Barbera d’Alba Vin del Ross 2003, Bussia Soprana, 14.5 gradi

image

Si declina per lo più al maschile, il vino: il Donnas, il Barbaresco, il Gattinara, Il Frascati, il Savuto, il Faro; lo Schioppettino, l’Alicante, l’Ortrugo. Pochissime e discutibili le eccezioni, e infatti si dovrebbe dire il Barbera; ma a me non riesce, specie dopo averlo assaggiato: una volta, tanti anni fa. La Barbera e’ femmina, non v’è dubbio; e non solo per il suo grappolo generoso, felliniano, né per la vigoria produttiva che la battezza fattrice e nutrice: e’ per il suo intimo essere più ancora che per il suo sapore,  per gli attributi che l’uomo nella sua storia, volente o nolente, le ha consegnato: materna a volte e a volte puttana, amica o amante secondo la bisogna, consolasse le fatiche o obliasse un perduto amore, accompagnasse una partita a carte sui tavoli di formica del bar o specchiasse gli occhi di una donna nel buio, al fiammeggiare di un camino. Perché la Barbera e’ mobile: sa vestire panni contadini e metropolitani, sa essere ragazzina e gran dama. Come fai a non dirla donna, con quel suo capriccioso mutare tra Asti, Langa, Oltrepo’ -sol per dire alcuni luoghi- sempre diversa e sempre lei? Come fai con quel gusto diretto e ammaliante, fruttato magari, ma sempre imprevedibile, con quel sorso apparentemente conciliante ma che sa subito sferzare? Questa di Bussia Soprana, non v’è dubbio, è una gran dama, che viene dalle nobili e forti terre di Monforte: tutta ne porta la nobiltà di Langa. Può tuttavia resistere la donna alle insidie del tempo o sarà mortificata dalle rughe la sua bellezza femminea? Può lo splendore delle forme enologiche resistere all’ invecchiamento, all’ossidazione, al semplice scorrere del tempo? Non ha  la Barbera particolare fama di longevità e la 2003 si ricorda come annata di caldo torrido, che nelle vie di Milano facevan ribollire l’asfalto persino la notte, che nelle aule universitarie obbligavano a tenere i finestroni aperti, e ciò malgrado si grondava di sudore. Pertanto il dubbio mi sovviene, di averla attesa fin troppo a lungo questa Barbera.  Ogni timore si fuga immediato all’estrazione del sughero, giacché ancora rubino molto fitto ma non impenetrabile, minimamente granato sul bordo, ella si offre alla vista. Dispiega a volo d’ali un aroma intensissimo, fragrante e caldo,profondo e freschissimo per lo sviluppo di aldeidi: fragole e ciliegie mature; tante spezie dolci e salate: noce moscata, chiodo di garofano, pepe, curry dolce, vaniglia, incenso, che contrastano con la dolcezza della frutta; tocchi discreti di pelle e tabacco; toni umbratili di un sottobosco si’, ma aperto,soleggiato, ricco di erbe selvatiche: finocchio selvatico e menta selvatica, anche alloro, corbezzolo. Vi senti persino emergere alfine il rabarbaro. Alla bocca  attacca dolce, corposa, perfino carnosa come una Venere piena e sensuale (lasciva ad un appassionato morbido forte abbraccio); decisa, sontuosa, con una ruvidità appena accennata e piacevole perché contrasta con la ricchezza di spezie orientali, così avvolgente di sapori e di morbida trama che non si sente quasi nemmeno l’alcol. Ha ancora alta e dalla sua l’ acidità ed ha molto lunga la persistenza, ma è anche parecchio salina;  ha tannino di media presenza ma assai maturo e grintoso; e perciò si dispiega  ritmatissima al palato, scattante, persino piacevolmente nervosa. Un grandissimo vino questa Barbera, che ha trovato il piacere perfetto su costine di agnello impanato e con le olive nere al forno.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...