Blu di Burson 2014, Ravenna IGP Uva Longanesi, Azienda Agricola Longanesi Daniele, 13 gradi.

Per anni avevo sentito parlare dell’uva longanesi, una varietà autoctona del ravennate dalla storia avventurosa e dalle origini misteriose.

La sua vicenda è affascinante e curiosa. Antonio Longanesi trovò durante gli Anni Venti (o nel 1933, o nel 1913, secondo le fonti) a Bagnacavallo, nel Ravennate, in un terreno marginale dove aveva un capanno di caccia presso un bosco, una grossa e vecchia pianta di vite abbarbicata ad una quercia, che veniva utilizzata per i richiami degli uccelli. Ne notò la perfetta salute, il rustico vigore e, in particolare, l’assenza di malattie fungine, caratteristica importante in un territorio di pianura, un tempo forse ancora più umido di oggi: infatti gli acini erano (e sono) piccoli, con la buccia spessa.

Così provò a trarne vino, ottenendone subito un buon prodotto, assai colorato e con 14 gradi, moltissimi per l’epoca e per la zona.

Piacque così tanto che i contadini dei dintorni cominciarono a coltivarlo ed oggi lo si trova, ad esempio, a Lugo, a Godo, a Cotignola, a Russi, a Fusignano e dal 1999 è promosso dal Consorzio “Il Bagnacavallo”, usando il nome dialettale di Bursôn, che era il soprannome della famiglia Longanesi, da essa generosamente concesso ad uso gratuito.

Tuttavia l’origine ampeleografica dell’uva longanesi non è nota: le ricerche non hanno avuto molto successo, ma l’ipotesi più probabile è un’ibridazione spontanea, visto che il suo DNA non assomiglia a quello di nessun altra varietà. conosciuta.

Trovandomi a Ravenna per assistere ad un concerto del Maestro Muti, non mi lasciai scappare l’occasione di acquistarne una bottiglia di produzione affidabile per levarmene finalmente la curiosità e scoprire che il Burson è un vino sanguigno e rustico, più simpatico e originale che fine, espressivo fin dal suo aspetto: granato con riflessi porpora scura, profondo ma non impenetrabile.

Conferma il suo carattere diretto al profumo, una piacevole bizzarria di intensità superiore alla media, giocata sulla freschezza vibrante della frutta rossa anzitutto: fragole, ciliegie e soprattutto amarene. Una striatura di pesca accompagna verso qualche nota verde in filigrana, erbacea, di alloro e di leccio, per poi cedere il passo a una speziatura decisa: cannella, noce moscata, chiodo di garofano, con le bacche di ginepro che traghettano un ritorno su pennellate selvatiche e umide (muschio, corteccia, sandalo ed humus), finendo sull’accenno vago di una limatura di ferro.

Di gusto secco, ma avvolgente, con un corpo medio, che si sviluppa largo sul palato con una trama fitta, ma compatta. Possiede un’acidità netta e pulente e un tannino in quantità poco superiore alla media, però rustico per grana ed incisività, piacevole per astringenza. La persistenza è discreta, ma il finale è pulito, equilibrato, come un’eco.

Insomma, è un rosso che sembra più di quel che è: fa la voce grossa senza avere il do di petto, e proprio per questo suscita simpatia, come quei personaggi da bar che ancora – e per fortuna- si rinvengono in provincia: un po’ burberi e sbruffoni e dalle mani grosse, che a parole si direbbero sempre pronti a usare per fare a stiaffi, ma che in realtà sono miti e dal cuore d’oro.

Con curiosità leggo e riporto la sua peculiare vinificazione: partendo da uva longanesi in purezza, il 40% è sottoposto a macerazione carbonica; la fermentazione dura 7-8 giorni a temperatura controllata, poi riposa per 15 giorni decantando le frecce pesanti; segue un affinamento di 10-12 giorni in botti di rovere da 500 litri ed infine almeno 6 mesi in bottiglia.

Chiama a viva voce le paste ripiene ravennati, sulle quali si sposa appassionato e con brio, trovando persino, per equilibrio di forze contrastanti, una strada di genuina, verace, discreta eleganza.

Falistra Lambrusco di Sorbara DOP, L 515, Podere Il saliceto, 12,5 gradi.

…chiarissimo, quasi rosa; profumato, secco, spumante, di fragile corpo. Non esistono, per i vini, leggi assolute“. (Mario Soldati in “Vino al vino”).

È un Sorbara che stupisce e sorprende, in tutti i sensi e tutti i sensi. Se lo pensi rosso, o nero, sbagli. Vecchia questione quella della tinta tipica del Sorbara: ne sono piene pagine di letteratura ed essa rimane, posta la sostanziale delicatezza colorante di quest’uva lambrusca, nelle mani e nella sensibilità del produttore.

Un rosato pallido, delicato, antico ed un po’ torbido, questo Falistra: non sono bravo a descrivere il colore dei rosati, ma rammenta lo sfondo di certi cammei antichi che si trovan nei musei. Fine la bolla: rifermentato in bottiglia secondo la tecnica tradizionale, giusta per le produzioni di qualità.

Spiccato il suo profumo, segnato dalla morbidezza pastosa dei lieviti, che si rinnova in tensione con la freschezza del ribes, del bocciolo di rosa, della fragolina di bosco e di un insieme minerale, immaginando la forra di un torrente che scorre impetuoso sui sassi del greto, con le alghe e la vegetazione palustre ed umida intorno.

Ben secco al sorso, di buon sapore e articolato -seppur in un ambito di complessità media- risulta di corpo snello, ma voluminoso, per via di un’acidità altissima , davvero con pochi confronti: animo fumino di lottatore, questo Sorbara manda a tappeto persino parecchi Riesling; eppure essa è bene integrata, naturale, sciolta, stuzzicante, pulente; ed il Falistra è anche magicamente delicato, avvolgente, cremoso, ancora per effetto dei lieviti sospesi. Salinissimo e rinfrescante, dal tannino percettibile ma sottile ed in perfetto accordo armonioso con il resto della tessitura, si slancia lunghissimo e ritmato, sopravanzando agevolmente per nettezza, pulizia e naturalezza spumanti rosati di ben altra prestesa.

Gustato ottimo, l’estate, su fusilli al sugo ed arrosto di vitella, lo direi davvero eletto sulla cucina emiliana sapida e unta. Certo, un occhio alla storia, non era il Lambrusco del popolo, questo, ma delle corti borghesi, che guardavano alla Francia ed allo sciampagna, magari con un tocco provinciale, ma senza troppa soggezione. Oppure, più domesticamente, nipote di quello che assaggiò Mario Soldati presso il Parroco di Sorbara, nel ’57.

Ageno 2007 Emilia IGT, La Stoppa, 13,5 gradi.

Se nominassi i Colli Piacentini ad uno straniero, o anche ad un italiano che vive fuori zona, diciamo al sud, credo che evocherei ben poco. Non che la zona brilli per visibilità, né dal punto di vista enologico, né da quello strettamente paesaggistico o artistico, ed è un peccato, perché in realtà si tratta di una gemma a pochi chilometri da Milano: un polmone verde che è rimasto per tanti versi autentico e incontaminato, a dispetto dell’industrializzazione che si spande disordinata dai lati dell’autostrada A1.
Per me, i Colli Piacentini erano quelli delle gite domenicali con la mia famiglia: mio padre li privilegiava perché erano ad un’oretta d’auto, non si trovava mai traffico e con poco si mangiava bene. Mi ricordo tante volte in autunno, in inverno, si usciva dall’autostrada a Piacenza e in pochi minuti si era tra i campi dalle zolle brune che esalavano nebbia verso un cielo uniformemente grigio, verso il quale filari di alberi levavano i rami spogli come un monito nero, ed i corvi pigri a terra punteggiavano il paesaggio dell’unica apparenza di vita; eppure l’insieme era di una dolcezza nuda, desolata e struggente, quasi segreta nei ruderi di chiese e ville barocche, e abbazie, e fattorie e castelli che si intuivano in lontananza; profondamente triste e consolatoria come l’Andante con moto quasi Allegretto, che del terzo dei Quartetti Razumowski di Beethoven è il secondo tempo. Poi, si saliva verso le colline, così morbidamente da non avvertire alcuna soluzione di continuità. Allineate lungo i fiumi, che le solcano da sud ovest a nord est, si traversavano la Val Tidone, la Val di Nure, la Valchero, la Val Luretta, la Val Trebbia, scabre l’inverno e talvolta imbiancate, su su fino a Bettola o a Bobbio, dove si pranzava e ci si scaldava col locale Gutturnio, che se anche a volte era un po’ rustico, a noi piaceva, così pieno e corposo. La primavera, invece, che era un tripudio di verde virgineo, uno scorrere d’acque, un luccicare di sabbie gialle, dinargille azzurre, di candidi calcari , di arenarie grigie  (le matrici sono marine e spesso affiorano fossili), di fiori e di api, era anche il tempo dell’Ortrugo: bianco, fresco, vivace e sottile; allora, anch’esso un po’ rustico, o comunque senza troppe pretese. Se li nominavi fuori zona, Ortrugo e Gutturnio, ben pochi ne avevano sentito parlare. Eppure la tradizione vinicola dei Colli Piacentini è antica e la vocazione riconosciuta, quantomeno  da alcuni pionieri: pare infatti plausibile che il celebre Louis Oudart, che a metà ‘800 per primo vinificò il Nebbiolo secco a Neive (e perciò lo si ritiene il “papà” dei moderni Barbaresco e Barolo), si rifornisse già nel 1833 di uve dalle parti di Bobbio, le vinificasse alla maniera dello Champagne e come Champagne le vendesse: non c’erano le DOC e AOC allora. Tra i pionieri, probabilmente, andrebbe nominato l’avvocato Giancarlo Ageno, che fondò La Stoppa ai primi del ‘900, impiantando vitigni francesi per saggiare il territorio.  

Io pure, pur amando profondamente quelle colline, non mi ero reso conto del potenziale dei vini del  piacentino, finché, qualche anno addietro, non assaggiai vini de La Stoppa a una manifestazione chiamata Sorgente del Vino, che si teneva la allora appunto su quei colli, nel suggestivo castello di Agazzano; e rimasi letteralmente a bocca aperta.

La Stoppa appartiene dal 1973 alla famiglia Pantaleoni, che a Rivergaro, su quei terreni di terre rosse antiche, ricchi di ossidi minerali, poco lontano dal fiume Trebbia,  ha deciso di ripiantare in buona parte uve autoctone, di coltivare e vinificare secondo principi biodinamici, con interventi in cantina minimi. Tutta la produzione è buonissima, territoriale, personale. Già in quegli assaggi, però, un posto speciale me lo conquistò nel cuore proprio il vino dedicato all’antico fondatore, un bianco da  malvasia di Candia aromatica, ortrugo e trebbiano, vinificato secco e fermo, con la tecnica della macerazione sulle bucce (30 giorni) e affinato a lungo in legno e acciaio: tre anni. E che sorpresa fu trovarlo in offerta su un sito internet  inglese ! Perché questo non è un vino standardizzato e per tutti , mainstream, come dicono lassù, ma una cosa viva, parlante, mutevole, inevitabilmente dialettica. Ti racconto – amica, amico che mi leggi- il mio assaggio domestico, che risale a 7 giugno del 2016. 

Il suo colore…come definirlo? Ambra luminosissimo e trasparente? Ricorda più un vinsanto, o un Madeira, o un whisky scozzese, che un vino da pasto, sia pure anche superiore, come si diceva una volta. Disabituati noi, forse, a certe tinte affascinanti e antiche. Lascia sul calice gocciole estremamente lente, variabili nella velocità e che dunque formano cime frastagliate, ma regolari nella successione. Molte bolle finissime di anidride carbonica lì intrappolata si palesano nel bicchiere, ma subito svaniscono alla vista lasciando il vino limpido e fermo, però rimangono al palato sotto traccia,  stuzzicandolo. L’Ageno esprime un aroma intensissimo e estremamente complesso, continuamente cangiante, notevolissimo per la personalità del suo profilo: acetaldeidi in misura che può che anche disturbare chi è di naso sensibile,  e tanta frutta matura, maturissima, ma tutt’altro che cotta: arance, limoni ( persino canditi), tanto mandarino, susine bianche, pesche ,albicocche, corbezzoli; persino tocchi tropicali. Fiori ed erbe: ginestre, origano , rosmarino, salvia, prezzemolo, timo. Poi sentori di lieviti: biscotti, crosta di brioche; uniti a burro (che in genere stucca e qui invece mi delizia) e funghi, neanche fosse un grandissimo Champagne maturo. Quindi, attendendo ancora, un’altra arcobaleno di sovrappone senza sostituirsi, spiazzante: ora è minerale iodato, sa di sabbia sulla spiaggia; sa di vaniglia e di cocco; di mele, al plurale: cotogne, renette, golden; di nocciole; di pere; di muschio e legna umida; di sandalo; di zafferano. Se lo bevi,  noterai lo stuzzicare dell’anidride carbonica residua sulle prime; sentirai che c’è anche un po’ di tannino, inevitabile, ma maturo e di grana molto fine.
Noterai poi il sapore molto concentrato, con tocchi addirittura di frutta rossa ed ancora di burro; ed il corpo che è pieno e glicerico e che si snoda deciso sul palato; ma soprattuto che il vino è lieve, vivido, danzante, e con un’acidità ancora altissima e ben distribuita, fusa con una estrema salinità, viaggia verso una chiusura lunghissima, perfettamente equilibrata e rotonda  al gusto; forse appena un po’ alcolica, ma non è che un’inezia: spicca di più la sua tessitura carezzevolissima, con un tocco ruvido che la rende vibrante. L’ho provato sui cibi più svariati e si è dimostrato a suo modo garbato nell’ accompagnare ( sta su tutto) e insieme estremamente selettivo (difficile trovargli l’abbinamento eccellente). Allora, se pure è stato bene su bucatini a cacio e pepe, credo che il suo meglio l’avrebbe dato con abbinamenti più marcatamente territoriali: sarà la biodinamica che rafforza il legame con la terra d’origine, ma avessi avuto con me certi soavi e sapidi salumi piacentini,  certe paste ripiene locali così opulente e di sapori e condimento, certi arrosti scioglievoli! Magari non è per tutti questo bianco assaggiato a 9 anni dalla vendemmia, con quella quantità di aldeidi, con quell’equilibrio funambolico tra freschezza- che c’è, eccome- ed ossidazione: chi cerca solo la prima, ne sarà spiazzato. Per me, però, è semplicemente un gran vino, che migliora a distanza di giorni dall’apertura , diventando più delicato e floreale; così grande che invoglia non solo a berne e riberne, ma anche  a conoscere meglio tutti i prodotti di quel territorio: ti par poco, amica o amico che mi leggi?

Terrebianche 2016, vino frizzante secco, Bianco dell’Emilia IGT , TerraQuilia, 12 gradi.

Guiglia sta tra Sassuolo e Bologna, su quelle colline che poi diventano Appennino. La Ferrari sta a Maranello, venti chilometri o poco più, per aggiungere una coordinata di respiro internazionale. Ma a 10 minuti c’è il parco regionale dei Sassi di Roccamalatina, per dire che la zona mantiene ampiamente la sua naturalità. Terraquilia, della quale poco so, si fa il punto infatti di produrre vini naturali, dalla sue vigne a 450 metri. E si pregia di esser parte della FIVI , la Federazione Italiana dei Vignaioli Indipendenti: oramai è quasi una garanzia di qualità. Ricevo in regalo da un’amica questo bianco, Grechetto e Trebbiano, che mi resta simpatico come tutti quelli realizzati col metodo ancestrale: mica detto che siano buoni, ma simpatici sì, perché seguono la tecnica antica ed empirica    praticata dai contadini direi di ogni dove, ma che in Emilia trova un radicamento profondissimo. Dunque lo bevo questo Terrebianche in una di quelle serate estive milanesi afose e uggiose da non lasciar respiro e da far boccheggiare come pesci rossi nella bolla di cristallo. Il cibo: roba semplice, saporita, da stuzzicare l’appetito malgrado la calura. Serve un vino fresco, pimpante, leggero e stuzzicante del pari.  Eccolo qua, nel suo paglierino tenue, quasi verdino, un po’ torbido, con una spuma delicata e un po’ disordinata. Il profumo è piuttosto delicato, ma ha una buona articolazione: a mio avviso vi puoi sentire qualcosa di cerealicolo, come fosse orzata; poi frutta bianca, pesca magari; più lieve l’agrume, limone; una florealità variegata e qualche nota più vegetale, verde , fresca: un po’ di salvia, un po’ di finocchio; e mela verde, appunto. Tuttavia, essendo quasi timido il profumo, è alla bocca che questo Terrebianche svela il suo protagonismo: corpo medio, alta acidità, salino, con una buona concentrazione di gusto dove torna e spicca la mela verde. Ha un allungo di buona misura ed equilibrato, appena un po’ amaro: ma questo perché il suo residuo zuccherino è misuratissimo , quanto basta per ammorbidirne gli spigoli alla beva, perché non ti vengano a disturbare. Recita l’etichetta:“Vinum laetificat cor hominis” ed appunto lo spirito è quello. Serve la traduzione ? “Il vino allieta il cuore degli uomini” . Abbinamento? Una sera come questa, calda, caldissima, ed una buona compagnia, allegra. Il cibo, vedrai, verrà da sè insieme alle risa.

Il mio Lambrusco 2012, Camillo Donati, Lambrusco dell’Emilia IGT, 12 gradi.


Ricordo tanti e tanti anni fa una gita in Emilia con gli amici; o meglio un pranzo in campagna, non lontano da Busseto e meno ancora da quella frazioncina delle Roncole che vide nascere il genio verdiano ed il piccolo Peppino sgattaiolare tra i tavoli dell’osteria paterna per arrampicarsi su su, in chiesa, sull’organo, ed esercitarsi a 6, 7 anni; a 8 già pigliava un piccolo stipendio.
Ricordo la giornata bella e lucente di un sole che contornava di grazia e precisione geometrica il bordo dei campi, le zolle dalle sfumature infinite di nero e marrone, i fili d’erba e gli alberi da frutto, i mattoni grezzi delle case: quasi a sottolineare che in quella terra si celebrava il connubio tra una rarefatta eleganza ed una terragna rusticità. I piatti sugosi della Trattoria Vernizzi! Avevano una stanza seminterrata alla quale si accedeva da una delle sale, attraverso una porta segreta mimetizzata nel muro, dove stagionavano maestosi,odorosi, i culatelli. La vera sorpresa però era il vino: un Lambrusco fatto da loro, buonissimo, corposo, che veniva aperto e velocemente adagiato sul tavolo con la bottiglia in bilico sul bicchiere, perché doveva espellere la spuma: purpurea, profumata, gorgogliante, indomita e incontrollabile. E mi piaceva ed affascinava, così selvaggio, ribelle, focoso, indomabile. E perché accadeva? Ma perché era un Lambrusco artigianale e rifermentato in bottiglia, non nei grossi serbatoi a pressione ( autoclave) come quelli che avevo assaggiato fino ad allora. Ogni bottiglia la sua storia e la sua riuscita. Tornai anni dopo alla Trattoria Vernizzi, ma qualcosa mi parve cambiato e quel Lambrusco non c’era più, sostituito da altro in bottiglia. Buono, ma più anonimo. Questo di Camillo Donati, scapigliato com’e’, ecco, mi ricorda quel Lambrusco della Trattoria Vernizzi. Intendiamoci: Donati non coltiva le viti nella Bassa, lui ha il privilegio della collina parmense, in quel Langhirano così ben ventilato da essere celebre “urbi et orbi” per la stagionatura dei prosciutti; di più: vigne a quote rare, sebbene coltivi lambrusco maestri, in genere più acclimatato in pianura. Però Donati lo rifermenta in bottiglia il suo Lambrusco; di più: biologico certificato in vigna, poco o nulla di chimico usa in cantina, ed allora la seconda fermentazione può anche non partire…e addio bolle. Ci vuole del coraggio; oppure basta essere di saldi principi. Ma poi lo apri e lo versi, e tutto ribolle di una spuma grassa, che ha la sensualità della carne delle donne del Correggio e giù giù fino a quelle di Fellini. Non trasparente, ma quasi impenetrabile e sempre più opaco via via che ci si avvicina della bottiglia al fondo, di un rosso che va dal quasi granato al purpureo. Granato? Piuttosto il colore e" quello indecifrabile e démodé di una melagrana matura. Eppure ti incanta come al riguardare occhi femminili, di brace, di quelli che ti fulminano. E l’aroma spiazzante, lontano dai canoni moderni, dove a fragole e rose (ma bada: vere, naturali, come quasi le abbiam dimenticate) si associano aromi ferrosi, ed ematici, e di foglie bagnate, un tocco di cannella, e poi tanto lievito si’ che quasi ha qualcosa del grano di una birra weiss o dell’orzo maltato di un whisky irlandese. Eppero’ e’ Lambusco, badali’. Allora un’acidità croccante, malgrado l’annata calda, che sa pulire la bocca con passionale determinazione; un residuo zuccherino che lo fa appena abboccato perché subito li’ pugnaci si stagliano i tannini abbondanti, rotondi ed assai terrosi, a portare un corredo di serietà amaricante: “uno schiaffo e una carezza”. Poi il corpo sorprendente, la salinità, la lunghezza, che ne fanno un compagno gastronomico ideale per la cucina tradizionale emiliana e per più ardite sperimentazioni. Perché, presto detto: arriccerà magari un po’ il naso l’ospite tuo che si crede raffinato, ed invero può anche non piacere questo Lambrusco; ma tu un vino così lo vorresti sempre avere sulla tua tavola, compagno ed amico. Si’: con quella sua tessitura un po’ ruvida, ma vera e sincera; in una parola, pura. Allo stesso tempo contadino e signore; orso e di gran cuore. Come sono tanti parmigiani. “Come l’era il Verdi”.

Chiosa: a distanza di quasi un anno ne apro una bottiglia gemella (o quasi: fermentando in bottiglia, ciascuna ha una sfumatura di carattere autonoma, irripetibile) acquistata quello stesso di’ nello stesso negozio; solo che questa ha atteso fin’ora stesa nel mio appartamento, non nell’umida culla di un’appropriata cantina. Che importa, se aprendolo lo trovo ben tonico e perfino ringiovanito? Più bello il colore: fitto, melagrana certo, ma con riflessi ancora purpurei); più serrata la spuma, che abbonda morbida mescendolo e permane frizzante e sottile a titillarti le papille; più centrato e nitido l’aroma, dove la lente indugia su una combinazione pura di violetta e di erbe aromatiche e verdure: gli odori dell’arrosto (la salvia, il rosmarino, l’aglio il sedano e la carota, perfino), che si combinano irresistibilmente con quelli ematici e della carne, cosicché mentre ti schiocca croccante sulla lingua, mentre te la irradia di una scia minerale che sta tra il luccicar della pirite e quello delle stelle e te la chiude lungo e amaricante un po’ come il rabarbaro, un po’ come quella cicoria selvatica che cercava la mia nonna Giulia in montagna (e trovarne ancora in tavola o’ nonna, da te servita con amore!), a gran voce ti chiama l’abbinamento con un’anatra o un oca al forno, ben unta, quei tripudi di carne bianca e grassa così tipici di una certa Bassa. E ti spiace solo di averlo svegliato ora dal sonno questo Lambrusco pieno di carattere, perché “chissà che cosa sarebbe diventato lasciandolo li’ ancora un po’”…ma goditi in fondo -e invece- quella gioia senza colpe che esso ti dona.

Curtis in Lama Rose’, Fiorini dal 1919, lotto L08 147 , vino spumante di qualità, 12,5 gradi


Che si può dire di uno spumante emiliano? Ora: la terra dello Champagne e’ lontana, ma in Italia abbiamo sonanti i nomi del Trentino, di Franciacorta, del Pavese e l’Emilia e’ piuttosto terra di Malvasie, Ortrughi, Barbere e Lambruschi frizzanti, sovente rustici e beverini. E, certo, chi vuol esser chic di solito beve metodo classico, non spumanti rifermentati in autoclave: Prosecco o Asti, più economici, talvolta purtroppo – nei casi meno fortunati- perfino dozzinali. Tutto quindi congiura contro questo Curtis in Lama di Fiorini, azienda artigiana attiva dal 1919 a Ganaceto, dalle parti di Modena. Però qui nel mio calice stasera c’è di che ricredersi: perché questa bottiglia ormai annosa -un lotto del 2008 che comperai anni addietro alla cantina in una fredda, uggiosa mattina
dicembrina- dispiega un fascino arcano, antico, seducente, che ha la grazia sottile delle cose più belle e vere. Non sarebbe da invecchiamento, ma lo ritrovo dopo quasi sei anni ancora così vivo, così comunicativo, da sorprendermi e lasciarmi di stucco. Dolcissimo a vedersi, di un color salmone molto carico che già prelude al sangue di bue, ma trasparente e luminoso; con un perlage di bolle così fitte, sottili e stupefacenti in persistenza, che le preferisco a quelle di tanti metodo classico: saranno magari un po’ più disordinate e rustiche, ma sono così umane, così vitali. Dentro ci trovi per lo più lambrusco ed un tocco di pinot nero. All’olfatto i duroni di Vignola e le fragole ben mature, grosse, succose e zuccherine, si sovrappongono a più vinosi aromi; ma sempre spiccano il mirtillo maturo e le spezie: polvere di liquerizia come un ricordo d’oriente, uno splendore bizantino penetrato chissà come dalle rive di levante e poi giunto nell’interno della valle Padana. E c’è pure, in questa fase lunga di evoluzione, un sentore di frutta secca tostata, di crosta di pane, di carciofi alla giudea, che viene per una volta dall’invecchiamento e non da altri giochi di cantina. In bocca e’ teso, va dritto allo scopo di dare piacere: senza flettere o dispensare dolcezze, appena cremoso ma soprattutto stuzzicante in virtù delle bolle, ha dalla sua una grinta da vendere , cominciando dalla forte spinta acida e più ancora da una potenza salina senza pari, che sembra di vedere discendere dalle zolle stesse della terra, nere e farinose; e certe sue note tostate e caramellate servono solo ad aggiungere complessità ad un profilo che è invece piuttosto minerale e quasi austero, senza mai però arrivare a velarlo o appesantirlo. Lungo nel sapore, ha una purezza e una così spiccata beva che un sorso tira l’altro, con un crescendo adamantino. Spumante eccellete e versatile, sa trovare il suo spazio con i tradizionali antipasti di terra locali, ma anche su robuste preparazioni di pesce; sa essere a suo agio con formaggi vaccini di media e lunga stagionatura, con le pizze e perfino con le cucine orientali. Io però vorrei tanto assaggiarlo su una indimenticabile, morbidissima oca arrosto che gustai tantissimi anni addietro – veramente millanta- alla Trattoria Vernizzi di Frescarolo, nei miei ricordi ormai sbiaditi minuscola rasserenante frazioncina di Busseto, non lontana da le Roncole, circondata dai campi; e la memoria di quel verde e di quei cieli azzurri si confonde struggente in questo calice rosato.

Per saperne di più: http://www.poderifiorini.com

Gutturnio Superiore 2011, Il Negrese, 14 gradi.

L’inverno: il cielo grigio, la pioggia fitta. Milano bagna i suoi muri di una tristezza che ancor più stride con la frenesia delle strade e dei volti. Allora la fuga verso luoghi che amo, quel Piacentino agricolo e verde li’ a un tiro di schioppo, ma remoto, appartato; ora come molte volte in passato, quand’ero bambino ed era gita prediletta della domenica: i castelli, i borghi, le corti rustiche, il silenzio dei campi, immensità immobile rotta solo dallo sbatter d’ali dei corvi. Risalire oggi la Val Tidone, che è divisa tra Emilia e Lombardia, significa dimenticare i capannoni, lasciarsi alle spalle l’autostrade e il moderno per ritrovare un tempo diverso, più lento, dove a segnare lo scorrere del tempo può essere il campanaccio di una mucca pezzata: e’ il ritmo di un mondo ancora prettamente contadino, autentico, generoso e timido insieme. Se hai freddo e sei affamato, può magari capitarti la sorte di un tavolo silenzioso nella penombra, alla fiamma calda e scoppiettante di un camino: una sosta d’altri tempi. Ordina allora un Gutturnio, che e’ il rosso storico di queste zone, mosso o fermo: ti scalderà il cuore, con il suo essere a un tempo serio e giocoso, austero e accogliente, col suo saper sussurrare storie segrete e scintillare ugualmente di risa. Viene da uva barbera, che gli da’ forza, acidità e struttura, e da croatina, che gli dona profumo, garbo, arrendevolezza. Ce ne sono alcuni rustici e imprecisi, ma io ho avuto con me questo de il Negrese, piccola cantina artigiana di Ziano Piacentino, ed è tutta un’altra musica, fin dalla lucentezza pulita del suo colore giovanile, rubino fitto con riflessi purpurei: lascia depositi importanti nella bottiglia, ma il vino nel calice e’ assolutamente terso. Sul vetro gli archetti scorrono ravvicinati e lenti, già facendo pregustare le delizie di un morbido abbraccio. L’aroma nitido ha una fragranza calda e intensa di frutta a bacca nera e sotto spirito: more, mirtillo, ribes nero, rinfrescata e speziata da rimandi a foglie d’alloro e di corbezzolo. Non aggredisce, ma blandisce suadente, con un gioco di ombre segrete: frutto da cogliere si’, ma non in vista: devi ricercarlo fra la macchia. In bocca si offre con ampiezza rilassata, tannino fine seppure in po’ verde, innervata da un’alta acidità, che la sostiene e l’allunga in persistenza sul palato, tingendo di freschezza l’equilibrio e facendo scordare in suoi 14 gradi alcolici, per una trama di gran corpo ma che risulta amichevole, perché sulla lingua ti sollucchera e si svolge rifinita, alternando delicatezza e nerbo, cesello d’argentiere e trina di tessitrice. E se vi trovi un tratto più scabroso e risentito, stai e riguarda le colline d’intorno dove nasce: e’ lo stesso disegno malinconico. Godine sulla saporita cucina locale, con le paste ripiene dalla sfoglia fine come velo; sugli arrosti e sugli umidi.

Per saperne di più: http://www.agriturismoilnegrese.it