Sec Symbole 2015, Le Sot de l’Ange Quentin Bourse – Touraine Azay-Le-Rideau, 11,5 gradi.

image

Mi regalano questo vino della valle della Loira – ma non il produttore, eh: amici ! – e ne sono contento: mi piace lo Chenin Blanc e la valle della Loira dà normalmente vini freschi e reattivi, non voluttuosi magari, ma che si bevono di gusto per estinguere la voglia e la sete. Poi, la zona, nella sua ampiezza,  è una sorta di grande laboratorio a cielo aperto per pratiche di agricoltura ed enologia sostenibili: la biodinamica applicata al vino è qui che ha trovato le sue primissime manifestazioni ed un terreno fertile di produttori interessati. Poi, ricordo anche se nulla c’entra con la vocazione vitivinicola, che a Azay-Le-Rideau c’è un castello fatato e fiabesco,  con le mura candide, le torri a punta ed un fossato ancora pieno d’acqua nel quale può specchiarsi come Narciso.
La prima sorpresa l’ho col tappo, che è un sofisticato insieme di materiali plastici diversi: sia per ragioni tecniche o meramente estetiche, perdonami, non te lo so dire.
Che non sia un vino comune si capisce anche dal solo guardarlo nel calice: un paglierino estremamente carico che vira netto al dorato, con una quantità di sottilissime bolle di anidride carbonica intrappolate che lo fanno definire petillant. Un colore sorprendente per un 2015, nel senso di un po’ evoluto, che contrasta con quel “petillare” (mi si passi il neologismo) poi tipico di bianchi giovani. Il suo aroma è ben pulito, di media intensità, complesso, primariamente vegetale: rucola, ruta, finocchio , sedano. Poi un tocco di lichi e di cedro ed un senso vagamente iodato e marino, come di roccia e di alga, con  qualche spunto floreale di camomilla e tiglio, buccia di melone,  ed un fondo quasi di terriccio umido.  In bocca esprime un’acidità viperina con la quale non si può fare pace, in grado quasi di coprire ogni altra sensazione e sta in combutta con una secchezza rara, disseccante: vuoi la però la salinità, che pure non manca, vuoi il gusto stesso, che pure offre una piacevole tridimensionalità grazie a quei sentori di miele, di crema di nocciole e di arachidi, tipici a mio avviso degli chenin blanc locali invecchiati,  evidenti nel medio palato e nel retrogusto associati a qualche cenno affumicato e fungino, l’insieme ha un che di bizzarro e di artatamente ricercato, che contrasta col suo dichiararsi biodinamica.  Il finale poi è una sciabolata, con quell’acidità citrina e grifagna, abrasiva, che non conosce tregua, come i dannati di Dante: “La bufera infernal, che mai non resta/ma a gli spiriti con la sua rapina:/voltando e percotendo li molesta.” .  Lunghezza ce n’è, ma sempre su quella corda. Un vino un po’ concettuale e a teorema, dove si uniscono gioventù ed evoluzione in modo non armonico, quasi fosse una di quelle vetturette sportive degli anni novanta a trazione anteriore, che si guidavano un po’ come una biga perché il retro treno andava poco d’accordo con l’avantreno. Pure a tavola la disarmonia faticava a ricomporsi, dando alla fine il suo meglio sopra un’anguilla  affumicata. Forse l’oserei con gli scampi crudi. E tuttavia quest’idea di Chenin Blanc, tanto personale e individuale e lontana dalle mie corde, ho pensato, cara amica o amico che mi leggi, ti andasse raccontata: perché è un vino dialettico, col quale magari discutere senza trovarsi d’accordo.

Coteaux du Layon 1968, Moulin Touchais, 13,5 gradi.

image

Esistono – o piuttosto resistono – alcuni produttori di vini  che rilasciano le loro bottiglie dopo periodi di affinamento molto più lunghi della media: lustri o decine di anni. Non mi riferisco ai vini da meditazione o fortificati: Sherry, Madeira, Marsala, Porto…quelli fanno classe a loro; intendo vini bianchi o rosati o rossi, fermi, da consumarsi al pasto, che recano sovente in etichetta denominazioni storiche, per le quali però la maggior parte dei produttori ha scelto vie più  moderne e veloci.
Nomi noti agli appassionati: nella Rioja spagnola, Lopez de Heredia; in Valtellina, Ar.pe.pe; in Portogallo, in Barraida, Buçaco; in Piemonte, a Gattinara, Nervi; e via altri, ma poche manciate. Tra costoro, nella valle della Loira, in Francia, Moulin Touchais. Produttori questi che mi hanno sempre affascinato  per lo  stile di vinificazione mantenuto tradizionalissimo, se non per certi aspetti cristallizzato in un’altra era; ma soprattutto per la caparbietà testarda di non mutare il significato – lasciami amico, amica che mi leggi, usare un parolone: filosofico- di una bottiglia.
Oggi, si dice, non ha senso invecchiare un vino dieci anni: il consumatore acquista la sua bevanda e vuol subito aprirla e goderne; il più possibile uguale a se stessa, ripetibile; ciò che le moderne tecniche di vigna e cantina permettono e che perciò è tenuto in maggior pregio.
Un tempo il pregio stava nei vini magari ostici in gioventù, che bisognava aspettare prima che fossero in condizione, ma che sfidavano i decenni: era la longevità in se stessa un valore.
Credo che la chiave di questo mutamento stia innanzitutto nella memoria e in come essa si sia evoluta nella società moderna:  oggi abbiamo la fotografia, la televisione, la radio, internet, gli mp3, ogni sorta di strumento per registrare noi stessi, le nostre immagini, le voci, le parole ed anche le emozioni: difatti, per massima ironia, in un lampo ci dimentichiamo tutto e anche se il supporto del ricordo è lì a portata di mano, forse l’esiguo istante di un click, raramente ci volgiamo indietro: ci crogioliamo un eterno presente e, d’altra parte, “il futuro è una palla di cannone accesa/e noi lo stiamo quasi raggiungendo” (F. De Gregori).
Un tempo, invece, il ricordo era documentato sì, ma nelle pagine gialle di lontani polverosi archivi, che sbiadivano e si sfaldavano. Restava piuttosto affidato alle voci che si radunavano nelle notti lunghe, buie e fredde accanto a un camino, al racconto orale che diveniva come un’evocazione di spiriti, di giovinezze perdute, di tanti che morivano nel loro primo fiorire, decimati da una guerra o dalla febbre spagnola: il crudel morbo, si diceva .
Ecco allora che la bottiglia di vino di dieci, di quindici, di vent’anni, ancora vivida e buona , era un fluido dai risvolti sacrali che rimaneva giovane in un mondo di persone che invecchiavano e sparivano in fretta;  era un ponte nel tempo, una cartolina dal passato: le mani di tuo nonno che lega i pampini, la voce di tuo padre la sera di Natale, il primo bacio dato “sotto il noce, quel pomeriggio d’estate che non muoveva foglia tra il finire delle cicale, sarà stato il ‘47”, ed il vino recava con sé tutti i profumi e i suoni di quel giorno.
Questo Coteau du Layon del 1968, chissà in quell’anno di turbamenti quanti primi baci avrà visto nelle sue vigne, ed anche di più: diceva Veronelli che se due giovani avessero fatto l’amore in un vigneto, il vino quell’anno sarebbe stato più buono. Moulin Touchais non rilascia un vino prima di dieci anni dalla vendemmia – in media 40.000 bottiglie l’anno – e si favoleggia di decine di annate conservate nei 15 chilometri di gallerie a Douè-la-Fontaine, a partire dalla metà del XIX secolo. L’azienda si chiama in realtà Vignobles Touchais produce soprattutto basi per vini spumanti, ma Moulin Touchais è il vino storico, un bianco da uve chenin blanc in purezza, abboccato: in media 80 grammi per litro di zucchero residuo, quando parecchi passiti stanno intorno tra i 100 e i 150 grammi per litro, o anche oltre. Vino che nasce per durare nel tempo: il 20% dell’uva raccolta è presto, per garantire il sostegno acido necessario all’invecchiamento; il restante con una vendemmia tardiva , quando le uve sono surmature, ma di solito non colpite dalla muffa nobile, contrariamente a quanto spesso si ricerca in zona.
Non nascondo che aprirlo è di per se un’emozione: non mi capita spesso di aprire un vino che potrebbe essermi ampiamente fratello maggiore.
Il tappo di sughero è ben conservato: dopo 20-25 anni le bottiglie vengono aperte in cantina, colmate e ritappate dal produttore.
Lo verso. Ha colore oro profondo, tendente all’ambra, bellissimo. Forma sul calice gocciole frastagliate e fitte, ma assai evanescenti. Lo odoro. Sulle prime ha un aroma un po’ chiuso, poi diviene intenso: non intensissimo, però molto complesso e autunnale sebbene vi balugini ancora il ricordo della frutta come lame di luce. Ha note di marmellata di arancia, di caramello e di creme caramel, di lanolina, di olio di lino, di semi di sesamo, di mandorle, nocciole e arachidi, di foglie secche , di terra bagnata. Profondissimo, affumicato e speziato: la cannella e la noce moscata, i chiodi di garofano. Lo assaggio: con stupore, data l’età venerabile, lo trovo quasi nervoso: ha corpo, ma senza strafare, più struttura che estratto, più direzione che accondiscendenza. E difatti è acidissimo, snello, si allunga deciso e scattante sul palato verso un finale lunghissimo in cui ritornano le note affumicate e speziata già trovate all’ olfatto. Il gusto, di grande intensità, presenta sfaccettature incredibili: questo Moulin Touchais, quasi avesse assorbito elementi direttamente dalle radici della pianta e scarnificandosi nei decenni li avesse portati ad un’ossuta evidenza, presenta un substrato minerale, metallico, ricco di polvere pirica,  sul  quale emergono, o piuttosto si aggrappano, sensazioni di fegato, di formaggio caprino, di crema catalana, di lieviti e di muschio.
È un vino che spiazza questo Moulin Touchais e disorienta persino nell’abbinamento: ho giocato con lui, provandovi tipologie diverse di dolci, di paté, di formaggi, senza mai però arrivare a quell’ideale relativo che soddisfa. Da meditazione piuttosto, verrebbe da dire: sì, però gli manca una frazione di complessità, di profondità per svolgere quel ruolo. Forse più da conversazione, immaginandosi al bordo di un fiume o del mare, seduti sulle rocce, solo due o tre persone:  come si vedono conversare le figure mute di santi nei quadri medievali.

Bonnezaux 2012 Chateau La Variere, J. Beaujeau,11 gradi

image

Si parla talvolta dei vini della Valle della Loira, generalizzando: risulta comodo riferirsi ad un distretto vinicolo caratterizzato dallo svolgersi di un lungo fiume. Il concetto tuttavia rimane un’entità astratta, tanti sono i diversi territori che il fiume incontra e percorre nel suo lungo cammino, quattrocento e passa chilometri da Puilly giù giù scorrendo verso l’occaso fino a Nantes e l’Altantico. Terreni, esposizioni, microclimi, uve: tutti questi aspetti combinati dalla mano dell’uomo secondo la propria tradizione e il sentimento germogliano vini tra loro diversissimi: bianchi, rossi, rosati, fermi e mossi, secchi e dolci. Eppure un filo conduttore tra loro si più trovare e lo chiamerei eleganza: lo descriveresti magari impiegando – amico, amica che mi leggi-  parametri organolettici quali l’acidità o il corpo, ma ne mancheresti l’essenza, che forse è nella trasparenza dei cieli, dove i nembi si raccolgono come riccioli di serafini; forse nel loro dialogo muto con le onde del fiume; forse in un’intima matrice culturale, la stessa che ha dato vita a decine di castelli che paiono più di cristallo che di pietra, con le loro torri snelle, svettanti, appuntite; la stessa che accolse Leonardo da Vinci quasi reietto in patria e qui accolto con onori da sovrano e amore filiale da Francesco I Re di Francia. Chissà quali erano allora i vini sulle mense notabili e se assomigliavano a questo Bonnezeaux? L’antica gloria dei vini dell’Anjou, ed in particolare da quelli della Coteaux du Layon, sta proprio in quelli dolci da uva chenin blanc, secoli addietro ancor più apprezzati di quanto non lo siano oggi. Bonnezeaux è una appellatiòn piccolissima,  solo 90 ettari, praticamente un “cru”: per darti un’idea, amico o amica che mi leggi, una piccola DOC italiana come la lucchese Montecarlo conta circa 300 ettari. Però in quell’angoletto di Francia esistono condizioni speciali: terreni fortemente pendenti e rivolti a sud, con notevoli escursioni termiche e suoli superficiali di arenarie, scisti, quarzi. La Loira è lontana, il suo influsso nullo o marginale; in compenso c’è il fiume Layon che forma un’ampia ansa e l’autunno fa risalire nebbie mattutine. Ne risultano uve capaci di potenti maturazioni in un clima che permette l’appassimento sulla pianta e spesso la formazione della muffa nobile: quella Botrytis Cinerea che dona ai vini aromi tanto ricercati e particolari, alte concentrazioni zuccherine e tessiture oleose, vellutate. Mi chiederai: “è vera gloria quella di quei pochi ettari? ” . Per apprezzare il valore del territorio intorno a Bonnezaux mi c’è voluto l’incontro fortuito con questa bottiglia in un supermercato sulle Alpi Francesi: perché un 2012, ad ascoltare un decano tra gli assaggiatori britannici, Hugh Johnson, sarebbe da evitare a tutti i costi, stante la cattiva annata. Sia pure: se questo esprime Bonnezaux in un millesimo sfortunato, allora ne capisco la fama. Perché è difficile resistergli anche solo sostenedo lo sguardo di fronte a quel color d’ambra con splendidi riflessi, mentre viscoso forma un velo uniforme che si ritira lentamente, accennando lacrime sul calice. Avvicinalo a te, di profumo ti avvolge, intenso, combinando la freschezza dello Chenin Blanc con gli aromi tipici della muffa nobile ed un principio di quelli dell’invecchiamento: avrai allora la marmellata di albicocche, la pesca sciroppata, ma anche il bergamotto e il chinotto, la buccia d’arancia caramellata, la crema ed il caramello stesso. Soprattutto, sorprendente, una quantità incredibile di zafferano, piacevolissimo, ricco e un po’ pungente. In bocca è forse ancora più espressivo: molto dolce, certo, ma insieme è caldo, vellutato e scattante. Poi, sul finire, abbandona la scena con grazia, quasi svanisse con un eco, come quei grandi attori che pur lasciato il palcoscenico sembrano ancora farne vibrare le assi della loro presenza. Potresti forse volerlo più complesso ed intenso, ma lì è la misura, io credo, tra la grande e la piccola annata. Trova il suo posto in tavola, come d’uso e tradizione, con il foie gras, i formaggi erborinati e lo tenterei pure su una crostata d’albicocche, purché ricca e burrosa. Tuttavia per me è stato compagno prezioso di brindisi al sole, nell’aria fresca di verdi prati montani: la sua perfezione è quella. Oppure per una meditazione più intima, le sere d’estate.

 Boisson Rouge, vin de France, L. 010013, Domaine di Montrieux – Emile Heredia, 11 gradi.

Ci sono vini che restano istintivamente simpatici; almeno, a me capita. Mica detto che siano gradi vini e nemmeno inappuntabili: anzi, spesso hanno qualche difettuccio che li rende così umani. È che ogni volta li apri con un sorriso e li bevi gioiosamente, senza senso di colpa e pensieri, nè con la necessità di immedesimarti completamente in loro ovvero col bisogno di concentrarti su di essi come fossero una imponente sinfonia, un’articolata architettura, un pregnante dipinto. Così è stato con questo Boisson Rouge francese, uno spumeggiante Gamay che viene da una porzione relativamente oscura  della valle della Loira,   Coteaux de Vendomois, AOC di 142 ettari a nord di Tours (e quindi della più nota AOC Vouvray).  Sarà l’etichetta con quel disegno naïf che pare vergato dalla mano di un bambino, sarà per il tappo a corona color corallo (sì, amico o amico mia: come quello dell’acqua minerale), però mi mise allegria sin da quanto l’individuai sugli scaffali di un ampio negozio londinese. Ancor più me ne mette ora che lo verso nel calice: più che rosso lo direi color rosato buccia di cipolla molto carico e tuttavia trasparente, mentre produce un’abbondantissima schiuma appena rosata, come certe birre. La lascio dissolvere e lo trovo un po’ torbido, perché è un vino che fermenta in bottiglia e non viene sboccato (come per gli spumanti metodo classico, ad esempio), ma rimane a contatto con i lieviti che si dissolvono nel vino stesso. Una metodologia di produzione antica e diffusa che oggi viene evocativamente chiamata ancestrale, ma che era prassi contadina per avere un vino un po’ frizzante fino a pochi anni addietro, perfino in Toscana: bastava imbottigliare un vinello un po’ leggero ed aggiungere zucchero e qualche chicco di orzo e frumento ed il gioco era fatto (me lo raccontava il mio babbo riesumando ricordi di ragazzo e me lo confermò un anziano vignaiolo della Montecarlo lucchese).   L’osservo ancora: la sua spuma è cremosa con bolle fini, persistenti, un po’ tumultuose. Sul bordo forma gocciole irregolari, rade, lente, come a evidenziare uno spirito profondamente anarchico e un po’ pigro. Ha aromi di intensità media, giovanili, piuttosto puliti, che richiamano alla mente l’aria aperta ed i lunghi pomeriggi goduti sotto una frasca, magari giocando a briscola e tressette, nell’aria primaverile che sa di violette, di fragole, di tocchi di susine appena mature, sbuffi lievi di pellami e di terra lavorata, tanta grafite e pietre bagnate e assolate (è evidente il richiamo minerale in questo vino). È presente un accenno di spunto acetico -piaccia o non piaccia- da vino contadino; ma soprattutto è evidente l’odore del lievito: in una maniera però misurata, che non disturba. Più che assaggiarlo, viene proprio da berlo: sarà per un corpo che si può definire magro, ma è più appropriato  dir lieve,tutta la spinta e il vigore venendogli più dalla salinitá e dalle bolle di anidride carbonica che dall’acidità (la diresti medio-alta, certo non altissima per uno spumante: ma distribuita con naturalezza su tutto il palato) o dal tannino appena accennato. Però lo troverai croccante, tendenzialmente secco perché quel po’ di zucchero residuo non stucca e gli serve solo ad essere un po’ più avvolgente. I sapori che troverai in bocca sono di fragola, di susina nera fresca ancora un po’ acerba e dissetante, e di quel misto di erbe e spezie che si usa per stagionare gli affettati e per insaporire gli arrosti: ti resteranno lì in una persistenza sorprendentemente piuttosto lunga. Ricorda, se posso dire,  un Lambrusco di Sorbara, magari senza la finezza dei migliori: è senz’altro rustico, fatto con minimi interventi in vigna e cantina,  ma scorrevole e molto equilibrato in tutte le sue note, soprattutto per la tessitura sul palato più che per il ventaglio olfattivo. Io l’ho trovato ottimo su un tonno scottato, mi chiedo come stia con una pizza o con la zuppa di pesce le sere d’estate, perché è un vino da compagnia, da bersi gioioso in amicizia. Ecco, non per tutti gli amici però: chi ricerca la perfezione tecnica non l’amerà; chi ama invece l’equilibrio e una certa rilassata eleganza naturale, che indossa più volentieri un tweed campagnolo che un abito da cerimonia, questo Boisson Rouge farà per lui.  
Mi vengono da soggiungere due note a margine, magari poco poetiche, ma insomma dovute: che nella sua relativa rusticità lo si trovi a Londra in quello che è un grande supermercato di lusso accanto a vini in qualche modo più normali, ha due significati: che il pubblico di qua è di vedute piuttosto aperte e che i buyer non lo considerano così stravagante o peggio difettoso se lo offrono al pubblico più ampio e potenzialmente inesperto senza cautele o avvertenze. Prosit!

Muscadet Sevre et Maine sur lie, La grande Cuvee,  Domaine Gadais, 12 gradi.

Il Muscadet! Quando si parla di crudita’ di pesce e di ostriche in particolare, il suo nome salta sempre fuori. Sarà che nascendo intorno a Nantes, nel primo entroterra della costa atlantica alla foce della Loira, l’abbinamento è venuto naturale. Oppure, come spesso accade, è stata l’alimentazione locale a selezionarne e fissarne nel tempo  lo stile e le caratteristiche. Però com’è difficile trovarne di veramente buoni, anche a cercare tra quelli di Sevre et Maine (sottozona di produzione particolarmente vocata) e tra quelli “sur lie”, cioè tenuti ad affinarsi per mesi non filtrati sui propri lieviti, per ottenere un gusto più ricco, più morbido ed insieme più fresco, grazie all’effetto delle mannoproteine ; e infatti spesso non manca nei Muscadet sur lie qualche traccia di anidride carbonica finemente disciolta: minutissime bollicine, che titillano piacevolmente il palato e preservano il vino dall’ossidazione e quindi dall’invecchiamento.
Ecco che finalmente ne ho trovato uno eccellente, questo di Domaine Gadais. Che sia buono lo sa bene anche chi lo produce, perché scrive orgogliosamente sul proprio sito aziendale di produrre: “ i migliori Muscadet Sevre et Maine”, forse esagerando con spirito guascone.
Però, quando lo bevi, come dargli tutti i torti? Soprattutto, come fare a resistergli? Perché fin dal color limone pallido, con riflessi verdini, che forma un velo minimo sul calice e si ritira regolare, è un’immagine di freschezza e gioventù, con un aroma intenso,  ben più della media dei Muscadet, ma senza esagerare inopportunamente, col rischio magari di coprire le vivande delicate. Il suo ruolo è di accompagnare, non di far la primadonna, e lui lo sa. Se vi accosti il naso, troverai profumo di limoni, pesche bianche, di crosta di pane, nitidissimi e cristallini, a compensare la complessità che è contenuta, ancora per non prevaricare. Ma portalo alla bocca e sul palato lo troverai croccantissimo, stuzzicante: ha corpo leggero, certo, ma non acquoso, anzi appena rotondo e quasi cremoso, ricco di tensione interna e al gusto ha un che di piacevolmente fume’. Ti farà parecchio salivare e ne godrai desiderandone ancora e ancora: e’ grazie della sua acidità? Certo è alta, ma invero non altissima se badi bene; piuttosto è quel suo essere salino, quel pungolanti a centro bocca che quando hai sete, come dicevano i miei vecchi, “ti gratta dove hai rosa”. Quale sia la sua virtù te lo rammenta nel finale, dove persiste più la sensazione tattile di freschezza che il gusto. Un grande vino estivo, che sta bene con tutte le pietanze di mare e persino come aperitivo. L’ho trovato ad un prezzo assai conveniente nella catena inglese Marks&Spencer: se in questi giorni visiti la Gran Bretagna -amico, amica che mi leggi- non fartelo scappare. L’autunno è già arrivato? Ma con questo Muscadet è estate tutto l’anno!

Saumur Champigny 2013, Domaine des Roches Neuves, 12.5 gradi.

Io lo ammetto candidamente: ho ben poca dimestichezza col Cabernet Franc: lontani assaggi di vini friulani, verdi e speziati; spesso anzi si è scoperto nelle vigne ci fosse – inconsapevolmente – carmenere. La sua patria però è la Francia, a dispetto dei natali oscuri che lo vorrebbero, in un’antichità remota di almeno un millennio, nascere nella Spagna basca ed arrivare in Centr’Europa sulle vie dei pellegrini traversando la Bretagna. A Bordeaux si usa nell’uvaggio locale, quasi un’assicurazione di buona riuscita perché fiorisce in epoche diverse rispetto a Merlot e Cabernet Sauvignon; inoltre matura più facilmente e perciò ha trovato nella valle della Loira una casa adottiva speciale: meglio, un luogo d’elezione, perché lungo la Loira sono fredde le zone interne, rigidi gli inverni, ed il Cabernet Franc si dimostra coriaceo perfino nel legno. Strana bestia la vite: più la porti al limite estremo, meglio si dona in qualità; come certe volte la Nazionale italiana, che gioca con maggior determinazione in dieci che in undici. Così nella Loira il Cabernet Franc, se coltivato con amore devoto, si dice attinga a miracoli di finezza e longevità. Non tutti i miei assaggi son stati fortunati, invero. Poi mi imbatto in questo Saumur Champigny 2013 del vignaiolo Thierry Germaine, un uomo con le idee chiare, che su suoli tufacei e con viti piuttosto vecchie pratica un’agricoltura biodinamica ( “ossia?” mi dirai amico, amica mia; la questione e’ un po’ complessa e dibattuta, ma di certo si tratta di una filosofia agricola di alto rispetto per la terra), ed applica rese di 30, a volte addirittura 15 ettolitri per ettaro mentre la media in zona e’ di 60 (come termine di paragone su un vino di qualità, a Montalcino per il Brunello la resa massima consentita per ettaro e’ di 80 ettolitri);  allora finalmente, allo sfilare del turacciolo, ho un sorriso. Ecco un vino che vibra, canta, racconta! Certo non è un vinone grosso, di quelli che ti travolgono con la possanza sbuffante di una locomotiva. Questo è un aliante leggero nell’aria, una barca silenziosa e veloce sul fiume, una carrozza che porta a castello una dama. Fin dal colore lo vedi: rubino trasparente e luminoso, dai mille riflessi; ne percepisci la sostanza magra e scattante e la rimarcano gli archetti sul calice irregolari,  nervosi e veloci come i contrafforti di un’architettura gotica. L’aroma e’ pungente ma non prevaricante, sempre un po’ da cercare, vinoso e di piccoli frutti di bosco rossi e freschi anzitutto; poi accenni di violetta, una nitida polvere di grafite, uno sfondo erbaceo aromatico che avvolge piacevole l’olfatto come tu entrassi in un giardino incantato e vagassi e ti perdessi tra le siepi nel tepor primaverile. A berne poi, ancor più ti impressiona: se il corpo sta tra il medio e il leggero, pur ti danza come un putto sulla punta della lingua e la sua intensità e’ chiara, diretta, luminosa. Ecco l’acidità che lo profila, l’allunga ed è radiosa; ecco in mezzo la sapidità, che gli dona fermezza e stabilità; ecco il tannino, ingannatore: fine, detergente, ne sottovaluti la portata pensandolo verde e moderato, mentre invece è maturo e vigoroso. La lunghezza sol media forse, ma con una nitidezza così cristallina che risuona a lungo nella memoria, se non sul palato. Io lo credo – amico, amica che mi leggi- irresistibile sulle carni bianche e su formaggi di stagionatura tra la fresca e la mezzana; ma ne avessi un’altra bottiglia qui con me, con curiosità infinita lo vorrei provare su pesci grassi d’acqua dolce.

Sancerre 2011, Domaine Vacheron, 12,5 gradi.


Pochi dubbi: i vini di sauvignon blanc sono, oggidi’, tra i più a-la-page del panorama mondiale: dall’aperitivo al pasto, dal dopocena rilassato su una spiaggia del Pacifico, all’ora cena formale in un costoso ristorante londinese, trovano la loro collocazione e tengono il campo: piacciono al comune bevitore, freschi e profumati come sono, e stuzzicano l’esigente sorbitore (delizioso ironico appellativo – purtroppo, non e’ mio!) con quella loro certa positiva aggressività, con quel profilo più beffardamente sfidante che conciliante morbidamente. E oramai il sauvignon blanc si coltiva in ogni continente e ad ogni latitudine, talora con qualche forzatura: quest’uva, di suo, ama le zone fresche e la sua casa elettiva e’ la valle della Loira, quei vigneti detti centrali proprio perché situati nel mezzo della Francia, dove si trova Sancerre; ed il Sauvignon di quelle zone li’ e’ tutta un altra cosa; perché quella grintosa aromaticità verde, vegetale e di erbe, abbacinante e traslucida, quell’abboccarsi con acidità anodine e quasi brucianti, per un insieme a volte un po’ artificioso, che stupisce ma stordisce psichedelico nei casi estremi, lasciano piuttosto il passo ad un’eleganza più misurata, incline semmai al sorriso più che a al riso sguaiato, pronta al sussurro piu’ che all’urlo. Questo Sancerre di Domaine Vacheron fa della naturalezza la sua sigla; e non solo per le certificazioni biologiche e biodinamiche che esibisce orgoglioso sull’etichetta; ma perché la vedi, la annusi, la senti nella tua bocca. E’ paglierino pallido, ancora con qualche riflesso verde; “unge il bicchiere” ma uniformemente, non lascia lacrime. L’aroma e’ intenso, deciso ma sfumato, quasi mano forte avvolta nel guanto di velluto, riuscendo carezzevole nel suo fondarsi sull’uva spina nitidissima, sulla florealita’ della lavanda (con una dolcezza che è quasi mielata), della rosa bianca, del sambuco; nell’accompagnarsi alle pesche, alle albicocche; mentre l’asparago ed il peperone verde – note dure, associate tipicamente al Sauvignon Blanc, compaiono qui solo come una trapuntatura finale, rifinita col velo lontanissim, come una sordina ed ai limiti del percettibile, , di affumicatura dei legni di affinamento. Sul palato, trovatolo secco ma non amaro, ne apprezzerai la leggerezza piena di un corpo che quasi stenti a dire mediano, sposata a una trama fitta e salda, saporita con richiami fedeli agli aromi, ricca di tensioni interne risolte però in una flessibilità sinuosa e passante, soprattutto carezzevole e quasi cremosa, sospinta da un’acidità’ vivida che rinfresca come una brezza, una lunghezza decisa che progredisce costante tenendo bene a bada quell’alcol comunque contenuto per gli spesso sovrabbondanti standard contemporanei, vedendo persino l’aggiunta non sgradevole d’un lievissimo sentire di vaniglia, non più che lo sfiorare di un tasto su un’immaginaria tastiera a completare aureo un accordo. Forse non l’amerai perché complesso, ma per come declina, trovando accenti di grazia rara e proporzioni perfette, una sua idea di semplicità. Frutti di mare e crostacei, anche e soprattutto crudi; formaggi a crosta bianca (oh,con quelli di capra!),risotti delicati, uova: questi saranno con lui i compagni del tuo piacere.

Muscadet Sevre et Maine “sur lie” 2012, Chateau du Cleray, 12 gradi

Per chi e’ nato tra le dolci sponde del Mediterraneo l’Oceano riserva un fascino tutto particolare. La nostra idea di mare e’ una morbida e calda culla; anche quando infuriato mugghia tempestoso sugli scogli, e’ come il rimprovero accorato di una voce appassionata e piena d’amore. L’Oceano no, e’ diverso: distesa immensa e fredda, che sgomenta: “fatti non foste a viver come bruti…”, la sfida e la ricerca, l’anelito verso l’infinito. L’Atlantico, la’ dove la Loira nel settentrione della Francia esaurisce il suo corso, riserva poi immagini rarefatte e nordiche, rinfrescando con le sue brezze le terre interne per diversi chilometri. Li’, nei dintorni di Nantes, nasce il Muscadet: e se sogni di sederti nel silenzio di un tranquillo ristorantino della costa, riguardando la sorda vastità dell’acqua, godendone i frutti freschissimi e crudi (le ostriche su tutto, così succose di salmastro), quello è il vino che abbinerai, secondo un cliché enogastronomico per una volta sensato. Ahimè, trovarne di buoni: perché tanti Muscadet sono, con disappunto, liquidi inodore e insapore. Ma questo di Chateau du Cleray, -annosa azienda forte dei suoi 95 ettari su suoli siliceo argillosi nei pressi di Vallet- lo rappresenta al meglio: si’, l’avrai pallidissimo paglierino nel calice; con un aroma che ha uno spunto delicato, salvo poi insinuarsi nell’olfatto in crescendo fino a divenire intenso: di agrumi (limone e cedro), di pesche fresche ed acidule, ancora appena un poco acerbe, e di piccole susine verdi, di pietre e di muschio bagnati, di erba verde tagliata poco dopo un temporale, con una personalità originalissima ma che nasce sotto il segno della discrezione. Non si impone, no, nemmeno al palato: secco più del gusto oggi corrente, corpo esile, ma nervoso e guizzante di un’acidità ferma, di un carisma salino che parla di terra e di mare che fanno all’amore, malia portata dal soffio del vento; e con questa sua energia discreta, che non e’ peso e forza muscolare, ma tensione nervosa, tempismo, coordinamento motorio, ti pulisce il palato, lo accarezza cremoso, lo stimola, lo rinfresca ed a lungo vi permane. Ecco un vino che vince perché non si impone; che nella sua ritrosia trova la misura per conquistarti; che nel sussurrare ti obbliga ad ascoltarlo, perché ha cose importanti da dire: voce per levarti la sete, per ristorarti amica nel tuo viaggio, di ogni superfluo privatasi. Si diceva per fama perfetto con le crudita’ di mare ed è verità; ma tu godine anche per raffinatissimo aperitivo o come sorprendente compagno di formaggi a crosta fiorita.

Saumur Blanc L’insolite 2012, Domaine des Roches Neuves, 2012. Thierry Germaine, 13 gradi.


Che uva lo Chenin Blanc: così versatile da dar vini secchi, dolci, fermi e mossi, imprimendo a tutti la sua specifica peculiarità; in grado di mantenere acidità sufficiente per il vino anche nei climi più caldi; altruista al punto di donare questa sua dote nell’uvaggio, ma senza prevaricare con l’aroma; disponibile persino ad offrire rese generose; sfaccettata al punto da apparire sfuggente, mentre invece è personalissima. Si è diffusa in tutto il mondo, ma tu vai a trovarla nella nella sua casa d’origine e terra d’elezione: in Francia, nella regione fredda della Loira. Prendi questo Saumur di Therry Germaine: e’ biologico, e’ biodinamico, si chiama “L’insolite”, forse perché Saumur e’ più famosa per i vini mossi. Soprattutto è uno Chenin paradigmatico: giovanilmente paglierino limpido, non troppo carico, con archetti evanescenti che ne rivelano una certa magrezza di corpo o almeno delle componenti più pastose e oleose: diremmo un fisico asciutto da modella. Ecco, a ritrarlo sarebbe proprio una di quelle persone – uomini o donne, poco importa – intelligenti, riservate, timide e perfino un po’ distanti all’apparenza, ma in realtà generose ed esplosivamente passionali. Perché sotto un aroma delicato ma incisivo di agrumi, di susine verdi, di paglia bagnata, di fiori, nascoste scorrono con violenza e forza magmatica folate terrose, profonde e complesse di polvere pirica, iodio, muschio, idrocarburo, capaci con l’areazione di soverchiare i valori, ribaltare gli equilibri di forza, facendosi preponderati e vibratili. La bocca e’ una sferzata acida, cui si sovrappone un bacio sensuale di miele, che già avevi odorato come una vaga promessa al naso: sapore, dolcezza segreta e consistenza permeante e carezzevole; ed un burro appena sotto traccia, ed un finale croccante di nocciole. S’avvia perfino un po’ tannico, inapprocciabile, ma si dispone sul palato sottile e tenacissimo, quasi un punto luminoso a mezza altezza del palato appena oltre la lingua, capace di irradiare intensamente come una cometa o una stella cadente che attraversi la notte tutta la curva celeste in largo volo aperto, in una sospensione quasi immobile, riflettendosi e duplicandosi sull’acqua nera. Sapore che è’ piccolo per dimensione e peso, ma è’ insistente, tenace, di una sensualità che è tutta forza d’animo compressa. Certo, non facile da capire, richiede tempi e convinzione: areandolo per ore e giorni prenderà confidenza, invecchiandolo per anni e lustri imparerà a lasciarsi andare e a darti con calore del tu. Non berlo troppo freddo. Fresco sui frutti di mare crudi; freschino su crostini di paté, terrine e pure su un salmone bollito, anche lievemente affumicato; potrai gustarlo anche con le carni bianche, ma te lo consiglio allora chambre’: come si dice in Francia, a temperatura ambiente. Ti sussurrò però in un orecchio: ne avessi un’altra bottiglia, me la terrei per il 2017 e magari oltre.

Pouilly Fumè 2011, Domaine de Rabichattes, Grebet Pere et Fils, 12.5°

image

C’è, in questo Pouilly Fumé, qualcosa di antico. E non parlo, amico, amica mia, dell’etichetta vecchio stile – che pure, a conti fatti, nella sua finta ingenuità scopriamo invece programmatica; ma guardalo nel bicchiere, trasparente, nel suo color paglierino pallido pallido, quasi carta. Lo vedi che non sfoggia concentrazioni, non estrazioni sontuose ma forzate di aromi e sapori. C’è in lui qualcosa di virginale, di riservato…Al naso, non aspettari l’esplosione di profumi -pompelmo e frutto della passione – di un Sauvignon neozelandese e di tanti altri che, nati più in cantina che nella vigna, titillano i sonnolenti tioli dell’uva a liberare i loro odori abbacinanti. Qui hai un profilo classico, educato, cui devi andare incontro e un po’ pazientemente cercare. Vi troverai, un po’ nascosti i fiori (la camomilla, il sambuco, la ginestra) e la frutta a polpa bianca (le pesche ancora belle dure, piccine; le susine verdi) e senz’altro gli agrumi: limone e pompelmo, ma con grazia e discrezione: non ti chiamano a voce alta, ma con un sussurro; sono come filtrati, come addolciti, quasi che le api avessero tratto dal frutto il miele. Ed ancora, sorprendente, una nota minerale di pietra . In bocca è sottile e leggero; ma infiltrante, con acidità vivissima, che si insinua in ogni angolo della bocca, ripulendola. Il sapore è delicato, riprende gli aromi sentiti al naso, ma la bilancia pesa di più sull’agrume, sul mielato, sulla limatura di pietre. Non ’ lunghissimo: ti lascia così, svanendo, il desiderio di un altro sorso. E’ tanto lontano dai Sauvignon più moderni e alla moda:ti richiede un ascolto attento. Non berlo distratto dalla chiacchiera di un aperitivo: come una donna bella e di classe, vuole e merita un’appartata attenzione. Puoi berlo con cibi delicati di mare e di terra: preparazioni semplici, ma materie prime eccellenti. Per uno sfizio tutto tuo, con un fresco formaggio di capra. Oppure, bevilo immaginandoti come il Commissario Maigret, a un tavolo della brasserie Dauphine, mentre scaccia gli ultimi pensieri dopo una dolorosa indagine.