Brunello di Montalcino 2011, Fattoria dei Barbi, 14,5 gradi.

Inutile nascondere la simpatia che provo per la Fattoria dei Barbi: la sua storia, le persone che vi lavorano, i suoi vini. Inoltre, un’azienda che riesce a produrre grandi volumi mantenendo però una cura artigianale ed i valori della tradizione ben saldi, mi incute istintivamente rispetto. Perciò, tra i loro vini, sono particolarmente legato allo storico Brunello di Montalcino “etichetta blu”: con un numero impressionante di bottiglie (credo circa 200.000 in questa annata), è una rappresentazione curata e classica del Sangiovese di Montalcino (si origina da diversi vigneti ed è affinato in botti grandi) proposta a un prezzo ragionevolissimo, che non guasta mai.
Questo 2011 – annata calda e non facile in zona- l’avevo assaggiato in febbraio a Benvenuto Brunello e già mi era piaciuto assai, sebbene appena presentato al commercio  dovesse ancora trovare la sua armonia.  Sono poi stato a Milano a Bottiglie Aperte, una manifestazione eccellente svoltasi ai primi di ottobre a Palazzo Stelline in corso Magenta,  e tra i numerosi vini di alto livello in quel pomeriggio, riassaggiandolo  questo mi colpisce così tanto per la sua virtuosa evoluzione e per la sua rotondità che desidero gustarlo nuovamente a casa e in tutta calma.  Me lo procuro in duplice bottiglia e una  l’apro senza indugio, per trovarlo come l’ho amato. “Old style”, rosso aranciato o persino ammattonato con riflessi rubino, trasparente, con gocciole fitte e veloci, trasmette un senso di conforto domestico anche solo a guardarlo. Esprime un profumo molto intenso, floreale, di viole, di iris, di rose; e poi di frutta rossa, con la ciliegia, la fragola e appena un po’ di amarena sotto spirito che non spiace; quindi cenere e spezie col pepe bianco e nero, la noce moscata, la cannella, i chiodi di garofano ( quasi diresti il repertorio tutto della norcineria, con l’aglio secco persino); qualche tocco erbaceo e gli aromi più profondi e forse terziari  accennati, che si declinano in torba, alloro, macchia, foglie di castagno, il profumo di un bosco di lecci. Al palato è un vino sferico: così avvolgente, ampio, riposato, da risultare confortante e tuttavia ricco di una benvenuta tensione interna; molto secco, di grande intensità gustativa e corpo, con una notevolissima acidità ed un tannino abbondante ma di grana fine; un finale lungo con misura ma soprattutto armonico; un alcol che non scherza com’è normale nella tipologia, ma che si dimentica grazie ad una beva contagiosa e salina, sorprendentemente immediata e facile.  Insomma, a dispetto di quel che scherzando potrei chiamare un corpaccione, questo Brunello si muove con una tale scioltezza ed eleganza che non ci si accorge nemmeno della sua mole: quasi fosse un Bud Spencer dei tempi d’oro che accenni a passi di danza in frac, tuba e bastone. C’è carattere e finezza qui, espressi con un sorriso benigno che sussurra l’unicità del territorio di Montalcino: qualunque confronto con i grandi territori internazionali risulta valido e insieme privo di senso. Soprattutto, in questa fase che conosce ora di eccezionale apertura e facilità,  io con lui sto bene e lo vorrei condividere ogni giorno con gli amici e le persone che amo, come si prendono per mano in un giorno di sole d’autunno e si conducono a scoprire le bellezze di un bosco. L’ho trovato eccellente su una porchetta odorosa.

Riesling Single Vineyard Neblina, DO Valle de Leyda, 2011, Leyda, 13 gradi.

Tra i vini bianchi il Riesling occupa un posto speciale nel cuore di appassionati e – diciamo così – addetti ai lavori. Quando feci l’esame di Diploma del WSET, una delle domande chiedeva di dissertare se e perché il riesling potesse essere considerata la più grande uva bianca del mondo. Ti risparmio – amico, amica che mi leggi – un noioso saggio accademico, che nemmeno saprei riscrivere. Però, in breve, ecco alcune delle sue tante frecce nell’arco: aromi intensi e personali, acidità elevatissima che ne garantisce longevità talvolta pluridecennale e freschezza di beva, alto contenuto zuccherino anche in climi freddi, adattabilità a diversi terreni dei quali restituisce le differenze con trasparenza speculare, capacità di fornire risultati eccellenti in vini fermi, mossi, secchi, dolci per appassimento o per muffa nobile.
Malgrado il Riesling sia l’icona del vino tedesco e la Germania la sua patria elettiva, in realtà l’uva che l’origina è oggi coltivata in tutto il mondo e i vini prodotti sono spesso buoni se non eccellenti.
Una tra le zone emerse ultimamente con risultati sorprendenti è la remota Valle di Leyda, in Cile. Urca: un’uva di natura così nordica in Sudamerica, ma non sarà troppo caldo? In realtà questa valle che si trova a 60 chilometri a sud ovest di Santiago è molto fresca: la vicinanza del Pacifico, lì a poche miglia, la beneficia della corrente Humbolt, che abbassa le temperature ma non troppo (non ci sono gelate nel periodo della crescita), mentre l’aria tersa e la latitudine garantiscono maturazioni lunghe che portano a un buon bilanciamento dell’uva, che gode anche di suoli favorevoli, un misto di argille rosse e strati di granito. Di contro la piovosità è così bassa che l’irrigazione è necessaria: per darti un’idea, solo 250 mm di pioggia l’anno, contro i 537 mm del Rheingau tedesco, i 741 mm di Torino, i 1248 mm di Udine .
Il risultato è un bianco indubbiamente Riesling, ma con caratteristiche individuali, non confondibili con quelli di altre provenienze, sebbene un filo rosso tra i  Riesling del Nuovo Mondo possa essere ravvisato in un eloquio più diretto e meno sfumato rispetto a quelli europei.
Rimosso il tappo a vite, si offre un vino dal colore limone pallido, con archetti radi, lenti e poco marcati; dai profumi di intensità superiore alla media, a un tempo attesi e originali, di mandarino, pepe verde, camomilla, sambuco, anice, curry, gomma bruciata; sì questo sentore netto di affumicato (proprio dell’uva e diversissimo dall’affumicato tipico della barrique) e petrolio così deciso è una caratteristica peculiare di questo Riesling di Leyda. I vini cugini tedeschi necessitano anni di affinamento per sviluppare tali aromi, e mi chiedo se queste note così spiccate non siano invece qui dovute al potente irraggiamento solare o a qualche pratica di cantina. Il fatto resta però: è qualcosa di tipico, caratteristico, inconfondibile. Al palato questo bianco si conferma di struttura importante, ma il sorso è assai fresco:  appena abboccato, con un’acidità altissima, ha sapori concentrati dove spiccano pompelmo, pepe verde, miele di agrumi, il curry ed ancora l’affumicato, la gomma bruciata. Ricorda in qualche modo i Riesling potenti del Reno, ma non ne ha la salinità minerale, sostituita in pieno nel bilancio generale dalla nota idrocarburica. L’arco  gustativo  termina su un finale bilanciato, di lunghezza superiore alla media,avvolgente, dove appena un po’ emerge l’alcol. Di lui mi piace l’essere assai flessibile negli abbinamenti, risultando ottimo anche per un aperitivo importante, perché anche il vino in sè è flessibile: corre bene sul palato, è appuntito ed affilato volendo, ma tessuto con estrema cura, senza rugosità o ruvidezze. E, va detto, non è nemmeno troppo costoso. In questo gioco tra territorialità e internazionalità, tra pienezza e freschezza, tra fascino caratteriale ed ampia accessibilità, ha la grazia di una modernità possibile.

Chateauneuf du Pape Domaine de terre Jeune, 2011, Paul Jaboulet Aine, 14,5 gradi.

“Lo maggior corno de la fiamma antica

cominciò a crollarsi mormorando

pur come quella cui vento affatica…” .

Chateauneuf du Pape: difficile un nome sia più evocativo. Sarà anche poca cosa oggi il castello,  poca cosa il paese in sé, eppure l’emozione vibra innanzi a quelle vigne sotto il sole del sud della Francia, coi sassi tondi che assorbono e rilasciano calore ( le “gallettes”)  e a quelle viti ad alberello spesso vecchissime, così contorte e nere sul fondo abbagliato del suolo da ricordare le anime dei dannati nel XXVI Canto dell’Inferno dantesco.  Tuttavia per me lo Chteauneuf du Pape ha un’altra eco altrettanto leggendaria, ma assai più domestica. Mio padre arrivò a Milano dalla Toscana nel 1950, che aveva quindici anni.  Fece tutta la gavetta della ristorazione, quella vecchio stile, severa: cominciavi lavando i piatti in cucina, poi alla lunga passavi in sala a servire prima gli operai, poi gli impiegati; con un calcio negli stinchi se sbagliavi qualche cosa nel servizio: nessuna dimensione patinata. Mi racconta ricordi lontani di contadini presi in piazza al paese, strappati – ma non di controvoglia- alla terra; di camerate dove dormire ammassati tra un turno massacrante e l’altro, pagati una miseria: i toscani di allora in peggior arnese che gli albanesi e i rumeni di oggi: è storia. La Milano del ‘50: la Lambretta, De Gasperi al Governo, il Giubileo, Toscanini tornato dall’America che dirigeva il Requiem di Verdi alla Scala ricostruita da appena quattro anni e le case intorno ancora piagate dalla guerra: ferite insanate e polverose macerie. Poi, con irruenza irresistibile, venne il boom. Mio padre aveva conquistato un ruolo di fiducia presso una proprietà che conduceva diversi ristoranti: quello di punta si chiamava L’Angelo ( o Ristorante dell’Angelo, non saprei) e stava dalle parti di via Larga. Era considerato un piccolo salotto della Milano spensierata e alla moda dei primi Anni Sessanta: quella di Gaber,  di Mina, che erano clienti. Venne dopo la contestazione studentesca del’68; poi la strage alla Banca dell’Agricoltura lì a due passi, in Piazza Fontana. Ovviamente L’Angelo aveva per l’epoca una cantina rispettabile, ordinata da mio padre con con quella cura puntigliosa che lo ha sempre contraddistinto: regione per regione, tipologia per tipologia. Nelle osterie italiane  fino a pochi anni prima, il vino arrivava sfuso in botti e barili, i veri ristoranti contandosi sulla punta delle dita anche nelle grandi città; e i primi vini in bottiglia che circolavano erano soprattutto francesi. Nei suoi ricordi -me ne parlava che ero ragazzino- emergeva un vino in particolare, vivido, lo  Chateauneuf du Pape, perché un avvocato distintissimo, non giovane, ben conosciuto essendo un habitué del desinare quotidiano a L’Angelo, ne ordinava sempre una bottiglia che impiegava anche per correggere la minestra in brodo, forse memore del “bevr’in vin” mantovano o ad esso uso. Quindi nella mia mente lo Chateauneuf si fissò come un rosso, sia per i miei primitivi assaggi che per l’immagine vaga di quell’avvocato di anni lontani e del suo brodo. Incredulo dunque appresi in seguito da mio padre dell’esistenza di uno Chateauneuf du Pape bianco, al punto di dubitare dei suoi ricordi, confermati poi dalle mie letture sui vini della valle del Rodano. Nacque allora la curiosità di assaggiarlo, a lungo insoddisfatta tuttavia, giacché non è così facile trovarlo in Italia. Approfittando di una vacanza estiva sulle Alpi Francesi mi imbatto in questa bottiglia di Chateauneuf bianco di Paul Jaboulet Aine e la porto in Italia a dispetto del prezzo sostenuto. Posso non aprirla con la mia famiglia e con mio padre? Così è: festeggiamo con lei la vita in un pranzo estivo, sotto i travi ombrosi della vecchia casa toscana dove vivono i miei fantasmi; e attraverso essa per me si apre un mondo, non solo perché quei ricordi rivissuti in terza persona attraverso la voce di mio padre prendono una vita, una tinta, un profumo e un sapore; ma per la qualità  e più ancora per l’identità di questo vino. Il colore – se tu potrai riguardarlo, amico o amica che mi leggi- lo troverai bellissimo: un paglierino pallido, quasi limone di media profondità, con inattesi, affascinanti riflessi dorati, e  lacrime fitte e molto lente sul bordo, che non riescono pienamente a scorrere il loro cammino sul cristallo, ma si disperdono; e penseresti pertanto a un vino magro, ma sarai in errore, perché c’è un’alta sostanza, qui. Già l’aroma spiazzerà codesto tuo pensiero: deciso, intenso, complesso, mediterraneo, con pesche e albicocche mature; poi, in una progressione arriveranno a rinfrescare la percezione olfattiva i fiori di zagara, di ginestra e di limone. Quindi, rotondo, l’arancio; ed ancora tornerà la frutta, in successione  riproponendo prima pesche e albicocche, poi -nuove- pere e mele gialle mature, quindi melone e ultima la frutta tropicale: il mango. Ha già raggiunto la capacità di stordirti di piacere, a questo punto. Se però gli resisti e la mente terrai sveglia, ancor più ti saprà blandire: subdola, ammaliante e tentatrice, lieve alle nari ti giungerà una speziatura dolce: vaniglia, cannella, appena un ‘idea di noce moscata; poi ancora caramella mou, arachidi e nocciole, appena un che di cocco. Se già barcolli, rapito, ecco ancora tocchi leggerissimi di solvente che rinfrescano,  poi una leggera aromaticità balsamica di macchia, che aggiunge un’altra dimensione ancora: un’idea di profondità che ravviva la ricchezza aromatica rendendola fatata. Ti ha già vinto, amico o amica che mi leggi; ma come un prestigiatore lascia le migliori magie alla fine, ecco che il sorso ti conquista indimenticabile e per sempre: opulento, ricco di sapore al punto di essere traboccante, richiamando ciò che ti ha già porto all’olfatto; ampio, carezzevole, morbido, di stoffa e di corpo: oleoso quasi quanto vaselina, con un’acidità presente ma non insistita – la diresti mezzana – e tuttavia in equilibrio perfetto malgrado l’alcolicità nominalmente non trascurabile, grazie anche ad una vivida corrente salina. Il risultato è un vino ricchissimo, ma scorrevole, passante, con una chiusura lunga e naturale su una quantità di aromi. Sorprende quanto sia mediterraneo questo frutto di Grenache Blanc e clairette: quasi lo diresti – lo vorresti- italiano più che francese. Certo sfugge del tutto al cliché oggi in voga del bianco verticale, minerale, acidissimo, fresco. Tu però non temerne la larghezza, godine invece la bellezza sontuosa, che t’avvolge e lentamente quasi ti intossica, perché il suo intento è amoroso: c’è purezza in lui. Non temere nemmeno il tempo, come lui non lo teme: 2011, sono già quattro anni. (Nota del 20 agosto 2015)

Delyus 2011 Marta Valpiani, 13 gradi.

image

La Romagna ha sempre giocato un ruolo secondario nella mia personalissima (ed ovviamente parziale) geografia del vino: l’attraversavo spesso per lavoro da nord a sud e viceversa, scivolando sulla A14, solitamente diretto verso le Marche e l’Abruzzo; oppure fermandomi a Rimini, che per me significava passeggiate fuori stagione sulla spiaggia vuota guardando il mare, all’alba o al tramonto (col buio, invece, andavo in centro per ammirare il Tempio Malatestiano che era come un’apparizione bianca ed invidiavo i ragazzi e le ragazze che si divertivano levando i calici tra Piazza Tre Martiri e Piazza Cavour, mentre io ero lì solo). Per il Sangiovese, sebbene incuriosito da quelli locali, la mia storia familiare e la comodità logistica mi spingevano verso la Toscana; le altre varietà romagnole mi parevano giocare troppo un ruolo di nicchia e preferivo approfittare di quelle trasferte verso il Sud per conoscere il Montepulciano, il Pecorino, il Verdicchio; e circa le uve bianche, in particolare, mi ero fatto l’idea generassero solo vini molto corrivi. Sentivo però forte ogni volta il richiamo di quelle colline che dalla pianura si sollevano morbide dapprima e poi sempre più decise a formare i contrafforti dell’Appennino, fronteggiando il mare Adriatico; studiavo il percorso delle cantine che mi riproponevo di visitare, ma l’occasione sfuggiva sempre, perché le trasferte in zona diventavano sempre più rare e sbrigative. Poi la vita ha preso un altro corso: andato all’estero, in Romagna non sono più tornato, tenendomi però nel cuore lo struggimento della brezza fresca che viene dal mare, il profumo delle onde scroscianti sulla linea di sabbia infinita; e l’immagine di quelle colline, più sognata che reale, che penso mi aspettino al rientro salutandomi con un “Benvenuto” quando mi presenterò al loro cospetto: un po’ come i cipressi bolgheresi a Giosue Carducci allorché  li vedeva dal treno traversando la Maremma. Curioso: se io non sono andato ai colli romagnoli, loro in qualche modo sono venuti ha me. Tramite un amico comune un paio di anni addietro ho conosciuto Elisa Mazzavillani, vignaiola a Bagnolo di Castrocaro: una di quelle vere, che svolge i lavori duri e pesanti in vigna e cantina sporcandosi le mani e gli stivali, ma che soprattutto sa il fatto suo ed ha idee personali e decise; per altro è assaggiatrice fine e metodica (che è una marcia in più nel suo lavoro) ed ha un ottimo talento grafico e visivo (che non guasta).
Ovviamente – amico , amica che mi leggi – ho conosciuto anche i suoi vini ed avrei gioco facile a raccontarti dei suoi Sangiovese;  ma l’ultima volta che ebbi modo di assaggiare una buona parte delle sue etichette a sorprendermi particolarmente fu un bianco, il Delyus; e dalla fiera volli riportarmene una bottiglia, per gustarlo ancora con più calma. Io ho i miei tempi: un mese è scivolato nell’altro e il Delyus ha dovuto aspettare paziente l’attimo della mia ispirazione: un anno abbondante. Non so quell’attesa se e come l’abbia mutato (Elisa peraltro l’aveva dotato di una chiusura sintetica solidissima, a garanzia di tenuta), ma la mia sorpresa dell’inizio si è ripetuta. Già dal colore mi piace: paglierino molto carico, con riflessi dorati; e a riguardarlo lascia sul calice lacrime frastagliate, evidenti, nette. Poi l’aroma: assai intenso e complesso: originale e tuttavia nitido, ben delineato. Se ti diverti a cercare associazioni, troverai la freschezza di agrumi e qualcosa di più maturo o evoluto come la cotognata e i fichi d’India e i cachi quando sono così morbidi e gravidi di polpa e succo che si rompono e si disfano; sullo sfondo la frutta secca, un lieve di ricordo di pepe, un sentore di lievito; ma io ti dico soprattuto che ha un tono solare, puro, come il riflesso marino visto da un’altura. Assaggialo: di corpo, ben secco, con una ricchezza glicerica che avvolge un’acidità molto decisa e rinfrescante in un sorso che risulta  sapido e di stoffa notevole, con una trama compatta ma elastica e passante, con una cremosità accennata e benvenuta ed un buon allungo, solo un po’ alcolico sullo svanire. Se ami i numeri ti dirò: è di albana al 60%, grechetto al 20%, pignoletto al 20%; ma se ami la geometria ti dirò che gli riesce la quadratura del cerchio, avendo la ricchezza di un vino macerativo e la freschezza di un bianco tradizionale (e di certa levatura). Perciò, sta bene freddo, ma lo preferisco a temperature un pochino più alte. L’ho goduto – ottimo- su un tonno padellato, ma sarei curioso di provarlo su certi piatti gustosi di tradizione romagnola: l’erbazzone o i sapidi salumi. È che è un vino che ti invoglia a bere più che a degustare; e a condividerne con gli amici veri, quelli non snob; o anche con quelli snob, ma alla cieca, per poi svelare l’etichetta e vederne la sorpresa.
E se questo è il secondo bianco romagnolo a stupirmi in pochi mesi, segno che ero un po’ snob anch’io e che debbo rivedere con urgenza la mia geografia del vino.

Chateau Tour de Capet 2011, Saint-Emilion Grand Cru, 13 gradi.

Da che parte si comincia a parlare di Bordeaux? Dalle grandi uve delle sue vigne? Dalla varietà dei suoli e dei microclimi? Dalle differenze -marcatissime- tra i vini della Riva Destra e della Riva Sinistra? O dai grandi nomi ricercatissimi, che strappano prezzi da capogiro? Stando alla zona di Saint-Emilion, dove la vite si coltiva da epoca romana, quelli altisonanti di Chateau Angelus, Chateau Ausone, Chateau Cheval Blanc, e via via, una serie lunghissima. Oppure si può restare coi piedi per terra e annotare che la realtà si fonda su un tessuto di produttori meno celebrati, talvolta di piccole dimensioni, e che non mancano nemmeno le cooperative. Non ti annoierò -amico, amica che mi leggi – con numeri e statistiche; tanto vino tuttavia, che se non ha l’opulenza e la concentrazione dei massimi, ha in tanti casi una benvenuta misura di buonsenso borghese. Prendi questo Tour de Capet: non cerca di strafare e nemmeno di stupire, in un senso o nell’altro; ma non è un male. Ha un bel colore rubino medio, con riflessi ancora purpurei al centro ma già un po’ granati sull’unghia, e lascia sul bordo del bicchiere archetti fitti e veloci. Una certa intensita’ di profumi ti rammenta in trasparenza la sua origine: merlot  per quattro quinti e cabernet franc per il restante, frutta rossa da una parte e toni più vegetali dall’altra: susine e alloro. Un tocco di vaniglia, anche troppo insistito, e voila’. Al palato ha tannino: fine, in discreta quantità; l’ acidita’ -buona- lo raffresca. Il corpo, la trama: sono medi, resta ben sorvegliato per non offendere, serra il palato ma senza stringere: lo riempie, ma non lo sorprende. Sa esattamente quale sia il suo ambito, quale il confine a lui riservato, quale il limite di rifinitura oltre il quale non gli è dato di andare – ed al di qua  del quale non gli è dato di stare. Ecco la sua inclinazione: il ruolo sulla tavola, dove restare compagno affidabile e discreto che non dispiace a nessuno, solido e certo giorno dopo giorno, pasto dopo pasto. Più che una poesia, una prosa scorrevole e tranquilla, senza scarti e sorprese e invenzioni immaginifiche. Perciò, se vuoi avere il suo meglio, eleggilo alla tua mensa con le vivande classiche della cucina borghese e ne avrai un matrimonio di conforto. Per me l’abbinamento perfetto – la rara reciproca esaltazione di cibo e di vino- e’ stato con la borghesissima e lombarda frittura piccata, com’essa si ritrova in un vecchio testo – questo si’ veramente scoppiettante: La Pacciada.

Les Choix 2011, Turner Pageot, 13,5 gradi.

image

Sabato pomeriggio. Prendo il treno, vado a trovare il mio amico Matteo, che da qualche mese lavora a Londra in un negozio di vini in una zona un po’ fuori mano, ma che sta crescendo. Col tradizionale bus rosso a due piani attraverso quartieri residenziali sonnacchiosi ed altri multietnici, dove i colori vivaci ed un una certa trasandatezza si stringono a braccetto. La corriera si zittisce ai semafori e si muove silenziosa alle basse velocità: per ridurre le emissioni il motore a gasolio e’ assistito da uno elettrico. Ah, l’Inghilterra: come vorrei vedere un mezzo pubblico simile nei nostri centri storici! Infine il bus costeggia una schiera regolare di graziose casette vittoriane a due piani con l’ingresso ad arco, i davanzali fioriti e un timpano triangolare vagamente neoclassico a sovrastare la facciata, secondo uno schema regolare che si ripete sempre uguale per centinaia di metri. Si vede che sono abitazioni curate da una premura borghese. Ad un certo punto la strada si allarga e si anima di attività commerciali: ristoranti e botteghe dove scorre la vita di un fine settimana londinese, con la sua sovrapposizione di storie e di culture e quel senso di rilassatezza dinamica che è la sigla di questa metropoli. Con Matteo sono abbracci ed una lunga chiacchierata, interrotta sovente dal vai e vieni dei clienti. Curiosa formula quella del Boroughwines: un negozio alla mano nell’aspetto, dove puoi comprare vini e birra sfusi ma anche bottiglie di un certo livello; molte delle quali – diciamo così per brevità- sono naturali. Matteo è persona dalle tante risorse, di vino ne capisce assai  e in merito ha gusti simili ai miei: a fine pomeriggio posso non chiedergli un consiglio per assaggiare qualcosa di interessante? Mi suggerisce questo Les Choix 2011, vino biodinamico della zona di Gabian, in Linguadoca: un bianco vinificato con macerazione sulle bucce, del genere che oggi si definisce spesso “orange wine” . C’è chi li ama e chi li odia, quei vini.  A me stanno simpatici: garantiscono in genere un sorso interessante, ma sono a volte bevute difficili, spiazzanti, dall’abbinamento ostico. Questo di Turner Pageot, da uva marsanne in purezza, lasciato dovutamente areare qualche decina di minuti,  è però conciliante: splendidamente ambrato alla vista, di tenue profondità pastello come un fondale di Boldini, mentre ne godi il bel sembiante potresti sospettare e temere fastidiose ossidazioni, o quella punta di aceto (ovvero le aldeidi, a voler essere fini) che a volte sfora la quota della rinfrescante piacevolezza; qui invece troverai aromi nitidi, che rimandano chiaramente alla varietà d’origine: l’albicocca matura, la polpa di pesca calda di sole, le pere cosce, nella loro declinazione più mediterranea e meridionale, avvolte come sono da profumi di erbe aromatiche essiccate e delicate (timo, maggiorana, borragine) e da un fondo misuratamente dolce di bacche di vaniglia. Classico dunque. Vedilo: forma un velo di archetti fitti, irregolari e molto lenti, ma che si disperdono in fretta, raccontandoti, questa volta senza inganno, un vino di corpo medio tendente al leggero, di consistenza tattile quasi cremosa; però queste sensazioni che carezzano la bocca sono ribaltate come in una giostra dal calore alcolico e da una trama tannica notevole, da vino rosso, piacevolmente rugosa, come il tocco umido della lingua d’un gatto che lecchi il dorso della mano al padrone facendo le fusa. E li’ sta tutto il contrappunto, mentre lui si apre secco in bocca, svolgendosi salino con un’acidità moderata che solletica appena e chiudendo un po’ ammandorlato e un po’ piccante, con discreta lunghezza: nell’equilibrio sottile di morbidezze e durezze, che si sfidano alla volta di un torneo che non conosce vincitori né vinti ma resta sospeso in attesa di un giudizio superiore. Il cibo: quello è il complemento terzo, il tassello mancante. Non è facile – amico, amica che mi leggi- trovare l’abbinamento perfetto, cio’ che un vecchio poeta avrebbe definito “di sferica armonia”; però ecco che questo Les Choix ti invita al gioco di sperimentare, e tu non ti sottrarre. Accosta liberamente svariati accordi di sapore, con sprezzatura mischia l’Oriente e l’Occidente, l’Antico e il Moderno: in fondo la Linguadoca è terra d’arcani, con spirito rabdomante devi forse cercare. Abbi l’accortezza – se di  me un po’ ti fidi- di non berlo troppo freddo, ma fresco appena appena, o persino a temperatura di camera, appunto come fosse rosso. A sorpresa la mia perfezione provvisoria l’ho trovata nella semplicità di una zuppa di porri e patate col pane toscano: la morbidezza del tocco dell’una combaciando con la rugosità dell’altro; un giardino curato di aromi ed una rarefazione di materia, come lo zampillio di fontane.

Petalos 2011, Bierzo, Descendientes de J. Palacios, 14.5 gradi.

Pensando alla Spagna, le prime immagini sono quelle delle grandi città piene di vita: Madrid, Barcellona, Siviglia…e magari la Movida, includendo le coste dorate e le isole del divertimento estivo. Magari, il fascino un po’ esotico dell’Andalusia. Questo il turismo e la superficie. C’è però tanta parte di Spagna fatta di silenzi, di lande sconfinate, di una malinconia profonda, trafitta dai raggi di sole. Realtà agricole dalla storia straordinaria e tormentata, che hanno conosciuto onori ed abbandoni. molte aree furono flagellate senza pietà dalla fillossera e ripiantate in seguito con uve meno interessanti, votate più alla quantità che alla qualita’. Poi i decenni di dittatura e isolamento hanno fatto il resto. Bierzo e’ un’area del nord-ovest del Paese, citata già da Plinio il Vecchio,  enologicamente importante nel Medioevo grazie all’attività dei monaci, fino a cadere poi in una sorta di oblio. Eppure qui c’erano alcune vigneti terrazzati su pendenze estreme, suoli d’ardesia ed una una varietà a bacca rossa tipica, la mencia, un clima che unisce il fresco e la pioggia portati dall’Atlantico al calore del centro della Spagna: insomma, una terra parlante, solo che qualcuno la volesse ascoltare. C’è in Spagna un personaggio, Alvaro Palacios, qualcuno lo paragona ad Angelo Gaia;  famiglia di lunga tradizione produttiva in Rioja, studi e pratica a Bordeaux, sulla riva destra della Gironda. Quando torna in patria, invece di portare in valigia il culto per le uve bordolesi, ne riporta una visione di qualità senza compromessi ed una ricerca di identità uniche. Quindi si dedica non ala Rioja e all’azienda di famiglia, ma a riscoprire e rilanciare altre aree spagnole: Il Priorat e, appunto, Bierzo, seguendo il cammino dei monaci, convinto che le terre da loro scelte secoli prima siano le migliori. Così nel Bierzo mette insieme 30 ettari di piccoli appezzamenti e li conduce in regime biodinamico con il nipote Ricardo, gira il mondo per fare promozione; e la terra ritrova la sua voce, il Bierzo ritorna sulla lista delle aree che contano, la mencia da uva cenerentola e pallida viene nuovamente rispettata per i vini profondi e originali ai quali dà vita. Questo Petalos credo sia il più semplice che i Palacios producono in Bierzo; in numeri importanti per altro, e con un costo accessibile; ma con un carattere unico. Fin dal colore rosso rubino, capisci che è’ diverso da tanti moderni vini spagnoli: non impenetrabile, ma di media profondità. Sul calice lascia lacrime veloci e frastagliate come le colline da cui nasce. Stupisce però soprattutto il suo aroma, intenso e personalissimo, fragrante, sembra parlare la lingua di una natura antica e selvaggia,ricco richiami di aldeidi, dove more, mirtilli e ciliegie si stagliano su uno sfondo persistente di grafite ed erbaceo, che ricorda un poco il Cabernet Franc: e vi trovi le foglie del mirto e dell’alloro. Ancora, ricordi di chiodo di garofano e liquerizia. Queste note minerali e vegetali le ritrovi -amico, amica che mi leggi- al sorso in modo anche più evidente, col suo gusto deciso che riempie il palato, succoso, con un tannino deciso ma molto rotondo, di grana un po’ sabbiosa, ed un’acidità più che discreta, superiore a quella di tanti rossi spagnoli, che ben sostiene la beva. Chiude su sentori di mirto e liquerizia amara: ecco, a trovagli un difetto, qui rimane un po’ scomposto: non corto, ma poco bilanciato sul l’alcol e il tannino, che in qualche modo prevalgono. Ma come tutto ciò’ che è’ davvero bello, piace malgrado i difetti. Il mio abbinamento, banale ma di sicuro piacere, è stato con un formaggio Manchego.