Montecucco Sangiovese Santa Marta 2005, Salustri, 14 gradi.

Lessi anni addietro l’intervista ad un noto degustatore di vini italiano. Gli chiedevano se ci fossero ancora territori toscani da scoprire enologicamente. La risposta, perentoria: “No”.

Vero, ma discutibile: esistono zone toscane tutt’oggi sottovalutate o non consapevoli delle loro qualità, o che non le hanno espresse appieno o non le hanno espresse affatto.

Alla medesima domanda, risponderei: “Montecucco”. Una provocazione circosostanziata.

Scommetto che il 70 per cento dei consumatori un po’’ accorti non sappia dove sia o che cosa sia la DOCG Montecucco.

Ciò che non è noto o conosciuto, in qualche modo non è scoperto; però i vini del Montecucco valgono ampiamente la ricerca.

Frequento la zona con una certa assiduità da qualche anno: garantisco, non solo molti vini sono eccellenti, ma posseggono un’individualità pulsante e caratteristica, soprattutto quando la voce del sangiovese predomina.

L’areale della DOCG, infatti, è ampio: steso tra le prime alture maremmane e il massiccio del Monte Amiata, permette di individuare sottozone specifiche: Cinigiano, ad esempio, con la sua luminosità intensa e gli affacci ampi, ariosi verso il mare, si differenzia assai dalla pedemontana Seggiano, con le sue valli e vallecole incantate.

C’è però – mi sono chiesto – un tratto in comune che identifica il vino rosso di questo territorio, che meriterebbe chiamarsi più propriamente “Colline Amiatine” o direttamente “Amiata”?

Per trovare una risposta, dopo qualche giorno di vacanza assaggiando assiduamente vini di Casteldelpiano, Seggiano (con le sue frazioni di Pescina, Poggio Ferro…), Montenero, Monticello Amiata, Cinigiano (e la sua frazione di Castiglioncello Bandini), sono andato a rivedere le vecchie note di assaggio relative ad un vino del produttore simbolo dell’areale, Leonardo Salustri: un Sangiovese in purezza che estrassi dalla mia cantina privata il 1 novembre del 2017, già vetusto di anni.

Credo dunque si possa riconoscere nei vini del Montecucco una fondativa, marcante balsamicità, intensa fino al resinato, ed una pienezza tattile riposata, ma compatta.

Quando lo bevvi, era già vecchio di 12 anni: un bel sangiovese classico di Cinigiano: ampio, equilibrato, rotondo, mediterraneamente fruttato, ma sfumato, minerale, intimamente classico.

Un vino maiuscolo al solo accostarci le nari, ché non si poteva resistere; svezzato tra tini di legno, cemento e botte grande, prima di andare in bottiglia.

Il colore stupiva e lasciava allibiti, perché ancora estremamente rubino dopo 12 anni: trasparente, con lacrime fitte, irregolari e veloci.

Un profumo di intensità ben superiore alla media, Integro e in evoluzione, insieme fruttato e minerale, ma soprattutto boschivo: di boschi assolati e selvaggi.

Ciliegia e mora erano un sottofondo lontano; il primo piano alloro, paglia al sole, aria aperta, “infiniti spazi e sovrumani silenzi”; poi polvere pirica, fegato, una speziatura, mista dolce e piccante, di pepe, noce moscata e chiodo di garofano.

Equilibratissimo al palato, fresco, rotondo, con corpo pieno, grande acidità, alcol perfetto ed un gusto di intensità rapinosa e rarissima. Molto persistente, con allungo naturalissimo nell’espressione.

Un tannino fitto e grintoso, appena un po’ rustico, ma vero, netto, forte e maschio.

Sole, maschio, equilibrio naturale, integro, netto, carezzevole, irradiante: come un diedro rifrange scomponendo la luce, così lui rifrangeva la parola “buono”.

Fu un accordo perfetto e d’amore su un anatra arrosto con olive e cavolo nero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...