Sinespina, Vino Rosato, Cascina Melognis, L1 2018, 13,5 gradi.

Un acquerello.

Il colore, un pallido rosa, delicatissimo e sfumato, luminoso, con riflessi quasi lilla.

I profumi, un arabesco sottile di petali di rose, di pesco, di glicine, di gelsomino, di carcadè, di erbe di montagna, appena striato da scie di cannella, raffinato fino alla soglia del confetto e del candito, ma senza oltrepassarla.

Bevendolo -non degustandolo- salino, guizzante eppure morbido e avvolgente, fresco sulla lingua, caldo sul palato, irradiante: si è quasi presi e portati ai piedi dei monti innevati, respirandone l’aria pura, prolungando l’incanto su un finale di mandorla.

Tutto un sussurro, tutto un volo di libellula.

Attendendolo, mille altre sfumature, dolci e piccanti, fino a un cenno di peperone verde e di mallo di noce.

Un vino straordinario – rosato.

Viene dalle alture di Saluzzo, dai piedi del Monviso.

Su un minestrone di verdura seguilo, amica o amico che mi leggi.