Le masche, vino da tavola bianco passito , Mazzoni, 15 gradi,

image

Da Tiziano Mazzoni ero andato principalmente per due vini rossi: il Ghemme e la Vespolina.
Si parla ormai di anni tanti anni fa, perciò è inutile forse narrare della cantina di questo bravissimo vignaiolo artigiano, che era ricavata in una parte della cascina abitata: mica detto che ora non abbia altri spazi a disposizione,  più comodi e moderni – questo lo ignoro.
Fatto sta che durante la visita saltò fuori una bottiglia di questo vino dolce, che mi piacque assai e me lo portai a casa.
L’uva è la lirica Erbaluce, anche se in etichetta  la legge non vuole che la si nomini.
Non riporta l’annata, ma io so che l’acquistai nel 2011: sarà un vino di una, due, forse tre vendemmie prima.
Maledetto me: il tappo dovevo verificare! Che è in plastica, e non è stato amico, regalando al vino una evoluzione marcata e tuttavia suggestiva.
Ambrato, con lacrime untuose, ha una buona intensità al prurito ed al palato. Mielato, ricorda i profumi di nocciole, di castagne fresche, di frutta secca, di un qualche cosa di affumicato, ma per contrasto anche la frutta candita, la scorza d’arancia.  All’assaggio, che è dominato dalla frutta candita, c’è un contrasto ammiccante tra grassa dolcezza e scattante acidità. Scarta ancora nel finale che, cremoso, chiude lasciando un retrogusto lungo di bosco, di brace, di legna bruciata nel camino che consola nella notte scura.

Assaggio del 5 gennaio  2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...