Champagne extra quality brut Ployez Jacquemart NM .


C’è poco da fare: quando si ha qualcosa da celebrare una bottiglia di Champagne fa sempre la differenza. C’è il fascino del nome, certo, esotico il giusto e così onomatopeico che nemmeno il più celebrato studio di comunicazione del mondo potrebbe trovar meglio: Champagne, e già nella parola c’è tutta la spuma e il gorgoglìo di quelle bolle sottili quando sotto e ai lati della lingua.
Più difficile capire il perché dell’approvazione universale che ottiene anche da parte di chi, in tutta onestà, poco si cura del vino e certo poco si fa blandire dai nomi altisonanti. Però, quando se ne ha una bottiglia sulla tavola per un pranzo o una cena, e la compagnia e’ buona e le vivande di livello, ecco si aggiunge piacere a piacere, ed il senso critico stenta proprio a restar desto: diciamo anzi che non c’è nessuna voglia di analizzare e si pensa piuttosto a godere. Così e’ stato per me con questo Extra Quality Brut di Ployez Jaquemar, perché un fatto era evidente: sarà pure la cuvee più semplice di questa firma di Ludes, ma era uno Champagne di alta distinzione. D’altra parte alcune sue caratteristiche produttive, come il minimo dosaggio e l’impiego maggioritario dei vini d’annata, indicano chiaramente una cura ed una ricerca di fresca eleganza non frequentissime nelle etichette di ingresso. E se il corpo e’ medio, e se non ostenta complessità particolari, il suo bilanciamento e’ da applauso, con una liqueur d’expedition perfettamente integrata, con abbondanza di limoni e note agrumate che sottolineano si’ una acidità veramente alta, ma che al momento giusto sanno farsi da parte lasciando la scena a più calde nocciole, e nitidi ma delicati accenni di panificazione, firma del processo di autolisi, presentati senza alcun compiacimento, senza indulgere in una faciloneria per così dire da basso ventre, da baritono bercione che cerca l’applauso ingrossando la voce. Soprattutto e’ raffinato, diritto, di un’eleganza cesellata da fine dicitore che sa come fraseggiare anche se la voce non e’ sempre uniforme (l’astringenza), minerale nelle sue rifrangenze aromatiche e gustative, bianco e cristallino alla vista; dove le bolle sono fini, lente, pacate, ma a lungo persistenti.
Un fedele compagno troverai in lui per le piccole e grandi celebrazioni, per donare un momento di gioia e rispetto a chi ami . (21luglio 2014)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...