Aglianico del Vulture Riserva Caselle 2003, D’Angelo, 13 gradi

Mi disse una volta un amico di origini lucane, a proposito della sua terra: “Eppure esiste!”.

Agli occhi di chi abita al Nord la Basilicata pare remotissima, più di ogni altra regione del Sud.

Forse non ha saputo promuoversi bene; forse ne è mancata l’occasione; forse, il carattere stesso dei Lucani che, fuor di luogo comune, ha un fondo schivo e riservato, contribuisce a tenerla in ombra.

Credo che anche sui vini della Basilicata non si siano mai davvero accese le luci, nemmeno sul più celebre e storico di essi, l’Aglianico del Vulture.

Quando vivevo in Inghilterra lo trovavo, con sorpresa e piacere, in un negozio in pieno centro a Londra: era il vino di un certo produttore di meritata fama, premiato e famoso, ma lì appariva più in rappresentanza di se stesso come un unicum, che testimone di un intero territorio.

Peccato: l’Aglianico del Vulture è un vino buonissimo, forse il più gentile degli Aglianico, escludendo quello cilentano, con una rotondità ed una speziatura personalissime, che gli derivano dalla particolare combinazione di suoli argillo-calcarei su sostrati vulcanici più o meno affioranti e caratteristiche pedoclimatiche particolari, interne e di alta collina, in territorio largamente incontaminato.

Inoltre, ha una lunga storia da raccontare (celebre la citazione di Orazio) e sono numerosi i produttori degli di nota: una bella squadra.

D’Angelo è uno tra quelli di lunga tradizione: attivo fin dagli Anni Venti del Novecento come produttore di uve, i primi imbottigliamenti sono degli Anni Settanta.

Tra le numerose etichette, il Caselle occupa un posto particolare per la concezione a un tempo classica e ambiziosa, con rese limitate a 45 quintali di uva per ettaro ed un invecchiamento di 5 anni prima della messa in commercio, dei quali 2 in botti grandi: sono numeri da Barolo, da Brunello di Montalcino, per intenderci.

Questa bottiglia mi giunse da un amico scambiandoci bottiglie: lui in vacanza al sud, io al centro nord, ci dividemmo il bottino a mezza via.

L’Aglianico ha generalmente lunga vita. Mi preme tuttavia sottolineare l’ottima condizione di questa ben conservata 2003, annata molto calda e mal apprezzata agli esordi: si affermava che i vini – in tutta Italia – fossero cotti, sbilanciati, scarsamente longevi.

Invece, con gli anni in vetro, spesso hanno trovato equilibri mirabili e una certa freschezza.

Non so come fosse questo Aglianico del Vulture agli esordi, ma tali attributi gli si applicano oggi a perfezione.

È color granato profondo, con riflessi rubino. Sul vetro, lacrime molto lente e regolari.

Ha un profumo molto intenso di mora di rovo, di mirtilli, di susine scure. Suoi sono gli incensi, nobili e maestosi, sua la foresta: resina di conifere, corteccia, muschio; suo un tratto fermamente mediterraneo: il rosmarino, il ginepro, l’alloro, l’oliva; infine una nota ematica nitida, un sottotraccia di polvere pirica, di affumicato, eco discreta dei suoli vulcanici.

Di gran corpo e concentrazione, gusto intensissimo.

Si apre ampio, nitido, deciso e quasi dolce sul palato, virando subito energico, nervoso, molto reattivo, con un allungo fresco, succosissimo, profondo, naturale, secondo un incedere compatto, percussivo, verticale e tuttavia sciolto, a suo modo leggiadro. L’acidità è notevole, il tannino fine e abbondante: tra queste poderose spinte, il vino vibra ricco di armonici, come la cavata violinistica di un David Oistrak

Sulla mia tavola è stato compagno eccellente di un agnello al forno con le olive.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...