Vino da Tavola Rosso, Ormanni, 13 gradi.


Che ne dici, amico, amica mia, del vino in bag-in-box? A me non spiace: e’ pratico e per un po’ si conserva bene, eppoi mi diverte l’idea di spillarlo col rubinettino, come se uscisse da una piccola botte. Io lo compro spesso – da cantine fidate- per i miei genitori, che sono anziani e fa loro comodo. Però, se è quello di Ormanni, sono io il primo a berlo volentieri: quando l’ho sulla loro tavola lo preferisco spesso a quello della bottiglia che potrei avere aperta, perché ha un certo nonsoche’ che mi stuzzica e mi intriga, come fosse la più sorridente contestazione, la più grintosa prima pagina del Vernacoliere. Insomma: mi strappa sempre sorriso e il buonumore. Sarà quel suo bel colore rubino e luminoso, trasparente, pieno di riflessi e puro al pari d’acqua di fonte, come quello dei Chianti d’una volta, con quegli archetti ben ritmati, veloci e precisi che disegna sul vetro. Sarà magari il suo aroma così vinoso e ciliegioso, fresco, vivo e pulito, che non si fa cercare ed offre una speziatura delicata e dolce. Oppure per quel suo attacco alla bocca nitido, preciso e minerale, misuratissimo ma gioviale, con un tannino fine, maturo, presente senza invadenze, con la freschezza di una bella acidità e salinità, che bilanciano perfettamente l’alcol che è giusto e ben oltre il livello normale di un vino sfuso; e come stuzzicano, come solleticano, come bisbigliano maliziose “bevimi!”. La persistenza? Non è certo la possente Riserva Borro del Diavolo, ma nemmeno scappa via! E se fosse un po’ freschino, ti sarebbe divino per una merenda col pane e olio, con una panzanella, come quando i miei nonni mietevano il grano e si ristoravano all’ombra sulle prode; altri tempi, ma magari tu oggi potrai goderne l’estate se hai un giardino ed una griglia accesa che dividerai con gli amici, od un plaid di lana grezza steso sull’erba di un prato e l’aria fresca profumata intorno. Vai da Ormanni a Poggibonsi, se abiti al nord della Toscana specie non puoi esimerti: rifatti gli occhi del bel panorama solenne davanti la cantina, riguarda le viti allevate a alberello, nere, torte e nodose; compraci vino ed olio, com’è giusto in una vera fattoria, profittando della gentilezza di chi t’accoglierà. E, se ti fidi, prova lo sfuso in bag in box, per spodestare dalla tua tavola di tutti i giorni pretenziosi, obbrobriosi vini industriali. Ora siediti, voglio dirtene il prezzo: 1,50 al litro. Ora brindiamo e sorridiamo insieme.

Per saperne di più: http://www.ormanni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...