. Eravamo da soli nella vecchia casa per un paio di giorni: una scappata, perché aspettavamo la nascita del nostro bimbo a breve e dicevo: “Almeno apriamo la casa, poi vedrai fino a Pasqua non riusciremo a scendere”. Non immaginavo la pandemia che avrebbe flagellato questo 2020 e che saremmo stati impossibilitati a muoverci ben oltre Pasqua.

Quando la presi dallo scaffale dove riposava distesa ero un po’ perplesso: nella mia esperienza – senz’altro limitata- i vini rossi di Montecarlo, anche ambiziosi, esprimono il loro meglio entro i dieci anni.

Questo Cercatoja andava per i sedici.

Sfilai il tappo: un sughero intero molto lungo, molto bello, in ottime condizioni.

E cominciò la magia.

Fu una danza di ore, evocazioni che si rincorrevano sotto i travi antichi e scuri della cucina, bagliori di memoria intrecciati a quelli del focolare acceso.

La tinta: granata, trasparente, luminosa, con vaghi ricordi rubino. Gocciole sul calice, fitte, regolari, rapide, persistenti.

Il profumo: di particolare intensità, ampiezza e finezza. Etereo e rarefatto all’apertura e dopo un congruo tempo, mi ricordava sorprendentemente certi Pinot Noir Villages o Premier Crus di Borgogna invecchiati: pelliccia, alchermes, ciliegia, lampone, prugna, mirtillo, peperone verde, cola, ruta, erbe verdi, liquirizia, ferro, sangue, iodio, noce moscata, pepe bianco.

Spiriti sospesi, iridescenti, sfumati.

Virava poi, dopo 12 ore, verso i vini del Rodano, cercando il paragone d’Oltralpe: il frutto difatti diventava più scuro, emergendo toni di pepe nero, e di cappero-acciuga, da crostino toscano.

Secco, lasciava la bocca piacevolmente asciutta.

Aveva corpo pieno e tannino di trama fitta, fine, maturo, croccante; forse appena un ricordo di legno d’affinamento nella sua grana.

L’acidità: media.

Era molto equilibrato, sul sale.

Nel finale lungo: un ricordo di farina di castagne.

Aveva tutta la scorrevolezza e facilità d’eloquio dei rossi di Montecarlo, ma c’era in lui qualcosa in più e di unico.

Figlio della sua era riguardo l’uso del legno d’affinamento, aveva però trovato negli anni di bottiglia un passo cadenzato, quasi antico per trasparenze e per l’equilibrata compostezza: “Gran vino da selvaggina di piuma, assai fine”, si sarebbe detto un tempo.

A Montecarlo non ho mai assaggiato un rosso pari a questo, colto allora nei suoi sedici anni; né produzioni successive a me note mi lasciano sperare per il futuro.

Qui il Sangiovese si sposava al Cabernet Sauvignon, al Merlot e al Syrah, nelle proporzioni: 40%, 30%, 20%, 10%. L’amai come amo il Sangiovese maggioritario o in purezza.

A trovarne una bottiglia ben conservata, amica o amico che mi leggi, bevilo un po’ fresco: sui sedici gradi.

Benvenuto Brunello 2020: e vita sia.

Quel che gli racconterò.

Il 7 febbraio 2020 è nato mio figlio Iacopo. Il mio primo figlio. Voluto, desiderato.

Sarebbe dovuto nascere il 17. Mentre era in pancia della madre, già quest’estate gli dicevo: “Dai Iacopo, anticipa un po’, così andiamo a Benvenuto Brunello”. Per meglio convincerlo l’abbiamo portato lì due volte durante la gravidanza a respirare l’aria di Montalcino, a goderne il sole estivo, a sentirne l’abbraccio caldo, amichevole, familiare.

E lui mi ha ascoltato, presentandosi 10 giorni prima all’appuntamento. Quindi ci siamo messi in viaggio con questo bimbo di due settimane, che ha sconvolto ritmi, programmi, abitudini.

È andata bene così: volevo essere alla manifestazione, vedere gli amici, godermi un poco quella terra bellissima, magica nell’austerità silenziosa dell’inverno; volevo portarci Iacopo, perché la vedesse e stampasse in quei suoi occhi tondi ed ignari, sentisse quei profumi e ascoltasse quella calata, appena un po’ diversa, ma solo un poco, da quella dei suoi avi: di mio padre, del quale eredita il nome, dei miei nonni, e di altri due Iacopo a noi cogniti che lo hanno preceduto, sempre col salto di una generazione, rinnovando quasi casualmente un’usanza forse ancora più antica, chissà.

È stato il suo primo viaggio e non poteva essere altrimenti: destinazione Toscana.

Perciò, se ci siamo persi la tradizionale cena al Giglio, l’altrettanto abituale fine serata mondano alle Logge, se ho assaggiato meno vini e con meno metodo per passare più tempo con la mia famiglia, ho goduto in cambio una dimensione umana straordinariamente affettuosa: emozioni che porterò per sempre con me e che magari un giorno racconterò a Iacopo.

Gli dirò di una cena meravigliosa a casa dell’amico Stefano, con una carbonara indimenticabile e 4 bottiglie di vino godute fino alla goccia; dell’abbraccio con Monica, babbo Enzo e Rachele; dei baci che gli ha mandato Raffaella; dei complimenti di Gianluca; degli auguri di Jessica, che compie gli anni il suo medesimo giorno; dell’aperitivo da Luciano al crepuscolo, la prima visita in cantina della sua vita; della cena da Alessia con i tordi, alla quale abbiamo dovuto rinunciare per le sue bizze; del regalo di Giorgia, Lusi e Luciano; dell’affetto che lui, inconsapevole, e noi, sorpresi, ci siamo trovati attorno.

E gli racconterò tante altre cose di quei 3 giorni. Magari qualcosa anche sui Rosso e sui Brunello assaggiati dal suo babbo nei chiostri del museo mentre la mamma lo portava nell’ovetto tra le vigne.

Una storia, tante annate.

Gli racconterò la storia di quel giorno, di come mi alzai presto lasciandolo a dormire nel lettone con la mamma, sotto quei travi che l’affascinavano tanto, uscendo nel silenzio freddo dell’alba, per risalire dalla Crocina verso il Greppo e più su a Montalcino; della passeggiata per le vie ancóra sonnolente, con le serrande mezze abbassate, e le scope di saggina che si affaccendavano pigre rassettando i segni del divertimento notturno, mentre nell’aria si spandeva l’aroma di caffè. “A quell’ora, figlio mio, Montalcino era intima come un piccolo salotto, sul quale si affacciava l’uscio di ogni casa”.

Gli dirò di come prima degli assaggi ci furono abbracci e saluti e di come mostrai le sue foto, con quell’orgoglio un po’ stralunato e fuori luogo che hanno tutti i padri.

Finalmente gli parlerò di quell’annata 2015, tanto attesa e già decantata mentre il vino era nei tini.

– F: ” L’annata 2015, me la ricordo: l’estate era stata piuttosto calda, e asciutta senza eccessi. Qualche pioggia al momento giusto aveva evitato troppa sofferenza per le piante. Non erano stati necessari molti trattamenti per avere uve sane. Però il calore continuò fino all’epoca di vendemmia e c’era stata tanta luce: non era facile governare la pianta, mi dicevano, guidare e contenere la produzione di alcol. I vini nelle botti erano potenti, con i tannini scalpitanti.”.

– I: “E, babbo, com’erano i vini una volta in bottiglia?”.

– F: “A Benvenuto Brunello 2020? Generalmente armoniosi o, meglio: tutti più o meno con un bel corpo che li rendeva già molto piacevoli ed ampi. Perché, a ben vedere, in qualcuno il tannino era sovrabbondante rispetto all’acidità: non ne ricordo di particolarmente spiccate, ma per fortuna sopperiva spesso la salinità (una caratteristica troppo trascurata quando si assaggia). Generalizzando parecchio, più pronti e accomodanti quelli del versante sud, più indietro e tesi quelli del versante nord, con una riserva di freschezza per quelli delle quote più alte. Tutti vini comunque più di bocca che di naso all’epoca della presentazione, a differenza della 2014 e, in parte, della 2013: c’erano anche bei profumi, ma dovevano ancora farsi le sottigliezze; insomma, vini di una certa potenza, piacevoli, ma ancora un po’ squadrati.”

– I: “Da lungo invecchiamento?”.

– F: “Non so, quello lo scopriamo ora aprendo le bottiglie. Non mi aspetto di trovarle tutte in grandi condizioni, per via di quelle acidità non spiccate; però il Sangiovese di Montalcino spesso sorprende, vedi l’annata 2003: tanto criticata, perché caldissima in estate, con tanti vini che appena imbottigliati sembravano maturi e evoluti, aperti poi dopo 15, 20 anni erano freschi e buonissimi.”.

– I: “ I Rosso di Montalcino come ti sembrarono? Li apri sempre volentieri.”.

– F: ” Sì, sono un sorso confortevole…Dunque, c’erano i 2018 ed alcuni 2017. Sai, è sempre difficile giudicare l’annata partendo dai Rosso, perché ognuno segue la sua filosofia produttiva, più che per i Brunello. Direi che i 2017 avevano un bel frutto maturo, però l’annata secca lasciava scodate d’alcol sul finale di alcuni vini. A conti fatti avevano anche loro una certa squadratura, in quel momento. Qualcuno diceva che le migliori basi le avessero lasciate per i Brunello… A me erano piaciuti di più i 2018, perché mi sembravano più slanciati, in linea con una certa immagine che ho del Rosso”.

– I: “I Riserva?”.

– F: “Ce n’erano poche, nel 2014 si erano azzardati in pochi a imbottigliarla. Comunque Brunello di Montalcino Riserva 2014 alla manifestazione non ne assaggiai. Però c’era un Riserva 2013 che era un campione.”.

– I: “Ti ricordi quale?”.

– F: “Certamente. E comunque ho ancora tutti gli appunti…aspetta…dunque…eccoli qui.”.

F: “Considera che furono tutti assaggi in piedi, ai banchetti, in modo rilassato tra una chiacchiera e l’altra.”.

– I: “Va bene, giusto per farmi un’idea.“.

– F: “Poi, assaggiai dopo una cena piuttosto impegnativa…ma tu non prendere esempio.“.

– I: “Babbo!“.

I vini assaggiati a Benvenuto Brunello 2020, in data 22 febbraio, sabato.

Fattoria dei Barbi

Rosso di Montalcino 2018: freschi profumi; sorso guizzante, lieve, salino. Un’idea di Rosso di Montalcino personale, coerente, quintessenziale.

Brunello di Montalcino 2015: vino di misurata potenza; sorso dolce di frutta, armonico, con materia tannica matura e tenacissima. Produzione importante: 149.000 bottiglie.

Brunello di Montalcino “Vigna del Fiore” 2015: notevole struttura in divenire, già fascinosa; al sorso nobile arancia matura. Termine di confronto rispetto al precedente: 6.600 bottiglie.

Tre declinazioni diverse e belle del Sangiovese di Montalcino, personalità distinte che non rinunciano alla classicità. Malgrado le tirature importanti si mantiene una trasparenza artigianale, anche nella lettura delle annate.

Baricci

Rosso di Montalcino 2018: vino molto fresco, profumato di fiori di campo; sorso succoso, slanciato, di estrema continuità e fusione.

Brunello di Montalcino 2015: gran stoffa: integro, continuo, armonico, persistente; dissetante per l’acidità piacevolissima.

Due vini di classe, che riflettono le qualità della fresca collina di Montosoli ed il lavoro tenace dell’azienda.

Canalicchio di sopra

Rosso di Montalcino 2018: saporito, profumato: fiori e ciliegie; sorso dinamico, dialettico, di vivace freschezza.

Brunello di Montalcino 2015: vino di corpo, stoffa, energia, ha un profilo nordico: le erbe sposano la frutta rossa nel profumo e nel sorso continuo.

Brunello di Montalcino “La Casaccia” 2015: profilo simile al precedente, ma più profondo; si aggiungono fiori e ferro.

Vini di profilo caratteristico: diritti, di grande struttura e piglio, non intransigenti però: eleganti.

Col d’Orcia

Brunello di Montalcino Riserva “Poggio al Vento” 2013: monumentale, vibrante, old style, pieno di grazia. Profumi variopinti, di complessa articolazione; sorso di profondità abissale, armonico, fitto, setoso.

L’ultimo assaggio della giornata comporta comporta la rinuncia agli altri vini della firma, ma è un gran finale: vino memorabile. Anno dopo anno, un caposaldo della denominazione.

Fuligni

Brunello di Montalcino 2015: bellissimo colore aranciato-rubino, trasparente e luminoso. Vino puro, molto arioso al profumo e all’assaggio. Sembra di respirare l’aria delle campagne di Montalcino, tra terra, fieno, boschi, frutta rossa e fiori. Ampio e glicerico al sorso, cela con sensualità femminea tannini ed aciditá virili.

Questo Brunello condensa in sé apertura e struttura: il meglio dell’annata in forme tradizionali.

Gianni Brunelli – Le Chiuse di sotto

Rosso di Montalcino 2018: stoffa tenace e flessibile, profumi di raro fascino, ematici e speziati.

Brunello di Montalcino 2015: vino armonico, avvolgente, lungo, col sorso sulla vena salina.

Vini di naturale rifinitura quelli de Le Chiuse di sotto. L’annata 2015 sembra comprimere, in questa fase, i profumi, solitamente tra i più appaganti della denominazione.

Il Marroneto

Rosso di Montalcino 2017 “Ignaccio”: vino bello e luminoso; colore trasparente, affascinante, antico; profumo molto spiccato di fiori e ciliegie; sorso energico e delicato, appena caldo nel finale.

Brunello di Montalcino 2015: vino di corpo e gran stoffa; bellissimo colore tenue; profumo di rosolio, di liquore di ciliegie; sorso intenso e potente, dal finale lungo e evocativo.

Vini aristocratici e di carattere, tradizionali, di espressività rara e peculiare: il Brunello, in specie, possiede l’aura di certi fondo oro trecenteschi. Un rammarico: la celebre selezione “Madonna delle Grazie” non era disponibile al banchetto al momento dell’assaggio.

Il pino – Fattoria del pino

Rosso di Montalcino 2017: vino di matura dolcezza fruttata al naso e al sorso, dove è evidente il contrasto salino e recupera freschezza nonostante un lieve sbuffo alcolico finale.

Brunello di Montalcino 2015: carezzevole, elegante, molto lungo, di matura dolcezza fruttata, con un tannino importante.

I vini di Jessica Pellegrini, dai colori e trasparenze bellissimi, sono musicali: possiedono ritmo e una comunicativa naturale.

Lisini

Rosso di Montalcino 2018: vino di corpo e trasparenze, l’amarena spicca al profumo ed al gusto. Molto tannico, forse anche “di botte”.

Brunello di Montalcino 2015: vino di corpo e stoffa; dolce e avvolgente, delicato e gentile, tuttavia molto lungo.

Lisini propone due vini di impianto classico: notevole il Brunello, il Rosso mi sembra soffrire un po’ la confezione, almeno in questa fase.

Mastrojanni

Brunello di Montalcino 2015: vino completissimo, profondo, di corpo, ma con stoffa gentile; profumato di terra e di arancia, che ripete al sorso: lungo, strutturato, avvolgente, saldo per tannini e acidità.

Brunello di Montalcino “Vigna Loreto” 2015: vino simile al precedente, ma più profondo e lungo; indietro nella sua definizione.

Mastroianni presenta un’accoppiata di invidiabile caratura, esempi di struttura ed eleganza perfettamente fuse.

Padelletti

Rosso di Montalcino 2017: vino di colore bellissimo e bellissima proporzione; eloquio naturale, sorso setoso, caldo-fresco, riccamente glicerico, così da avvolgere perfettamente un tannino molto importante. Perfettamente equilibrato.

Brunello di Montalcino 2015: vino di superiore eleganza, potente, sinuosamente femminile; profumo pulito, molto naturale, vi spiccano ciliegie mature, spezie, arancia nel retrogusto – e, vivaddio, l’uva; sorso glicerico, di eccelsa qualità tannica.

I vini di Padelletti sono stati la sorpresa tra i miei assaggi. Li ricordavo di stile antico, ma nervosi, talvolta ossuti; li ritrovo fedeli alla tradizione, ma con un’armonia nuova e seducente. Lasciano il segno.

Pietroso

Rosso di Montalcino 2018: vino di nordica eleganza, boschivo e ferroso. Sorso attualmente un po’ accidentato, con finale alcolico, ma affascina.

Brunello di Montalcino 2015: vino di pieno corpo e sentimento boschivo; armonioso, sia nei profumi, sviluppati in primari e terziari, che nel sorso: potente, sciolto, lungo.

Il carattere peculiare degli ottimi vini di Pietroso, marcato dalle vigne alte, emerge nitido anche in queste annate prive di somiglianze.

Podere Le Ripi

Rosso di Montalcino “Sogni e follia” 2016: vino di notevole caratura e buon gusto, sfumato e continuo.

Brunello di Montalcino “Amore e Magia” 2015: vino di gran stoffa, pieno, sfumato e fresco, con tannini ampi, di eccezionale qualità.

Continua la rotta intrapresa negli ultimi anni: vini eccellenti, di naturale eloquio e trasparente appartenenza ai quadranti meridionali della Denominazione.

In assaggio anche un bianco di trebbiano e malvasia toscana coltivate sul versante ovest di Montalcino, macerate sulle bucce per otto mesi: un vino sapido e vitale, profumato clorofilla, fiori, bianchi, camomilla.

Poggio di Sotto

Rosso di Montalcino 2017: semplicemente buonissimo: lieve, armonioso, ricco di struttura, ha grazia e spirito d’altri tempi.

Brunello di Montalcino 2015: vino di grandissima stoffa e struttura; con lievità dissimula il tannino importantissimo, la prestanza acida. Buono ora, ha lunga prospettiva.

Conseguimenti ispiratissimi, di carattere; prossimi – il Rosso particolarmente- alla poetica di celebrate vecchie annate aziendali, più che alla recente, geometrica perfezione.

Tenuta San Giorgio

Rosso di Montacino “Ciampoleto ” 2018: vino di tecnica perfezione. Profuma di confetto e caffè in polvere, ha sorso avvolgente e lineare.

Brunello di Montalcino: vino di corpo, stoffa armoniosa ed avvolgente, profumo e gusto ricordano il confetto.

Stessa proprietà di Poggio di Sotto, vigne confinanti, vini diversi: più lineari, più rassicuranti.

Poggio Lucina

Rosso di Montalcino 2017: vino di carattere ardente, dal tannino potente.

Brunello di Montalcino 2015: vino potente, molto tannico, con sorso e profumi in assestamento, ha materia intransigente, da domare.

Azienda del versante settentrionale della Denominazione, cerca caparbiamente la sua strada: vini caratteriali, ma c’è materia e progresso nello stile, specie col Rosso.

Ridolfi

Rosso di Montalcino 2018: vino di grande eleganza e stile antico. Quintessenziale: freschissimo, floreale, ha sorso salato e continuo.

Brunello di Montalcino 2015: vino di bella stoffa, per struttura e continuità tattile. È tuttavia assai marcato dal legno al momento dell’assaggio: peccato.

Il Rosso conferma le recenti ottime prove di questa Azienda del quadrante settentrionale della Denominazioni. Il Brunello risente forse della gioventù del parco botti, in questa fase almeno.

Salvioni – La Cerbaiola

Rosso di Montalcino 2018: vino giovanissimo, di stoffa ed energia superiori: una scarica elettrica. Freschissimo: profuma di melograni e fragoline, di arance e mandarini. Acidità e tannini di gran caratura.

Brunello di Montalcino 2015: vino di stoffa eccezionale, completo: è integro, fresco, profondo, potente, continuo, saldissimo, lungo.

La famiglia Salvioni presenta un’accoppiata di Sangiovese indimenticabile.

San Giacomo

Rosso di Montalcino 2017: vino di immediata piacevolezza, sul frutto e polposo. Valida aciditá, tannino grintoso.

Brunello di Montalcino 2015: vino dal bellissimo respiro, etereo e old style. Profuma di arancia, iodio e cipria. Ha tannini ben integrati.

Consapevolezza crescente e conseguimenti validissimi : ben gestita la 2017 nel Rosso, la 2015 propizia un Brunello molto buono.

Sanlorenzo

Rosso di Montalcino 2017: vino giovanilmente rubino, di grande eleganza e profondità, con tannino abbondante, di qualità, ed un finale sfumato, armonioso.

Brunello di Montalcino 2015: vino di stoffa eroica: la tinta vira all’arancio, gli aromi hanno grande profondità, il sorso è polposo, avvolgente, piacevole. Futuribile su tannino e sale, più che su aciditá.

I vini di Sanlorenzo leggono le annate con trasparenza: grande eleganza e spessore sono il costante filo rosso.

Tenuta Le Potazzine

Rosso di Montalcino 2018: ancora nervoso al momento dell’assaggio, si può intuire speranzosi la trama leggiadra.

Brunello di Montalcino 2015: vino in definizione, si intuisce la trama sussurrata, il profumo floreale, il sorso centrato, l’ossatura giustamente tannica.

Limite mio forse, ma spesso fatico a leggere i vini de Le Potazzine a Benvenuto Brunello, salvo restare ammaliato dal loro inconfondibile lirismo dopo poche settimane. Difficoltà confermata quest’anno, specie col Rosso.

Terre nere

Rosso di Montalcino 2018: vino di polpa, dal corpo pieno e molto armonioso, integro e potente, tutto frutta e sale.

Brunello di Montalcino 2015: di un bel rubino aranciato, è vino di gran stoffa: velluto e seta; è lungo, armonioso.

I vini della famiglia Vallone si confermano tra i più affidabili. Soprattutto, sono accoglienti, setosi, ben leggendo l’area meridionale della Denominazione.

Tiezzi

Rosso di Montalcino “Poggio Cerrino” 2018: mantato rubino-porpora, è vino giovanissimo, pienamente sul frutto, di struttura equilibrata.

Brunello di Montalcino “Poggio Cerrino” 2015: vino di gran stoffa e struttura. Pieno, potente, energico, persistente, molto tannico, sa di frutta matura.

Brunello di Montalcino “Vigna Soccorso” 2015: vino di stoffa e struttura eccezionali. Il sorso inizialmente lieve dispiegasi alato in setosa, decisa potenza; lunghissimo, di ampia qualità tannica.

Vini buonissimi, territoriali, trasparenti, di carattere, traggono il meglio dalle due annate. Il riassaggio del Brunello di Montalcino Poggio Cerrino 2014, dal profumo ombroso e affascinante, ricorda quanto l’annata sia ingiustamente trascurata.

Ventolaio

Rosso di Montalcino 2018: respiro bellissimo, arioso e pulito, con la particolare speziatura del Ventolaio, qui quasi piccante, tra curcuma e pepe verde. Ha sorso essenziale, continuo, senza scalino.

Brunello di Montalcino “Colle del Fante” 2015: vino di immediata piacevolezza, ha bel fiato, terroso e affumicato, e sorso dolce, fruttato, con ritorni agrumati. Da vigne giovani.

Brunello di Montalcino 2015: vino di stoffa, le eleganti trasparenze ne svelano il carattere d’altura. Speziato, pieno, strutturato, armonioso, lungo, futuribile.

Vini di innata eleganza, con profumi originali e peculiare tessitura. Le vigne alte, ventilate, e le mani dell’uomo disegnano affascinanti equilibri.

Epilogo

Tornammo da Montalcino la domenica 23 febbraio, dopo gli ultimi saluti. Un viaggio lunghissimo, col bimbo assai agitato e continue preoccupanti notizie sulla diffusione del covid-19. Evitammo gli autogrill ed ogni contatto con altre persone.

Entrati in casa, non ne siamo più usciti, se non per ritirare qualche pacco in portineria e gettare i rifiuti. Sono ormai sei settimane, entriamo nella settima. Fortunatamente abbiamo un balcone arioso.

Scrivo queste note ancora in piena emergenza sanitaria, con il suono delle ambulanze che rompe un silenzio inimmaginabile per la metropoli lombarda; negli occhi ancora le immagini delle terapie intensive, dei camion militari che trasportano i feretri lontano, delle piazze vuote.

C’è la preoccupazione per se stessi, per i propri cari. Qualche conoscenza è stata colpita, alcuni sono in ospedale, qualcuno non è più.

Non sappiamo per quanto durerà e dovremo convivere col morbo, indossando guanti e mascherine, salutandoci a distanza. Non sappiamo se riapriranno quelle serrande abbassate, quanto a lungo le aziende si reggeranno.

Nascosto nel profondo, inconfessabile, un sentimento: la paura, che pugna costantemente con la speranza.

Penso a volte alla casa in Toscana, chiusa e silente da mesi, all’orto dove l’erba sarà ormai alta, i fiori secchi, gli ulivi, i cachi, i susini, i corbezzoli, i melograni, il fico, il filarino di viti, i rosmarini, tutti bisognosi di cure e potature, che ora nessuno può dare.

Penso ai miei nonni al cimitero, che nessuno può andare a trovare: passarono la guerra e il loro ricordo mi incoraggia. Penso ai miei genitori, ormai anziani anch’essi, chiusi tra quattro mura, che non possono stringere il nipotino tanto agognato.

Talvolta, per distrazione, mi figuro i luoghi che mi sono più familiari e cari: il mio Tirreno profumato, tra l’Elba verde e la Maremma quand’è gialla di sole l’estate, con gli oleandri che sventagliano festosi; i miei colli valdinievolini, con le castella di pietra e gli ulivi, che guardano il Padule di lontano; i boschi amiatini, gorgheggianti di acque e di uccelli; i colori del Chianti l’autunno. E con la mente vi passeggio, nuoto, respiro, godo ogni dettaglio come ci fossi stato ieri, l’ultima volta.

Penso a Montalcino, agli amici di là, quando potremo vederci, che ci diremo, e come vi giungeremo.

Poi guardo la mia piccola famiglia, mia moglie e il mio Iacopo di nemmeno due mesi, mi faccio coraggio, mi dico che un giorno potremo raccontargli questo periodo come un brutto episodio, ma breve.

Un giorno, magari tra quindici, vent’anni, lo rammenteremo a tavola in un giorno di festa, aprendo una bottiglia di Brunello di Montalcino 2015 che sarà, sicuramente, buonissima.

Chianti Classico 2014, Monteraponi , 13 gradi.

Mi disse una volta un amico vignaiolo: “L’annata calda e secca non è mai un grosso problema e si può gestire, perché si hanno uve sane e mature. L’annata fredda e piovosa crea guai”.

Il 2014, appunto, fu un’annata di quelle che creano guai, nei ricordi dei vignaioli coi quali ho dialogato in tante zone del Centro e del Nord Italia; del Sud non saprei dire, né escludo zone privilegiate dal meteo, a macchia di leopardo.

Quell’anno però nacquero anche parecchi buoni vini rossi, che compensavano con profumi affascinanti strutture più snelle del solito; trovando anzi, in certi casi fortunati, l’equilibrio e lo slancio talvolta sfuggente a vini vigorosi o di ampie forme.

Dietro a queste riuscite, immancabilmente, tanto duro lavoro, selezioni drastiche dei grappoli in vigna e scelte accorte in cantina, fino alla rinuncia di produrre le selezioni più ambiziose.

Magari, ad aiutare, vigne con esposizioni assolate e calde, con quote non troppo elevate.

Si immagina perciò la difficoltà del 2014 a Radda in Chianti, così interna ed elevata che un tempo, quando le stagioni erano mediamente più fresche e la viticoltura più primitiva, il sangiovese spesso stentava a maturare: lì i vigneti sono tra i boschi fitti, alti sopra i 500 metri, con monti e colline strette d’intorno.

Eppure a qualcuno riuscì il miracolo: merito del terroir, che è suolo, clima e tradizione vinicola, ossia mano umana.

Monteraponi è azienda e cru, essendosi costruita negli anni reputazione solidissima. Questo Chianti Classico 2014, il meno ambizioso fra i loro, tratteggia un disegno dove stile, naturalezza, preziosità, forza e grazia si fondono in composta eleganza.

È rubino assai trasparente, con gocciole abbondanti e lente.

Di profumo assai intenso, sfaccettato, ove trionfa vivaddio l’uva nella sua identità primigenia, impreziosita di dettagli e sfumature minute come l’intarsio prezioso di un orefice o di un ebanista: un bouquet floreale dominato dalla viola; un pacato trionfo di ciliegia, amarena, lampone, contrappuntate triplicemente da droghe e spezie.

Poi agrumi, spunti vegetali e minerali. Allora, prismaticamente, rilucono arancia e chinotto; pepe nero e bianco insieme alla noce moscata, al chiodo di garofano, al caffè, al cacao amaro; alloro, rosmarino, cenni di oliva al forno e di legna bruciata che si fondono al ferro, il sottotraccia che così spesso ritrovo nei Rossi di Radda.

Questo preziosissimo fugato di profumi è sfumato da una distanza che lo rende struggente, con crescendo che portano più vivida ora l’una, ora l’altra voce: il caffè può dominare un istante, per poi cedere la scena alla viola.

Il corpo è medio, agile, ma di una maestà composta e di classica proporzione. Un concentrazione di gusto notevole, compatta, incisiva, centrata su assai più di quello che suggerirebbe l’annata, e l’innerva in maglia salda una filigrana salina unita a un’acidità misurata e ad un tannino rifinito, delicato, ma presente.

Il finale è pulitissimo, equilibrato, fresco e salino, con un retrogusto coerente di bella lunghezza: ancora prevale il gusto d’uva.

Questo Chianti Classico ha l’eleganza affascinante di una dama in lungo ed è flessibilissimo sulla tavola: sta bene tanto sulle paste che sulle carni, persino, per prova provata, sul difficilissimo mallegato toscano.

Montecucco Sangiovese Santa Marta 2005, Salustri, 14 gradi.

Lessi anni addietro l’intervista ad un noto degustatore di vini italiano. Gli chiedevano se ci fossero ancora territori toscani da scoprire enologicamente. La risposta, perentoria: “No”.

Vero, ma discutibile: esistono zone toscane tutt’oggi sottovalutate o non consapevoli delle loro qualità, o che non le hanno espresse appieno o non le hanno espresse affatto.

Alla medesima domanda, risponderei: “Montecucco”. Una provocazione circosostanziata.

Scommetto che il 70 per cento dei consumatori un po’’ accorti non sappia dove sia o che cosa sia la DOCG Montecucco.

Ciò che non è noto o conosciuto, in qualche modo non è scoperto; però i vini del Montecucco valgono ampiamente la ricerca.

Frequento la zona con una certa assiduità da qualche anno: garantisco, non solo molti vini sono eccellenti, ma posseggono un’individualità pulsante e caratteristica, soprattutto quando la voce del sangiovese predomina.

L’areale della DOCG, infatti, è ampio: steso tra le prime alture maremmane e il massiccio del Monte Amiata, permette di individuare sottozone specifiche: Cinigiano, ad esempio, con la sua luminosità intensa e gli affacci ampi, ariosi verso il mare, si differenzia assai dalla pedemontana Seggiano, con le sue valli e vallecole incantate.

C’è però – mi sono chiesto – un tratto in comune che identifica il vino rosso di questo territorio, che meriterebbe chiamarsi più propriamente “Colline Amiatine” o direttamente “Amiata”?

Per trovare una risposta, dopo qualche giorno di vacanza assaggiando assiduamente vini di Casteldelpiano, Seggiano (con le sue frazioni di Pescina, Poggio Ferro…), Montenero, Monticello Amiata, Cinigiano (e la sua frazione di Castiglioncello Bandini), sono andato a rivedere le vecchie note di assaggio relative ad un vino del produttore simbolo dell’areale, Leonardo Salustri: un Sangiovese in purezza che estrassi dalla mia cantina privata il 1 novembre del 2017, già vetusto di anni.

Credo dunque si possa riconoscere nei vini del Montecucco una fondativa, marcante balsamicità, intensa fino al resinato, ed una pienezza tattile riposata, ma compatta.

Quando lo bevvi, era già vecchio di 12 anni: un bel sangiovese classico di Cinigiano: ampio, equilibrato, rotondo, mediterraneamente fruttato, ma sfumato, minerale, intimamente classico.

Un vino maiuscolo al solo accostarci le nari, ché non si poteva resistere; svezzato tra tini di legno, cemento e botte grande, prima di andare in bottiglia.

Il colore stupiva e lasciava allibiti, perché ancora estremamente rubino dopo 12 anni: trasparente, con lacrime fitte, irregolari e veloci.

Un profumo di intensità ben superiore alla media, Integro e in evoluzione, insieme fruttato e minerale, ma soprattutto boschivo: di boschi assolati e selvaggi.

Ciliegia e mora erano un sottofondo lontano; il primo piano alloro, paglia al sole, aria aperta, “infiniti spazi e sovrumani silenzi”; poi polvere pirica, fegato, una speziatura, mista dolce e piccante, di pepe, noce moscata e chiodo di garofano.

Equilibratissimo al palato, fresco, rotondo, con corpo pieno, grande acidità, alcol perfetto ed un gusto di intensità rapinosa e rarissima. Molto persistente, con allungo naturalissimo nell’espressione.

Un tannino fitto e grintoso, appena un po’ rustico, ma vero, netto, forte e maschio.

Sole, maschio, equilibrio naturale, integro, netto, carezzevole, irradiante: come un diedro rifrange scomponendo la luce, così lui rifrangeva la parola “buono”.

Fu un accordo perfetto e d’amore su un anatra arrosto con olive e cavolo nero.

Chianti Classico 2014, Ormanni, 14 gradi.


In Chianti, mi fermo spesso da Ormanni.

Ufficialmente: per comprare il vino bag-in-box per i miei genitori; per l’ottimo olio; perché si raggiunge bene. 

Tutte scuse. 

In realtà adoro andarci; sia percorrendo la strada che scende da Castellina, sia salendo da Poggibonsi. Per me, i panorami che si squadernano tra quelle curve sono tra i più belli del mondo: l’immagine di una natura davvero bucolica, in equilibrio perfetto con l’uomo.

Mi piace arrivare sul piazzale ghiaioso della cantina, che esternamente appare solo muro basso e severo, massiccio di pietre irregolari, con le finestre squadrate, rade e alte, e fermarmi a guardare in direzione opposta: c’è un paesaggio leonardesco, sempre diverso, ogni stagione dell’anno.

Potrei incantarmi lì per ore, sugli incastri convessi delle colline; sulle fughe prospettiche che vibrano atmosfera; sulle vaghe, infinite sfumature dei verdi ed azzurri, ora quasi riflessi di ocra, ora di giada, ora d’argento e di ametista. 

Sapere che da Ormanni troverò vini classicissimi, abbordabili, deliziosi, raddoppia il mio piacere.

Oltre ai bag-in-box acquisto sempre qualche bottiglia per me; poche, ché ormai dovrei soprattutto berne dalla mia cantina.

Ultimamente ne riportai questo Chianti Classico 2014, incuriosito se l’annata piovosa avesse domato i solitamente maschi vini di Ormanni oppure se li avesse slavati, snaturandoli.

Rimase a riposare nel buio e nel silenzio per quasi due anni, fino all’occasione felice di un pranzo in famiglia, alla buona, ma con l’unione ritrovata dopo una certa convalescenza.

In tavola: salumi, formaggi, un piatto di pasta al sugo di carne, insalata; serenità.

Eccolo servito fresco di cantina, a quattordici-quindi gradi.  

Limpido, trasparentissimo, luminoso e rubino; con gocciole rade, molto lente, più evidenti salendo la temperatura ai diciassette-diciotto gradi della stanza. 

Ha profumo molto intenso, freschissimo: uno sbocciare di primavera.

Sono fiori: rose, viole, lilla; e arancia; tocchi freschi di frutta rossa, tra ciliegia e fragola. Poi cola ed un insieme di erbe aromatiche da arrosto. Le spezie, delicatamente soffuse: chiodo di garofano, noce moscata, una sfumatura di cannella, tanto zenzero.  L’insieme ancora molto giovanile: solo sintomo dell’evoluzione, un cenno di cuoio e caramello. 

È beverinissimo così fresco: finirebbe a secchi. Molto puro, senza note amare o artificiali: naturalissimo. Ha tannino molto fine, ma grintosissimo e presente; l’acidità vividissima; salinissima in progressione; lunghezza notevole. 

Per il mio gusto è un vino meraviglioso, agilissimo, essenziale, di forme flessuose e danzanti, che mi ricorda quei Chianti lievi, schioccanti, saporiti della mia infanzia, ma ha più classe. 

Come loro, scommetto, estremamente flessibile a tavola.