Nebbiolo D’Alba Cumot 2004, Bricco Maiolica, 14 gradi.

“Maledetto!”: questo il mio primo pensiero mentre cerco di estrarre il tappo che, riottoso, si spezza e si sbriciola così minuziosamente da costringermi prima a forzare l’estrazione delle singole schegge attaccate al collo della bottiglia con una punta di lama, poi a misure ancora più estreme perché i pescoli di sughero sono ormai finiti nel vino. “Maledetto” mi ripeto, mentre con un colino d’acciaio inox lo filtro versandone i primi centilitri nel decanter. “Maledetto”; so che così lo sto ossidando e che sto facendo vivere ad un vino invecchiato uno shock ambientale che potrebbe pregiudicarlo. Dieci anni non sono tantissimi in assoluto, ma nemmeno uno scherzo, sebbene mi stupisca un po’ la fragilità del tappo: altri più vecchi, conservati nelle medesime condizioni, li ho trovati impeccabili. Per mia fortuna, tuttavia, il vino c’è e me ne accorgo già mentre effettuo quelle operazioni, investito come sono dagli aromi inconfondibili e preziosi del Nebbiolo di qualche lustro. Perché quel liquido color granato, ma che ancora conserva sorprendentemente ricordi rubini nelle sue rifrazioni, e che lascia sul calice lacrime irregolarissime, lente e rade, sa confortarti con la pronunciata avvolgenza di un mondo di aromi familiare e antico, che non finisce mai di stupirti, come quando riapri dopo mesi la porta della vecchia casa di campagna e lo ritrovi lì ad aspettarti, l’odore della tua infanzia e della tua adolescenza: a ciascuno il suo. Qui, sono le rose al tardo meriggio, i gelsomini, il ribes, le fragole e le prugne rosse, le ciliegie sotto spirito, polvere di liquirizia e tabacco trinciato, vecchi legni, annosi pellami, afflati ematici e minerali (ruggine, gomma) ed un tocco di vaniglia, ricordo del legno di affinamento, lieve ma sensibile (piace, non piace: questione di gusti, qui però ormai e’ bene integrato). In bocca e’ caldo, di corpo pieno, magari più largo che slanciato da una tensione costante, seppure l’acidità sia sempre ben vivida e la struttura tannica importante, di consistenza terrosa, ma grana fine. Il gusto e’ appena meno concentrato di quanto non fosse l’aroma, ma più variegato, con accenni di cola e di tostatura, terminando armonico, con una lunghezza giusta, ma che vorresti poter trattenere ancora più a lungo. E se certo suo profilo potrebbe far la gioia di chi ama il Pinot Nero di Borgogna invecchiato, pure ha quell’espressività seria che è solo piemontese; e quelle risonanze profonde, bronzee come suoni di campane lontane, proprie dei grandi vini delle Langhe da uve nebbiolo. Non fa però, bada bene, il verso al Barolo ed al Barbaresco: ha un carattere più gentile e familiare, una sottile eleganza rustica, come quella della Parrocchiale di Diano D’Alba, che sovrasta in mezzo il paese; imponentemente barocca, ma semplice nel suo paramento ammattonato, quasi che la terra da cui nasce questo vino avesse voluto da sola farsi miracolosa un monumento, metà grotta di Betlemme, metà volta di cantina.
Godine su secondi di grandi carni, prestando speciale attenzione alla temperatura di servizio, che non sia troppo alta; per me il piacere e’ stato un raro arrosto di spalla di cervo, amore perfetto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...