Terre di San Leonardo 2012, Vigneti delle Dolomiti IGT, Tenuta di San Leonardo, 13 gradi.

Che il trentino San Leonardo sia uno tra i massimi uvaggi bordolesi italiani, per la qualità delle singole annate e per la continuità su un arco trentennale, è noto: penne celebri e prestigiose ne hanno raccontata la storia e le individualità anno per anno, non serve il mio giudizio.

Però un paio di primavere addietro partecipai ad una degustazione eccezionale di dieci annate, con la quale ho riscoperto questo vino mirabile, che in passato non aveva suscitato il mio interesse: mi aveva intrigato conoscere vini di uve autoctone o vini stranieri, non i bordolesi italiani di un certo impegno e costo. Ai classici, però, bisogna sempre ritornare e di fronte all’eleganza dritta del San Leonardo, non si può restare insensibili: l’amai.

Rientrando a casa, quella sera della degustazione, mi ricordai di avere in cantina un Terre di San Leonardo, ossia la seconda etichetta della Tenuta, il fratello minore del San Leonardo. Molto simile, invero: i vigneti sono praticamente i medesimi; anzi, in certe annate, confluisce in esso quanto destinato normalmente al San Leonardo, ma non ritenuto all’altezza.

Li differenzia la percentuale di Carmenere, inferiore nel “Terre”, però l’impostazione complessiva da vino aristocratico, compatto, dal passo lento, giustamente ampio ma sostanzialmente fresco, li accomuna.

Perché anche il “Terre di San Leonardo” è nordico e mediterraneo a un tempo, mantiene quel portamento aristocratico, risultando appena meno articolato, complesso e raffinato.

Questo 2012 non mostrava i segni del tempo: restava sul colore rubino di media profondità, col suo profumo molto intenso, pulito, fresco e vaporoso, dove i fiori gialli contornavano la rosa che emergeva nettissima, dove il ribes rosso, la ciliegia matura, la susina, sfumavano nella dimensione sottilmente agreste del peperone arrostito, del sedano, del finocchietto, del pepe bianco.

Indubitabilmente aveva un gran corpo, polpa, ma era magicamente leggero, di buon gusto. Con la sua notevolissima acidità, il tannino raffinato e abbondante (appena rugoso, ma piacevolmente), sviluppava un sorso continuo, intenso, lungo, assai salino, pervaso da una mineralità sottile, come una vena di metallo pregiato che si celi nella roccia, fino al finale bilanciato che rimaneva un po’ centrato sul tannino, assai grintoso.

Un vino roccioso e adulto, luminoso e puro, che immagino ideale, amica o amico che mi leggi, sugli arrosti misti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...