Chianti Classico 2008, Castello della Paneretta, 13,5 gradi.

Giovane era buonissimo, di proporzioni perfette. L’avevo riassaggiato un lustro fa: sempre buono, ma come in muta verso nuove simmetrie. Oggi è stupefacente: un fiato profondo e suggestivo, un’arcata soave tra primavera ed autunno, dai fiori alle zolle lavorate; ma il sorso è pura seta, evocazione di aria, acqua e fuoco, equilibri cristallini, slancio e delicata maestà. Nella mia piccola esperienza, oggi, quella bottiglia, uno dei migliori Chianti Classico mai assaggiati.

(Qui il mio post precedente su questo Chianti Classico: https://taccuindivino.wordpress.com/2015/04/12/chianti-classico-castello-della-paneretta-2008/)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...