Barbaresco La casa in collina 2004, Terre da vino, 13,5 gradi

image

Barbaresco è, senza dubbio, una tra le denominazioni più prestigiose non solo d’Italia, ma del mondo; ed è una tra le massime espressioni del nebbiolo; al punto che accostarsi ad essa potrebbe anche intimidire: i tanti cru, le tante piccole cantine artigiane, il peso della storia, in certi i casi i prezzi dei vini e i dubbi sull’abbinamento: grandi arrosti, cacciagione , tartufi e funghi, si suole dire;  ma chi e quando mangia così oggigiorno?
Eppure, credo, varrebbe la pena godersi un Barbaresco in maniera più rilassata, quasi quotidiana, tale e tanta è la sua classe elegante da apparirmi irrinunciabile; e, aggiungerei, la sua capacità di  accostarsi flessibilmente col cibo è spesso sorprendente.
C’era un tempo che per lavoro capitavo spesso in Langa. Avevo ovviamente le mie tre, quattro cantine preferite: quelle piccole, artigiane che amo io, dove l’elemento umano – il contatto umano- non solo conta, ma è parte del piacere.
Tuttavia mi garbava accostarmi ad altre realtà, assaggiare e scoprire, non solo i vini, ma le aziende stesse, i modelli produttivi. C’era, e c’è, una grande cooperativa sociale ai piedi del paese di Barolo, poco prima della collina di Cannubi: Terre da vino. Un struttura moderna, non spiacevole, con un negozio fruibile dove trovare moltissime etichette delle denominazioni piemontesi, dall’Astigiano a Gavi, oltre naturalmente ai classici delle Langhe; famosi, in specie , i Barbera.
Lì comprai questo Barbaresco, proprio per il gusto della scoperta, oltre per l’attrazione esercitata dalla bella etichetta che citava un libro di Pavese che avevo letto e amato molti anni prima.
Non ne ricordo con esattezza il prezzo, ma lo ricordo abbordabile.
Come molti altri vini rimase a parecchio tempo semidimenticato nella mia cantina milanese durante la mia lunga parentesi inglese, salvo riemergere durante uno dei mei periodici rientri. E, dunque, quando l’aprii un paio di anni fa, lui ne aveva già undici sulle spalle e le sue condizioni provavano la tenuta nel tempo di un buon Barbaresco.
Era color granato di media trasparenza e formava lacrime fitte e scorrevoli sul vetro. Il suo profumo era timido sulle prime, poi intenso e complesso, da gran Nebbiolo invecchiato, con rose, susine, chiodo di garofano , liquirizia in tronchetti: queste le evidenze. Poi, più sfumati, accenni di asfalto, tocchi di arance e di foglie bagnate e di tabacco. Al sorso, mostrava la sua gran stoffa: ampio e pieno di corpo, ma non pesante; con un tannino maturo e abbondante, appena un po’ rugoso ma di grana fine, con un’alta acidità. Serio, con una media concentrazione di sapori, presentava una discreta continuità ed espansione sul palato con una lunghezza media ed un finale non troppo complesso, ma un poco asciugante. Un Barbaresco paradigmatico e didascalico, straordinariamente integro, sebbene non coinvolgente; però rispettava le aspettative, regalava quelle sensazioni da Nebbiolo invecchiato che un amico definisce “come entrare in chiesa” e soprattutto si rivelava straordinariamente flessibile e godibile negli abbinamenti,  per tornare al punto di partenza. Per noi fu un buon compagno su un pollo alla birra, ma perché non provarlo su una bella fiorentina?

Talinaio 2007 Locorotondo DOC, Cantina Sociale Cooperativa Locorotondo, 13 gradi.


Non godono gran fama i vini bianchi di Puglia; chissà perché. L’appassionato, perfino l’intenditore, guardando a sud si rivolgeranno piuttosto alla Campania, alla Sicilia, perfino alla Calabria, a dispetto dei chilometri quadrati di vigne distesi in questa regione che, val la pena ricordarlo, da sola produce più vino di tutta l’ Australia. E si’ che con quelle coste, con quel mare blu e pescoso, con quelle verdure così saporite che stanno alla base della cucina locale, di bianchi ci sarebbe da averne una gran sete. Sarà colpa del territorio, che qualcuno dice poco adatto? O di vinificazioni approssimative? Tutte storie! Questa bottiglia di Locorotondo del 2007 fa cadere nel silenzio ed annulla ciascuna di codeste domande. La apro in Inghilterra dopo un lunghissimo riposo nella mia cantina milanese: me la son portata qui, tenero ricordo di un’estate al tempo stesso meravigliosa e triste, e me la consegno’ dalla Puglia il mio amico carissimo, fraterno, Roberto: ci scambiammo le bottiglie – nostro bottino: centro nord la mia razzia, sud la sua- davanti alle mura di San Gimignano, e stasera bevendone mi sembra di averlo qui con me. No, io non ero convinto che avesse tenuto; ma come lo verso, malgrado il tappo che si sgretola, ecco rivelarsi nel mio calice una tinta bellissima di limone carico, matura ma priva di qualunque traccia evidentemente ossidativa, anche quando dopo alcune ore volgerà all’oro. Ad ondeggiarlo, lascia lacrime fitte, ma estremamente volatili: segno di un vino non grasso e piuttosto scattante, come forse non ti aspetteresti da un bianco del meridione. Ed infatti: all’olfatto e’ caldo e carezzevole, originale, scende nel cuore come un balsamo col suo profumo di percocche, di albicocche, di scorza d’arancia e di cedro canditi, di miele di macchia riarsa dal sole, di erbe officinali (ruta, alloro, ginepro), di foglie d’olivo, di semi di finocchio, di iodio, di muschio o piuttosto di vegetazione marina, con quel certo nonsoche di petrolio che è caratteristica dei grandi Riesling tedeschi: e qui, a chilometri di distanza, lo ritroviamo unito ad un profilo che ha la spazialità aperta ed ariosa del Mediterraneo; forse che l’amore che il germanico Federico II portava per la terra di Puglia abbia qui un riverbero arcano? Quasi mi ricorda -in sedicesimi, inteso, e mi daran sulla voce gli “enoesperti”- la Ribolla di Gravner. In bocca e’ secco e cremoso, ma senza tante concessioni, abbagliante piuttosto come i muri bianchi al sole, come i suoli di calcare; elegante, armonico per la grazia con cui son fuse le note dure e quelle morbide; corpo pieno ma non ingombrante, alcool ben modulato, acidità sorprendentemente alta e stuzzicante in vino del sud, intensita’ e persistenza durevole a patto di non mortificarlo con temperature troppo basse, ed un rilucere ancora di toni muschiati, di infusi di fiori, di frutta -l’agrume candito soprattutto- ed il miele, intenso, selvaggio. Quanta complessità, e senza bisogno di legno e barrique per sviluppare tanta bellezza: solo i terreni calcarei a 400 metri sul livello del mare e un trio di uve nostre locali: verdeca al 65%, bianco d’Alessano al 30%, fiano al 5%. In questa fase della sua vita merita un pescato di mare importante, cucinato semplicemente, perché possa parlare da se’: un dentice, una ricciola. Questo stavo per scrivere, rimarcando che c’è qui tanta stupenda materia, ma che una cura ancor più rabbiosa lo porterebbe agevolmente nell’empireo della piu’ ampia rinomanza mondiale. Però poi ho dato un occhio al mio adorato “Vini d’Italia” di Luigi Veronelli, pubblicato nell’anno 1961, ed egli allora scriveva a proposito del Bianco di Locorotondo : “E’ vino che trova la sua massima collocazione come base nella fabbricazione dei Vermouth e per il taglio di innumerevoli vini rossi e bianchi. Meriterebbe miglior sorte, dovendo essere considerato vino superiore da pasto e, se bene invecchiato, da pesce. Ebbi, non molto fa, ventura di provarne una decennale bottiglia su di un piatto di Luigi Carnacina, i filetti di sogliola Casina delle Rose; insuperabile! ” e mi son roso dalla rabbia e dalla bile, che in questa nostra povera Italia in cinquant’anni non abbiamo imparato nulla e siamo sempre li’ al punto di partenza, presi non so da quali chiacchiere e l’un contro l’altro armati. “Ahi, serva Italia, di dolore ostello !”.