Lugana Brolettino Grand’Annata 2002, Ca’ dei Frati , 13 gradi.

Un bianco sontuoso.

17 anni non sono pochi per nessun vino; per un bianco, una sfida, perduta anche da parecchi Riesling, che pure hanno fama di longevità.

Questo Lugana l’apro con poche aspettative, perché lo comprai in un’enoteca di Sirmione, già vecchio di qualche anno (sarà stato il 2008 o il 2009) e più ancora ne ha trascorso nella cantina domestica – non la migliore.

Vero è che da un Lugana una certa longevità è possibile aspettarsela, stante la parentela della sua uva (Trubiana o Trebbiano di Lugana) col Verdicchio; vero è che questo “Brolettino Grand’Annata” era una selezione affinata in legno delle migliori uve; ma l’etichetta sul retro perentoria afferma che il vino raggiunge il suo meglio in 5 anni.

Però, chi l’avrebbe detto? Perché il colore intensamente dorato, viscoso alla rotazione del calice, ma che lascia solo un velo sul vetro, lesto a sparire, suggerisce un vino passato.

Avvolge tuttavia in un profumo molto intenso, indubbiamente in là con l’evoluzione, di una ricchezza intossicante e decadente, come certe pagine dannunziane o certe musiche di Richard Strauss, ma ancora, fresco equilibrato, vitale.

Accordi sgrumati, addolciti dal miele, accenni di frutta a polpa gialla, si fondono a ricordi di alloro e calde note di nocciole tritate finemente, ed olio d’oliva verde, novello, finocchio e sedano, ed un debole richiamo di crema pasticciera, forse caramello, vaniglia, forse cocco, forse ananas, forse persino cenni ematici.

Il sorso è di ampiezza estrema, persino più ricco delle attese, di una consistenza tattile che rammenta i quadri di Vittore Grubicy de Dragon, coi suoi colori caldi, autunnali, materici, o i tessuti lussuosi, caldi, fin-de-siecle, di Mariano Fortuny.

Comunque è svelto, articolato, quasi rarefatto in dettagli preziosi, rilucente come il Garda al tramonto, che sfuma e si perde nelle nebbie verso settentrione. È la salinità a tenerlo vivo, con l’acidità ancor sufficientemente vivida in accurato contrappunto, per un insieme armonioso, molto lungo, cui il minimo residuo zuccherino dona un’armonia sferica, di spigoli smussati ad arte, che ne perpetra il fascino.

Ecco: ricordo d’improvviso un’immagine di tanti anni addietro, la prima visita stupefatta al Vittoriale di D’Annunzio, la sua residenza un po’ folle, tutta ricordi d’arma e di arte. Rammento la sala da pranzo, ampia, cupa, dal soffitto basso, coperta di tappeti quasi a celare ogni voce nell’intimo mistero, a trattenere ogni suono in una meditazione sensuale e poetica. Questo vino, così delibato dal tempo, ridotto a un’essenza giovanilmente pura ed insieme enormemente antica, mi pare eletto per una simile mensa.

Abbinarlo? Ho provato con un caciocavallo stagionato in grotta, piuttosto bene; discretamente su un primo al tonno, capperi e pomodoro fresco; ma la rivelazione sono state le nozze d’amore e poesia con una mormora d’altura pescata in Sardegna e cucinata in forno, al cartoccio, con aglio, salvia e rosmarino.

Dolcetto d’Alba Castello 2002, Terre del Barolo, 12,5 gradi.

Strana la storia del dolcetto: uva (e conseguentemente vino) radicata da secoli, a lungo diffusissima in buona parte del nord Italia con epicentri in Piemonte ed in Ligura, subì una primo drastico ridimensionamento all’epoca della fillossera, quando per i reimpianti le fu preferita la barbera, più rustica e resistente; poi, negli ultimi due decenni, un altro drammatico calo di popolarità; e sciocco, perché  questa volta dovuto  alla moda e ad una certa ignoranza del consumatore (eh sì, cara amica o amico che mi leggi). E dire che c’è stato un tempo quando il vino Dolcetto si vendeva a prezzo più alto del Nebbiolo! In realtà il Dolcetto avrebbe tutte le caratteristiche per piacere al bevitore contemporaneo: autoctono e ricco di storia, profumi evidenti e piacevoli, un buon corpo e lievità tuttavia, tannicità incisiva e acidità controllata. Longevità non tanta, si dice: vino da bersi nel giro di pochi anni. Dalla mia cantina, invece , spunta una bottiglia della quale già qualche anno fa ne avevo aperto una gemella che mi aveva stupefatto. Un Dolcetto, bada bene, del 2002: annata fredda e piovosa. Vero è che l’uva dolcetto, a differenza di quella nebbiolo, è piuttosto precoce e abbisogna di assai meno di sole, ma insomma: il 2002 fu estremamente difficile e questo vino ha quindici anni sulle spalle. Ne cavo il tappo di sughero intero, perfettamente conservato, lo verso nel calice e subito è chiaro che questo Dolcetto non solo è evoluto splendidamente, ma che è un vino di grandissima stoffa. Granato profondo alla vista, con trasparenze, traccia sul calice gocciole molto lente, fitte, regolari, a due velocità:  che formano cioè una doppia corona. Già a una dozzina di minuti dall’apertura esprime profumi nitidi e ariosi: in là con l’evoluzione, ma ancora freschi ed in perfetto bilanciamento tra primari e terziari. Ancora chiari, seppur sfumati, i rimandi ai piccoli frutti di bosco neri: mora e più ancora mirtillo direi; ma c’è pure una lumeggiatura rossa, di lampone e di ribes. Ad essi si fonde, inestricabile, una speziatura insieme delicata e pungente di pepe bianco , verde e di Sichuan, di noce moscata e di cannella: poi erbe officinali, che -mea culpa- oltre alla ruta fatico o non so distinguere; quindi liquerizia in tronchetto e rose tra loro intimamente legati; una nota di mandorle pelate, un po’ verdi, fors’anche di nocciole fresche;  qualcosa del profumo di un prato dopo che passa la pioggia e l’aria è fresca e le zolle la respirano. Forse, anche, un ricordo di polvere pirica e di legno bagnato.  C’è un senso come di rugiada e di sottile malinconia in questo profumo molto intenso ed ancora pulsante, di una gioventù – sembra assurdo- timida e disegnata ad acquerello.  Al sorso, la rispondenza è perfetta: quel quadro tracciato dal profumo che osservavamo ammaliati, ora -amica o amico che mi leggi- ci saltiamo dentro, come in un vecchio film di Walt Disney: lo penetriamo pienamente, lo viviamo nei suoi segreti. Questo vino è accogliente, ha un corpo di media proporzione, quasi tendente al leggero in certe aree della bocca, che però  avvolge carezzevole il palato. Onesto e sincero, non ti blandisce: ogni suo gesto è semplicità. Nitido e preciso, ma naturale, sciolto nella sua articolazione; subito fresco, continuo nella sua progressione, vibrante di un vibrato stretto, anodino, verso un finale sonante, ma senza trionfalismi: tutto gusto, equilibrio, elegante moderazione. Tannino ancora potente, di grana media ma molto regolare; acidità assai alta e ed, anzi,  eccezionalmente alta per un Dolcetto; alcol moderato e assai bene integrato, del quale il vino si giova. La rivincita del brutto anatroccolo: il Dolcetto non di moda, la cantina sociale che non gode di chiara fama se non per l’affidabilità, l’annata sfortunata e piovosa. Ma che vino! Eccellente su gnocchi al sugo di carne;  da sogno, immagino, sul manzo bollito. E che identità: un prodigio di armonia, ma soprattutto riconosci che è Dolcetto nella sua espressione più classica e nobile. È che Castello, da dove provengono le uve di questo vino, è un vero Cru, che sta sotto il Castello di Grinazane ed era di Camillo Benso, Conte di Cavour, che -cito Alessandro Masnaghetti: “ a metà dell’800 aprì nuovi e più moderni orizzonti alla produzione del Barolo”. Il Dolcetto conta solo il 7% di questo mezzo ettaro di vigna posto tra i 220 e i 260 metri sul livello del mare e ben esposto a sud, sud ovest e sud est. Ecco che la storia dei luoghi ha un peso e una sua ragione: va conosciuta e valorizzata; se la disprezzi e la umili, allora son tragedie.

Vinsanto dell’Empolese Tegrino 2002, Cantine Leonardo.

 Devo confessare che non avevo un alto ricordo di questo vino: la bottiglia gemella bevuta nel 2007 l’avevo trovata scialba, arrotondata all’eccesso, innocua e insapore nel suo rassicurante color giallino da passito qualsiasi; troppo slavata e accomodata per essere un Vinsanto. Ho aperto quindi questo Tegrino quasi per liberarmene, e invece è stata una rivelazione: nel mio calice si è materializzato un liquido ambrato, scuro, ossidato, denso, ricco di glicole, dai profumi esplosivi, che mi hanno rapito per decine di minuti: noci, prugne secche, miele, melone, solvente. Una fiaba incantatrice. Del pari il sorso, che si è offerto saldo, continuo, dolce e acido e sapido, in equilibrio carezzevole e perfetto. Tanto ha potuto l’attesa, tanto l’opera del tempo, lungo quel meraviglioso imprevedibile crepuscolo che è l’affinamento in bottiglia, nel buio ventre di una cantina, silenzioso ed umido come un utero materno. In un soliloquio perfetto, uno dei miei migliori vini, essenza distillata di un vero Vinsanto dell’Empolese.