Rimelsberg Pinot Gris 2010 Alsace AOC J.Philippe & J. Francois Becker, 13,5 gradi.


Normalmente non stravedo per il Pinot Grigio: quello che si trova di solito in giro, specie se di firma italiana, e’ vittima prediletta del mio sarcasmo. Certo, però, che se è fatto bene…I Pinot Gris alsaziani, per esempio, non mi hanno mai tradito: c’è in loro una ricchezza, una bevibilita’ dissetante ed una precisione esecutiva che sono spesso entusiasmanti. Questo dei Becker e’ proprio emblematico. Cantina forse ignota in Italia, io l’ho comprato -udite udite- su una bancarella a Parigi: il produttore esponeva ad un mercatino natalizio di prodotti alsaziani di fronte alla Gare de l’Est. Eccolo qui, nel mio vetro, così tenue e cristallino, come acqua appena appena colorata da una punta di limone, sicche’ lo diresti vinello leggero, senza aroma ne’ sapore. Riguardalo bene però, vedine gli archetti fitti e irregolari che forma ruotandolo e vedrai lui furbo e insidioso come ti inganna: perché poi lo porterai al naso ed allora ti blandirà con un’intensità nitida, fruttata, di pesche e di albicocche, di buccia di melone, di cedro, di fiori di sambuco e di mimose e già un che di roccioso e di salino ad innervarlo, così invitante che non potrai resistere. Forse tanta grazia aromatica nasconde un po’ di volatile, che agisce sulle tue percezioni come filtro d’amore che bisbiglia: “bevimi”? Ti sarà preciso sul palato, corposo ed appena un po’ oleoso sulla lingua, così da non andar subito via, ma restar li’ come una malia. Un’acidità notevole lo rinfresca, ma è soprattutto la forza salina, irruente che lo spinge e trascina te, abbandonato e incolpevole, a berne e riberne, mentre lui danza allegro e feroce sul tuo palato che saliva. Ma per più blandirti, per più addomesticarti, ecco che si presenterà alle tue papille abboccato e tu naufragherai in questo mare dolce e salato. E si dilungherà sulla tua lingua in una chiacchiera maliziosa, quanto basta per volerne ancora e ancora. Sarà quel cielo d’Alsazia così fresco, luminoso e sgombro di nuvole a renderlo così ricco, ma gioioso e irresistibile. Certo, non e’ complesso, non filosofeggia, ma se avessi qui degli amici a loro ne darei con piacere; oppure, se brillare volessi vedere il sorriso di una donna. Starà benissimo, se lo vorrai provare, con piatti di consistenza cremosa, come il paté d’oca, o dove ci siano formaggi fusi, pancette affumicate. Io ne ho goduto su un cavolo con crema di bacon e camembert, su una quiche, ma se è estate o semplicemente l’ami, gustane con carni di pollo o di maiale arrostite.

Per saperne di più: http://www.vinsbecker.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...